Notizia

Tragico e tuttavia un grande miracolo: una donna morta di cervello dà alla luce un bambino sano


La madre morta rimarrà in vita per 55 giorni per salvare il suo bambino
Una donna morta può dare alla luce un bambino sano? Di solito no, ma i medici in Polonia sono riusciti a mantenere in vita una madre morta per un cervello per più di 55 giorni, dopo di che può salvare il suo bambino non ancora nato. I parenti della madre hanno chiesto ai dottori.

I medici polacchi hanno tentato tutto il possibile per salvare un bambino non ancora nato. I medici responsabili dell'ospedale universitario di Wroclaw hanno mantenuto in vita una madre morta per 55 giorni, salvando così la vita della sua prole. Il bambino prematuro estremo è nato attraverso un taglio cesareo e inizialmente pesava solo circa un chilogrammo.

Il figlio della madre morta è nato a gennaio
Il bambino, la cui madre biologica era morta da un cervello da 55 giorni, è nata a Breslavia a gennaio. Martedì 19 aprile 2016, i medici dell'ospedale universitario di Wroclaw hanno annunciato di essere riusciti a salvare il bambino morto nel cervello, riporta il portale di notizie Focus online. Dopo che il neonato è nato con successo, i medici hanno interrotto le misure di supporto vitale della madre.

La madre è morta per un tumore al cervello, i parenti hanno insistito per salvare il bambino
Di solito, le gravidanze sono molto raramente sostenute per così tanto tempo. In una fase così precoce della gravidanza (dopo 17 o 18 settimane), possono verificarsi molte complicazioni che rendono il compito significativamente più difficile. La donna incinta di 41 anni era stata ricoverata in ospedale alla fine dello scorso anno, hanno detto i medici. La futura mamma soffriva di un tumore al cervello e poco dopo fu dichiarata dagli esperti morte cerebrale. Tutta la famiglia della madre morta ha chiesto di fare tutto il possibile per salvare il bambino, spiega la professoressa Barbara Krolak-Olejnik, capo della sezione neonatale della Clinica universitaria di Wroclaw, secondo il portale di notizie Focus online.

I medici hanno mantenuto le funzioni vitali per 55 giorni per far crescere i bambini
Il mantenimento delle funzioni vitali della madre morta nel cervello è stata una battaglia di 55 giorni, afferma il Prof. Krolak-Olejnik. I medici hanno cercato di garantire che il nascituro potesse crescere il più a lungo possibile. Dovrebbe svilupparsi il più a lungo possibile nell'utero, ma poi è arrivato il giorno in cui la vita del nascituro è stata seriamente minacciata, spiega il Prof. Pertanto, i medici sono stati costretti a dare alla luce un bambino con taglio cesareo. Il neonato è nato a gennaio, la 26a settimana di gravidanza. Gli esperti hanno spiegato che ciò avveniva circa tre mesi prima della normale data di nascita.

Il bambino pesava solo un chilogrammo alla nascita
Il bambino piccolo pesava solo un chilogrammo alla nascita. Ora, dopo tre mesi nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale, il bambino pesava già tre chili. I dottori erano così contenti del bambino che gli fu persino permesso di lasciare l'ospedale. Ora è importante essere pazienti e aspettare e vedere come si sviluppa il bambino e come crescerà nel prossimo futuro, spiega il Prof. Nel frattempo, il bambino non dipende più dai dispositivi medici, il bambino beve normalmente dal biberon e respira in modo completamente indipendente spiega il medico polacco secondo Focus online. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Cosa succede nel cervello di una donna quando diventa mamma? E in quello di papà? (Ottobre 2020).