Notizia

Bassa mortalità: le persone moderatamente in sovrappeso vivono circa 4 anni in più


Le persone grasse oggi hanno un tasso di mortalità inferiore rispetto alle persone normali
Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che l'obesità e l'obesità non sono salutari. Tuttavia, un nuovo studio danese mostra che oggi le persone grasse vivono più a lungo delle persone magre. I ricercatori hanno valutato i dati di oltre 100.000 cittadini.

Essere grassi non è salutare
La ricerca ha dimostrato che l'obesità costa molti anni di vita. Se pesa troppo, ha un rischio maggiore di malattie secondarie o concomitanti come diabete, ipertensione, arteriosclerosi (indurimento delle arterie), disturbi del metabolismo dei grassi, malattie coronariche come attacchi di cuore e alcuni tipi di cancro. Tre su quattro soffrono di tali malattie secondarie. D'altra parte, uno studio recente ha dimostrato che le persone in sovrappeso non vivono necessariamente più in salute. L'indice di massa corporea (BMI) dice poco sulla nostra salute, secondo gli scienziati dell'Università della California a Los Angeles (USA). E i ricercatori svedesi stanno segnalando che le persone grasse oggi vivono anche più a lungo delle persone magre.

Le persone obese hanno un tasso di mortalità inferiore rispetto a quelli magri
Secondo un nuovo studio, oggi le persone obese hanno un tasso di mortalità inferiore rispetto alle persone normali. Secondo l'autore dello studio Børge G. Nordestgaard dell'ospedale universitario di Copenaghen, la ragione di questo cambiamento non è stata chiaramente chiarita. I dati di oltre 100.000 persone in Danimarca sono stati valutati per lo studio pubblicato sul Journal of American Medical Association (JAMA). Questi sono stati esaminati per la loro mortalità negli anni 1976-1978, 1991-1994 e dal 2003 al 2013. Sono stati presi in considerazione vari rischi per la salute come il consumo di tabacco.

L'indice di massa corporea ottimale è aumentato nel corso degli anni
Il peso normale è determinato sulla base dell'indice di massa corporea (BMI). Da un BMI di 30, si parla di obesità. Sarebbe 86,5 chilogrammi per un'altezza corporea di 1,70 metri. L'IMC può essere calcolato dividendo il peso corporeo in chilogrammi per il quadrato dell'altezza in metri. Con un BMI tra 25 e 30, una persona è considerata in sovrappeso e oltre 30 è considerata obesa. L'attuale studio ha dimostrato che le persone con un indice di massa corporea di 23,7 (cioè un peso di 78 kg e una dimensione di 1,83) vivevano più a lungo negli anni '70. All'inizio degli anni '90 l'IMC ottimale era di 24,6, ovvero cinque chili in più per la stessa altezza. E nel periodo compreso tra il 2003 e il 2013, l'IMC ottimale è addirittura aumentato a 27, il che corrisponde a ben 90 chilogrammi con un'altezza di 1,83 - dodici chilogrammi in più rispetto agli anni '70.

Ripensare la definizione di sovrappeso
Lo studio ha anche rivelato che le persone obese avevano un tasso di mortalità più elevato rispetto alle persone di peso normale negli anni '70, ma hanno vissuto altrettanto a lungo dagli anni 2000. Secondo i ricercatori, i risultati devono ridefinire dove inizia il sovrappeso. Secondo un rapporto del sito web ScienceDaily, Nordestgaard ha dichiarato: "Se questo risultato fosse confermato in altri studi, indicherebbe che l'OMS deve rivedere le sue attuali definizioni di sovrappeso, sulla base di dati precedenti agli anni '90 . ”Lo scienziato ha anche indicato che sono necessarie ulteriori indagini per comprendere la ragione di questo cambiamento e i suoi effetti. I ricercatori hanno anche scritto che i risultati non dovrebbero essere interpretati nel senso che le persone non prestano più attenzione a un'alimentazione sana. Gli scienziati statunitensi e canadesi hanno raggiunto risultati simili anni fa come i loro colleghi svedesi. All'epoca, secondo un meta-studio, riferirono anche sulla rivista Journal of the Medical American Association (JAMA) che le persone in sovrappeso vivono più a lungo. Tuttavia, il rischio di mortalità associato all'obesità estrema aumenta enormemente. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: SDV 0330 (Agosto 2020).