Notizia

Nuova procedura progettata per il monitoraggio dei danni ai nervi


Nuove opzioni per il monitoraggio dei nervi durante la chirurgia del cancro del retto
La chirurgia del cancro del colon può causare lesioni ai nervi, che possono causare impotenza o intestino e incontinenza urinaria e una drastica perdita della qualità della vita. I chirurghi del Centro medico universitario di Magonza hanno quindi sviluppato ulteriormente una procedura innovativa che viene utilizzata per monitorare i nervi durante la chirurgia del cancro del retto e per aiutare a prevenire le lesioni nervose corrispondenti.

Ogni anno circa 20.000 tedeschi sviluppano il cancro del retto in Germania, e per gran parte di essi la rimozione radicale del tumore rimane l'unica opzione, secondo il Medical Center dell'Università Johannes Gutenberg di Magonza. "Tuttavia, tale operazione può portare a lesioni ai nervi pelvici con effetti drastici sulla vescica, sui movimenti sessuali e intestinali", avvertono gli esperti di medicina universitaria. Le persone colpite affrontano una perdita significativa nella qualità della vita. Al fine di minimizzare questo pericolo in larga misura, i chirurghi di Mainz hanno sviluppato ulteriormente il metodo per monitorare i nervi durante la chirurgia del cancro del retto.

Ridurre il rischio di lesioni ai nervi durante l'intervento chirurgico
Nell'ambito di un progetto finanziato dal Ministero federale dell'educazione e della ricerca (autoPIN), i medici hanno ulteriormente sviluppato la procedura di monitoraggio dei nervi per un'applicazione minimamente invasiva e l'hanno testata con successo in un test modello. La procedura consente un monitoraggio significativo dei nervi e il rischio di lesioni ai nervi può essere ulteriormente ridotto, riferisce il Medical Center dell'Università di Magonza. La vescica, la funzione sessuale e la defecazione sono controllate dagli impulsi nervosi e durante l'intervento chirurgico nella piccola pelvi, i nervi autonomi sono esposti a un rischio particolarmente elevato di lesioni. Dopo l'operazione del cancro del retto, è possibile determinare un aumento del tasso di vescica e disfunzione sessuale, nonché i movimenti intestinali, secondo l'annuncio della medicina universitaria. Gli esperti stimeranno i successivi costi di trattamento e riabilitazione in tutta la Germania a diversi milioni di euro all'anno.

Monitoraggio in tempo reale delle vie nervose
"Al fine di ridurre al minimo il rischio di lesioni ai nervi, i chirurghi del Centro medico universitario di Magonza e i loro partner tecnici hanno sviluppato un metodo per il monitoraggio dei nervi collegato alla chirurgia del cancro del retto", riferisce il Centro medico dell'Università di Magonza. La procedura brevettata è stata utilizzata clinicamente a Magonza dal 2010. Un altro miglioramento è stato ora raggiunto. "Nel cosiddetto neuromonitoraggio intraoperatorio, i nervi vengono stimolati e quindi resi visibili al chirurgo e all'équipe chirurgica su monitor in sala operatoria", spiegano gli esperti di Mainz sulle basi della procedura. Il monitoraggio dei nervi può essere combinato molto bene con la tecnica di preparazione mini-invasiva (chirurgia del buco della serratura) e consente al chirurgo di ricevere un feedback in tempo reale sulla manutenzione dei nervi. Con il nuovo metodo, "il segnale che è cruciale per il monitoraggio dei nervi può ora essere generato da una sonda di superficie", secondo il rapporto del Medical Center dell'Università.

Mantenere la qualità della vita dopo l'intervento chirurgico
"La sonda di superficie è stata sviluppata in collaborazione con l'Istituto Fraunhofer e ha introdotto Medizintechnik GmbH come parte del progetto di ricerca e consente la generazione di segnali di neuromonitoraggio ancora più significativi, come hanno dimostrato i nostri studi nell'esperimento modello", sottolinea il dott. Daniel Kauff della Clinica per la chirurgia generale, viscerale e dei trapianti (AVTC) del Centro medico universitario di Magonza nell'attuale comunicato stampa. Inoltre, la sonda può essere collegata rapidamente e comodamente o in modo minimamente invasivo con un solo movimento, continua Kauff. Il direttore di AVTC, Univ.-Prof. Dr. Secondo Hauke ​​Lang, nulla dovrebbe essere lasciato incontrollato per mantenere la qualità della vita dei pazienti sottoposti a chirurgia del cancro del retto. Qui, il nuovo metodo minimamente invasivo per il monitoraggio dei nervi nella chirurgia del carcinoma del braccio è estremamente promettente. Le conoscenze acquisite nel test del modello dovrebbero quindi essere verificate immediatamente in uno studio clinico, aggiunge il professor Dr. Werner Kneist dell'AVTC. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Il cip per il controllo della mente: Stimoceiver (Settembre 2020).