Notizia

Morbo di Crohn: nuova opzione terapeutica per l'infiammazione intestinale cronica


Sviluppata una nuova terapia per la malattia di Crohn
La malattia di Crohn, un'infiammazione cronica dell'intestino, viene spesso scoperta in ritardo e aumenta il rischio di sviluppare il cancro del colon. Due nuove terapie ora promettono successo nel trattamento. Questa è stata la conclusione della "Società tedesca per la gastroenterologia, le malattie digestive e metaboliche (DGV)" alla campagna "Malattie infiammatorie croniche intestinali" del 19 maggio.

Finora malattie infiammatorie intestinali come la malattia di Crohn sono state considerate quasi incurabili, anche se la MTC nella malattia di Crohn ha dato speranza ad alcuni pazienti e un nuovo farmaco nella lotta contro la malattia di Crohn.

Nuove terapie
Da un lato, si dice che il principio attivo Usteknuman aiuti efficacemente contro la malattia di Crohn, vale a dire per porre fine a uno scatto di infezione e prolungare la fase senza infiammazione. Prima di tutto, la malattia di Crohn è mostrata dalla diarrea regolare. Questi sono viscidi, ma per lo più senza sangue. In secondo luogo, negli episodi si manifesta dolore addominale nell'addome inferiore destro.

Un secondo nuovo approccio si basa sull'oligonucleotide antisenso SMAD7, che ha lo scopo di contenere l'infezione dell'ultima parte dell'intestino tenue.

Morbo di Crohn
La malattia di Crohn colpisce tutti gli strati della parete intestinale, ma non tutte le parti dell'intestino sono infiammate nella stessa misura. La causa esatta è ancora sconosciuta, ma le persone colpite mostrano una mancanza di antibiotici del corpo; pertanto, molti ricercatori sospettano una risposta immunitaria disturbata su base genetica che può essere attivata da un'infezione.

Mancano gli antibiotici, e quindi la mucosa intestinale non può allontanare adeguatamente i batteri nocivi. Questi batteri scatenano quindi l'infiammazione.

La malattia di Crohn attacca principalmente l'ultima parte dell'intestino crasso, ma colpisce anche ogni altra sezione dell'intestino, dalla bocca all'ano. L'infiammazione si verifica ovunque: quando guarisce, lascia cicatrici che possono restringere l'intestino.

Se la malattia è grave, i nutrienti dall'intestino vengono elaborati in modo insufficiente. Quindi si verificherà la perdita di peso e la perdita di sangue. Il rischio di sviluppare il cancro al colon è in aumento.

Trattamento precedente
La mesalazina può essere utilizzata come supposta o schiuma rettale se sono interessati solo il retto e il colon inferiore. In caso di recidiva grave, i preparati a base di cortisone aiutano, sotto forma di clistere o di nuovo sotto forma di schiuma. Gli agenti immunosoppressori vengono utilizzati per ricadute estremamente gravi. Questi sopprimono le funzioni di difesa e quindi inibiscono l'infiammazione.

L'azatioprina, la 6-mercaptopurina e l'infliximab aiutano a combattere la malattia di Crohn. I ceppi viventi di Eschericchia coli stabilizzano la flora intestinale. Aziathiopirine aiuta anche a prolungare i periodi senza sintomi dopo una grave recidiva. La ciprofloxacina aiuta a garantire la guarigione delle fistole e degli ascessi nella malattia di Crohn. Loperamide o colestiramina hanno dimostrato di avere successo contro la diarrea.

Chirurgia intestinale
Chirurgia intestinale
Il farmaco spesso non aiuta, specialmente se si verifica sanguinamento, l'intestino si restringe, le fistole si diffondono o il pus si accumula in grandi quantità. Quindi è necessario un intervento chirurgico.

I medici stanno ora rimuovendo le sezioni più colpite dell'intestino.
Nella malattia di Crohn, i medici evitano l'intervento chirurgico il più a lungo possibile perché l'intestino abbreviato porta ulteriori lamentele. Le suture intestinali spesso non guariscono o si sviluppano nuove fistole e ascessi.

Problemi intestinali normali
La malattia di Crohn è una malattia grave e cronica e limita fortemente il godimento della vita. Si consiglia di prestare attenzione ai sintomi se non ci sono spiegazioni alternative per i disturbi intestinali. Se hai problemi con l'intestino, dovresti chiederti:

1) Ho sovraeccitato l'intestino negli ultimi giorni? Ad esempio, ho bevuto molto caffè, consumato grandi quantità di zucchero o sostituti dello zucchero, ad esempio sotto forma di bevande energetiche, orsetti gommosi, cioccolato? Ho bevuto molto alcol e / o fumato molte sigarette? Ho consumato molti grassi animali - carne di pancia durante la griglia, oca arrosto o stinco di maiale?

2) Non ho avuto abbastanza fibre nell'intestino, cioè non ho mangiato frutta e verdura, niente legumi come fagioli o ceci, né semi di lino, semi di zucca ecc.?

3) La diarrea è iniziata dopo un pasto? Forse c'è un'intolleranza o un'intossicazione alimentare?

4) Sono appena tornato da un viaggio? Potrebbe essere una diarrea da viaggio? Questo dura da due a cinque giorni, i batteri coli o i virus sono la causa.

Se posso rispondere a tutte queste domande senza, potrebbe essere la malattia di Crohn. Al più tardi quando c'è sangue nella diarrea, forte dolore addominale e febbre, le persone colpite dovrebbero andare dal medico lo stesso giorno.

Cosa possono fare le persone colpite?
Chiunque soffra di una ricaduta acuta dovrebbe essere fisicamente attento e rimanere a letto, quindi comportarsi come un'infezione simil-influenzale.

Durante una leggera spinta, il corpo può essere alleviato da alimenti liquidi senza fibre, ma una spinta pesante richiede un'infusione. Nella malattia di Crohn, astenersi dal fumare riduce il rischio di una nuova ricaduta.

I rimedi di erbe per la diarrea e i crampi addominali sono raccomandati durante gli episodi più leggeri e nei periodi senza sintomi: sangue, menta piperita o celidonia. Lo psillio indiano è appropriato quando si modificano la diarrea e la costipazione. (Dr.Utz Anhalt)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Malassorbimento intestinale in Crohn e colite ulcerosa, cosa fare? (Ottobre 2020).