Notizia

Fare facce: i bambini non possono ancora imitare le espressioni facciali


Nuovo studio: i bambini non possono imitare le smorfie
È incredibile quanto e quanto velocemente i bambini imparano. Anche i gesti degli adulti sono imitati. Almeno molti genitori pensano quando fanno una smorfia di fronte alla culla e pensano che la loro prole li imiti. Tuttavia, i ricercatori hanno ora scoperto che i più piccoli probabilmente non sono in grado di farlo.

I neonati non possono imitare le espressioni facciali
Le coppie che sono diventate genitori per la prima volta sono spesso preoccupate per il bambino nelle prime settimane. Di norma, la maggior parte delle persone sa che i bambini diventano stupidi attraverso i discorsi, ma a molti non è possibile impedire di fare "Dutzi Dutzi" o "Making Bubu". Inoltre, le smorfie sono fatte davanti ai letti, perché sembra così carino quando i piccoli imitano i gesti. Ma a quanto pare la prole non è ancora in grado di farlo: secondo gli ultimi risultati, i bambini non possono imitare le espressioni facciali. Devi prima imparare questa abilità.

L'abilità non viene messa nella culla dei neonati
Apparentemente, la capacità di imitare i gesti e le espressioni facciali non è nata dai bambini. Durante i primi mesi, erano estremamente interessati a ciò che l'altra persona stava facendo, ma in nessun modo erano in grado di imitare in modo specifico smorfie, movimenti delle mani o rumori. Come riporta "Spiegel" online, i ricercatori guidati da Janine Oostenbroek e Virginia Slaughter dell'Università del Queensland (Australia) hanno testato 106 bambini di una, due, sei e nove settimane di età, indipendentemente dal fatto che imitassero espressioni facciali o gesti. "I risultati sono stati chiari e inequivocabili: i bambini non hanno imitato nessuno dei comportamenti che hanno visto", hanno scritto gli scienziati sulla rivista "Current Biology".

Comportamento appreso nei primi mesi di vita
"Numerosi studi degli anni '80 e '90 non hanno indicato l'imitazione dei neonati, altri lo hanno fatto", ha detto Slaughter, secondo un rapporto del portale Internet "ScienceDaily". "Volevamo chiarire la confusione perché il" fatto "che i neonati imitano viene spesso citato, non solo nei campi della psicologia, delle neuroscienze e della pediatria, ma anche nelle fonti popolari per i genitori." Secondo lo "Spiegel", la probabilità che i neonati avevano una smorfia identica, nella presente inchiesta erano alti come gli altri. Lo studio sottolinea inoltre che l'imitazione non è innata, ma il comportamento appreso nei primi mesi di vita.

Eccitazione alla vista di un adulto
Il fattore decisivo che ha portato molti studi in passato a concludere che i neonati possono imitare i gesti e le espressioni facciali è stata, secondo Slaughter, la scelta severamente limitata delle espressioni utilizzate negli studi precedenti. In base a ciò, i "leader" spesso tiravano fuori la lingua o aprivano la bocca. "Se i bambini inarcano anche la lingua quando un adulto sembra felice o mostra le dita, non è un caso di imitazione, ma probabilmente di eccitazione alla vista di un adulto che fa qualcosa di interessante", ha detto Slaughter. Il team di ricerca ha quindi utilizzato un numero significativamente maggiore di gesti e forme di espressione molto diversi, che sono stati mostrati ai più piccoli per 60 secondi ciascuno.

L'indagine non ha suggerito la contraffazione mirata
Oltre a sporgere la lingua e la bocca, una faccia triste e un sorriso erano tra gli undici comportamenti. Inoltre sono stati aggiunti due gesti (puntamento e presa) e tre suoni ("mmm", "eee", "click"). E con due oggetti venivano imitati i gesti delle mani: un cucchiaio allungato da un tubo (come copia di un dito) e una scatola di chiusura (come corrispondenza per afferrare), quindi lo "specchio". Come hanno spiegato gli scienziati, molti dei 106 bambini si sono addormentati durante i test individuali o hanno iniziato a piangere. Pertanto, sono stati valutati solo i set di dati da 64 a 90 dei bambini. Nessuno di loro ha suggerito un'imitazione mirata.

I genitori imitano le espressioni facciali e i gesti dei loro bambini
La strage ha spiegato che in realtà spesso accade che inizialmente i genitori imitino le espressioni facciali e i gesti dei loro piccoli. La loro valutazione aveva dimostrato che in media questo accade una volta ogni due minuti quando si ha a che fare con il bambino. In questo modo, i bambini probabilmente hanno imparato a collegare le proprie espressioni a quelle degli altri e alla fine le imitano. "I risultati dovrebbero essere una notizia costruttiva per tutti coloro che hanno aspettato invano che il loro neonato li imitasse", hanno concluso i ricercatori. "Questo è assolutamente normale - e ad un certo punto quasi tutti iniziano con esso." Presumono che ciò non accada fino a 6-8 mesi. Ulteriori valutazioni dovrebbero ora mostrare esattamente quando. I risultati degli studi precedenti sono stati anche messi in discussione dagli scienziati anni fa. Elizabeth Ray dell'University College di Londra e Cecilia Heyes dell'Università di Oxford hanno scritto nel 2011 sulla rivista "Developmental Science" che la metodologia delle analisi e l'interpretazione delle osservazioni dovevano essere criticate. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: COME PARLARE ai BAMBINI NON VERBALI (Ottobre 2020).