Notizia

La depressione in costante aumento è spesso un precursore precoce della demenza


L'aumento dei sintomi della depressione può indicare una demenza imminente
In studi precedenti, è stata trovata più volte la prova di un legame tra depressione e rischio di successiva demenza. Un recente studio di ricercatori olandesi ha ora dimostrato che il decorso della depressione ha un impatto significativo sull'aumento del rischio di demenza. Un peggioramento del decorso della malattia potrebbe essere un presagio di demenza imminente, riferiscono i ricercatori. Hanno pubblicato i risultati dei loro studi sulla rivista specializzata "The Lancet Psychiatry".

Secondo i ricercatori, la relazione tra depressione e rischio di demenza è stata ampiamente studiata in studi precedenti, sebbene il decorso della malattia non sia stato preso in considerazione. Il team di ricerca attorno al Dr. Nel suo studio attuale, M. Arfan Ikram dell'Erasmus Medical Center di Rotterdam ha studiato la misura in cui il rischio di demenza differisce nei diversi corsi di depressione. Secondo i loro risultati, il rischio più elevato di demenza può essere visto soprattutto con un significativo aumento dei sintomi depressivi.

Dati da 3.325 persone valutate
Per il loro studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati del cosiddetto studio di Rotterdam, attivo dal 1990 e che registra regolarmente i dati medici di migliaia di adulti di età superiore ai 55 anni. Gli scienziati hanno esaminato i dati di 3.325 persone che non hanno mostrato segni di demenza, ma hanno mostrato sintomi di depressione in almeno un test. I dati provengono dagli anni 1993-2004. Gli scienziati hanno diviso i soggetti del test in cinque gruppi con diversi cicli di sintomi depressivi: sintomi di depressione persistentemente bassi; sintomi inizialmente gravi che sono diminuiti nel tempo; sintomi iniziali bassi che si sono risolti nel corso ulteriore (placarsi e ricorrenti); bassi sintomi iniziali che poi sono aumentati costantemente; sintomi iniziali elevati che sono rimasti elevati. Secondo i ricercatori, 434 soggetti hanno sviluppato demenza durante i 26.330 anni-persona valutati.

Il decorso della depressione è cruciale per il rischio di demenza
L'analisi più dettagliata dei singoli gruppi ha chiarito che i ricercatori olandesi segnalano che c'era solo un rischio più elevato di demenza se il decorso dei sintomi depressivi aumentava. Il rischio di demenza differiva significativamente tra i diversi corsi della depressione. I ricercatori sottolineano che questi corsi non possono essere valutati da un'unica valutazione dei sintomi depressivi. Tuttavia, un aumento dei reclami durante il follow-up dovrebbe essere valutato come un presagio relativamente affidabile di demenza imminente. Sono ora necessarie ulteriori indagini per decifrare la connessione tra il decorso della depressione e il rischio di demenza. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Know How Salute: declino della memoria, demenza senile e Alzheimer - integrale (Settembre 2020).