Notizia

Lancio della campagna di richiamo del formaggio francese - Rilevazione dei batteri a Roquefort


Il produttore inizia a richiamare il formaggio Roquefort a causa dei batteri E. coli
A causa del rilevamento di batteri Escherichia coli (E. coli) che formano la verotossina, il produttore Vernières Frères ha lanciato una campagna di richiamo per il suo formaggio blu Roquefort. Interessato è il formaggio con il nome del prodotto "Grand Maitre Roquefort AOP 100g", la data di scadenza 25 giugno 2016 e l'etichetta LOS 151.032. Il formaggio che è già stato acquistato non deve essere consumato, secondo la notifica del produttore, poiché altrimenti sussiste il rischio di problemi di salute.

Nel "Grand Maitre Roquefort AOP 100g" del lotto menzionato "E. coli (gene Stx1) che forma la verotossina sono stati trovati durante un esame, che probabilmente può causare problemi di salute se consumati", riferisce il produttore Vernières Frères. Il prodotto era stato immesso sul mercato in tutta la Germania attraverso diversi canali di vendita, secondo l'Ufficio federale della protezione dei consumatori e della sicurezza alimentare sul suo portale "lebensmittelwarnung.de". Il formaggio già acquistato non deve essere consumato. Tuttavia, la comunicazione del produttore non indica in che modo è possibile effettuare un reso a fronte di un rimborso del prezzo di acquisto.

Il rilevamento di E. coli che forma la verotossina negli alimenti è un grave rischio, perché con il trattamento delle infezioni corrispondenti con antibiotici, la verotossina viene sempre più rilasciata e possono verificarsi gravi complicazioni. Il trattamento farmacologico è quindi spesso possibile solo in misura limitata. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Decornarea caprelor (Settembre 2020).