Notizia

Le compagnie di assicurazione sanitaria temono maggiori spese aggiuntive a causa della nuova legge sull'integrazione


Le compagnie di assicurazione sanitaria obbligatorie prevedono milioni di costi a causa della legge sull'integrazione
Le compagnie di assicurazione sanitaria obbligatorie in Germania hanno avvertito di possibili spese aggiuntive a causa della prevista legge di integrazione della coalizione nero-rossa. Soprattutto, si temono i costi aggiuntivi per gli interpreti. Tuttavia, la maggior parte dei rifugiati è più sana del previsto.

Spese aggiuntive dovute alla prevista legge sull'integrazione
Secondo un rapporto dell'agenzia di stampa AFP, le compagnie di assicurazione sanitaria obbligatorie in Germania hanno avvertito di spese aggiuntive a causa della prevista legge di integrazione per i rifugiati. Secondo un annuncio preliminare di sabato, il capo dell'associazione federale AOK, Martin Litsch, ha dichiarato allo "Spiegel": "Stimiamo che ciò comporterà spese aggiuntive di circa 120 milioni di euro all'anno nel solo settore dell'assicurazione sanitaria obbligatoria".

Diritto a un interprete pagato
Come riportato, la legge chiarisce che i migranti hanno diritto a un interprete retribuito per le visite ufficiali nei primi tre anni di permanenza, che dovrebbe applicarsi anche agli appuntamenti con il medico o l'ospedale. Poiché l'integrazione è un compito per la società nel suo insieme, Litsch ha richiesto denaro fiscale dal bilancio federale. "Se l'assicurazione sanitaria obbligatoria deve essere pagata in anticipo, almeno il sussidio federale deve essere aumentato di conseguenza", ha dichiarato il capo dell'AOK.

La legge dovrebbe migliorare l'integrazione nel mercato del lavoro
Secondo le informazioni, la legge sull'integrazione elaborata dal Ministero federale del lavoro e dal Ministero dell'Interno intende, tra l'altro, migliorare l'integrazione dei rifugiati nel mercato della formazione e del lavoro. Il progetto è attualmente in votazione dipartimentale. Secondo un rapporto Reuters, i richiedenti asilo sono assicurati dalle compagnie di assicurazione sanitaria obbligatorie al più tardi entro 15 mesi; i costi sono a carico dello Stato. Prima di ciò, hanno quindi diritto alle cure di base.

Molti rifugiati sono traumatizzati
Anche se a molti clienti abituali di destra non può essere impedito di precipitarsi sui rifugiati e di evocare pericoli, gli esperti del Robert Koch Institute (RKI) hanno da tempo chiarito che non vi è alcun rischio per la salute dei rifugiati. Piuttosto, i richiedenti asilo sono un gruppo vulnerabile di uno che rappresenta un pericolo per gli altri. Negli ultimi mesi le autorità competenti hanno riferito che i rifugiati sono generalmente più sani di quanto precedentemente previsto. Tuttavia, molti di loro raggiungono la Germania traumatizzati. Poiché i traduttori sono quasi sempre necessari per la psicoterapia con i rifugiati, la Camera federale degli psicoterapeuti (BPtK) ha proposto mesi fa di modificare la legge sui benefici per i richiedenti asilo in modo che tutti i rifugiati abbiano generalmente il diritto di interpretare i servizi se sono necessari per le cure mediche. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Quello che non sai sulle assicurazioni sanitarie (Settembre 2020).