Notizia

La nutrizione mediterranea protegge da infarti e ictus nei disturbi cardiovascolari


Il consumo di frutta, verdura e pesce può prevenire le malattie cardiache
È noto da tempo che l'alimentazione può avere un impatto enorme sulla nostra salute. I ricercatori sono ora stati in grado di dimostrare che le persone con malattie cardiache hanno un minor rischio di sviluppare infarti e ictus se seguono una dieta prevalentemente mediterranea.

Gli scienziati dell'ospedale della città di Auckland hanno ora scoperto che una dieta mediterranea può proteggere da infarti e ictus se i malati hanno precedentemente avuto malattie cardiache. I medici hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista "European Heart Journal".

Il grande studio internazionale esamina più di 15.000 materie
Il grande studio internazionale ha esaminato oltre 15.000 persone provenienti da 39 paesi per determinare i potenziali benefici del consumo di cibi mediterranei con un'alta percentuale di frutta, verdura e pesce, affermano i ricercatori. I medici hanno riconosciuto che la dieta mediterranea può proteggere le persone con malattie cardiache dallo sviluppo di infarti e ictus. Per ogni cento persone che mangiano un'alta percentuale di cibo mediterraneo sano, ci sono stati tre attacchi di cuore, meno ictus o meno morti, spiegano gli esperti. Una cosiddetta dieta occidentale con cibi fritti, carboidrati raffinati e bevande zuccherate, ma non aumenta il rischio di tali malattie, affermano i medici. Pertanto, è chiaro che le persone con malattie cardiache non devono necessariamente evitare cibi malsani, ma devono semplicemente consumare quantità molto maggiori di cibi sani, aggiungono gli autori.

Lo studio esamina gli effetti della dieta mediterranea sulle persone con malattie cardiache
La scoperta chiave è che alcuni alimenti, come frutta e verdura, sembrano ridurre il rischio di infarti e ictus, spiega il professor Ralph Stewart, capo dello studio dell'ospedale di Auckland, in Nuova Zelanda. Questo effetto positivo non è influenzato da rischi tradizionali come colesterolo basso o problemi con la pressione sanguigna. Mangiare cibi più sani potrebbe facilmente ridurre il rischio di malattie cardiache, aggiunge il professore. Esistono già alcune linee guida per la salute pubblica che hanno indicato che una dieta mediterranea può prevenire le malattie cardiovascolari. Ma gli scienziati volevano studiare gli effetti speciali sulle persone con malattie cardiache esistenti, spiega il Prof. Stewart.

Lo studio misura gli effetti su una cosiddetta scala dei punti MDS
Le 15.482 persone nello studio avevano un'età media di 67 anni. Ai soggetti è stato chiesto di compilare questionari sulla loro dieta. Quindi le informazioni sono state classificate su una scala di punti, spiegano i dottori. Questo aveva una gamma totale da 0 a 24 punti. I ricercatori hanno calcolato sia un valore nutrizionale mediterraneo (MDS) sia un valore in punti per il cibo occidentale (malsano) consumato. Dopo aver escluso altri fattori che potrebbero influenzare il risultato, i ricercatori hanno scoperto che qualsiasi aumento dell'MDS era associato a una riduzione del sette percento del rischio di infarto e ictus, affermano gli esperti. I risultati sono stati coerenti in tutte le regioni geografiche coinvolte nello studio. Lo studio ha esaminato solo persone che avevano già avuto malattie cardiache. Ma la maggior parte delle persone è più interessata a come generalmente possono evitare le malattie cardiache prima che si verifichino, aggiungono i ricercatori. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Roberto Volpe Alleanze per una migliore prevenzione cardiovascolare (Settembre 2020).