Notizia

Ricercatori: il paracetamolo per antidolorifici riduce la nostra compassione


I ricercatori hanno scoperto che il paracetamolo rende le persone insensibili
Quasi nessun altro farmaco si trova nelle famiglie tedesche spesso come il paracetamolo. In passato, il farmaco è stato spesso criticato per gli effetti collaterali indesiderati. I ricercatori hanno ora scoperto un altro effetto - precedentemente sconosciuto -: il paracetamolo indebolisce la nostra compassione.

Effetto collaterale finora sconosciuto del paracetamolo
Mal di testa, mal di denti, febbre: il paracetamolo è uno degli antidolorifici che vengono utilizzati più spesso in questo paese. Il farmaco è disponibile in farmacia senza prescrizione medica e non costa molto. Il farmaco è stato considerato sicuro per molto tempo, ma il paracetamolo è più pericoloso del previsto. Ancora e ancora, i risultati della ricerca indicano effetti sulla salute del principio attivo. È noto da molto tempo che il farmaco può aumentare il rischio di ulcere allo stomaco, ipertensione, infarto e ictus se le dosi sono troppo alte. Alcuni anni fa, le dimensioni del pacchetto di paracetamolo erano limitate perché un dosaggio eccessivo può portare a insufficienza epatica. Inoltre, il farmaco può essere pericoloso per il nascituro, come hanno dimostrato gli studi. I ricercatori degli Stati Uniti hanno ora osservato un altro indesiderato effetto collaterale del farmaco: il paracetamolo indebolisce la nostra compassione per gli altri.

Meno sensibile al dolore degli altri
Come riportano Jennifer Crocker e Baldwin M. Way della Ohio State University e Dominik Mischkowski del National Institute of Health negli Stati Uniti sulla rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience, il paracetamolo rende le persone meno sensibili al dolore che gli altri provano. Come parte del loro studio, gli psicologi hanno somministrato a 40 studenti universitari su 80 una bevanda che conteneva 1.000 milligrammi di paracetamolo. Una dose disponibile anche in Germania senza prescrizione medica, come riportato da "Welt" online. All'altra metà dei partecipanti è stata data una bevanda che non conteneva ingredienti attivi. Nessuno dei soggetti sapeva a quale gruppo appartenessero. Un'ora dopo aver preso lo studio, ai partecipanti è stato chiesto di leggere otto racconti in cui qualcuno ha avuto un'esperienza dolorosa, come un taglio o la perdita di una persona cara. Dovrebbero quindi usare una scala per indicare quanto dolore, a loro avviso, hanno provato nella storia. È stato scoperto che coloro che hanno ricevuto il paracetamolo hanno valutato il dolore come meno grave di quelli che non hanno assunto il farmaco.

Rumore senza droga meno male
In una seconda sperimentazione, altri 114 studenti sono stati divisi in due gruppi, uno dei quali ha ricevuto paracetamolo e l'altro un placebo. Tutti i soggetti hanno sentito un rumore molto forte. Il successivo sondaggio ha mostrato che gli studenti hanno valutato il rumore come meno male sotto l'influenza dell'antidolorifico. Credevano anche che gli altri avrebbero fatto lo stesso. In un altro test, gli scienziati hanno fatto in modo che i soggetti del test guardassero una sequenza di videogiochi in cui una persona era esclusa da una squadra. In questo modo, hanno verificato se anche il sentimento per l'esperienza socialmente dolorosa di qualcun altro ha sofferto quando i partecipanti allo studio avevano preso l'antidolorifico. Anche i ricercatori avevano ragione su questo assunto.

Poca attenzione è stata posta agli effetti collaterali psicologici
Gli effetti collaterali psicologici del paracetamolo sono stati finora trascurati. "Priva le persone della capacità di mettersi nei panni degli altri". In una dichiarazione della Ohio State University, Way ha dichiarato: "Non sappiamo perché il paracetamolo abbia questi effetti, ma è preoccupante." Che il farmaco non solo allevia il dolore, ma anche gli effetti ha anche mostrato uno studio pubblicato lo scorso anno sulla rivista "Psychological Science". L'agente di conseguenza smorza le reazioni emotive. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Paracetamolo: proprietà ed effetti collaterali (Ottobre 2020).