Notizia

Zuppa tradizionale di cockchafer: brutta o gustosa?


Un piatto tradizionale dimenticato
In gran parte del mondo, gli insetti sono un alimento comune, mentre per molti europei l'idea da sola provoca un senso di disgusto. Anche il consumo di animali striscianti non è un nuovo sviluppo in questo paese. Fino alla metà del secolo scorso, alcuni piatti di insetti erano comuni anche in Germania. La zuppa di barbabietola di maggio, che si dice abbia un sapore simile a quello della zuppa di gamberi, è stata servita stagionalmente nell'Assia settentrionale e in Turingia (l'autore non l'ha provato da solo; nota dell'editore). I maldestri brummers erano disponibili anche come dessert primaverili, arrostiti e canditi nelle pasticcerie. Oggi lo ricorda solo il cockchafer al cioccolato, senza alcun componente di insetto.

La zuppa di cockchafer è descritta nella rivista di medicina statale dal 1844 come "cibo eccellente e forte". Ecco come prepararli al meglio. Per prima cosa il cicala viene raccolto vivo dagli alberi - circa 30 animali per porzione. Non avresti dovuto mangiare foglie di quercia, altrimenti hanno un sapore amaro.

Prima della preparazione, gli scarabei vengono lavati e le ali e le zampe simili a corno vengono rimosse. Quindi vengono schiacciati con un mortaio, arrostiti nel burro caldo e cotti in un brodo di carne. La zuppa viene passata prima di mangiare e legata con un po 'di roux e tuorlo d'uovo. La zuppa di coleottero di maggio veniva spesso raffinata con fegato di vitello a fette ed erba cipollina e servita con pane bianco tostato.

Gli scarafaggi appartengono al gruppo degli scarabei biancospino e trascorrono quattro anni della loro vita come larve nel terreno. Solo allora si schiudono i giovani coleotteri grigio-brunastri, che si nutrono principalmente di foglie di latifoglie come faggio e quercia. Ormai da alcuni anni gli animali sono comparsi più frequentemente, ma raramente si osservano aumenti di massa. In passato, gli scarabei di May erano così numerosi da essere presi di mira e mangiati. (Heike Kreutz, aiuto)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: More june bug sounds (Settembre 2020).