Notizia

DocMorris è in definitiva soggetto alla controversia sugli sconti


La Corte costituzionale federale conferma la sentenza della Corte sociale federale
Karlsruhe (jur). La farmacia per corrispondenza olandese DocMorris è stata finalmente sconfitta nella disputa sugli sconti del produttore per i prodotti farmaceutici. Con una decisione pubblicata lunedì 11 aprile 2016, la Corte costituzionale federale di Karlsruhe ha confermato la giurisprudenza sprezzante del Tribunale sociale federale (BSG) di Kassel (numero di fascicolo: 2 BvR 1305/10).

Lo sconto del produttore è stato introdotto nel 2003 per alleviare le compagnie di assicurazione sanitaria. In passato erano sei, ora 16 e ora il cinque percento del prezzo del produttore. Lo sconto non è pagato direttamente dai produttori farmaceutici. Piuttosto, le compagnie di assicurazione sanitaria tagliano di conseguenza le fatture delle farmacie e le farmacie ottengono quindi i soldi dai produttori.

Le farmacie e le compagnie di assicurazione sanitaria hanno concordato l'esatta elaborazione in un accordo quadro. Il produttore ritiene che la partecipazione al contratto fosse ed è un prerequisito per il rimborso degli sconti.

DocMorris inizialmente non ha sottoscritto questo contratto e non lo ha fatto fino al 13 novembre 2008. La partecipazione di farmacie estere all'accordo quadro è stata regolata dalla legge dal 2010.

Il motivo dell'adesione a DocMorris è stata la prima perdita nella disputa sugli sconti prima del 1 ° Senato BSG (sentenza del 28 luglio 2008, numero di fascicolo: B 1 KR 4/08 R). Senza il contratto quadro come base giuridica, la farmacia per corrispondenza non può rivendicare pretese monetarie nei confronti di terzi, vale a dire i produttori. Il 3 ° Senato BSG si è unito più volte (sentenza più recente e annuncio JurAgentur del 24 gennaio 2013, rif.: B 3 KR 11/11 R).

DocMorris ha presentato ricorso alla Corte costituzionale federale avverso una di queste decisioni (in particolare contro una sentenza BSG del 17 dicembre 2009, numero di fascicolo: B 3 KR 14/08 R). Lo sconto è prescritto dalla legge. Inoltre, la BSG avrebbe dovuto chiedere alla Corte di giustizia europea (CGUE) a Lussemburgo se le farmacie estere per corrispondenza potessero essere escluse dallo sconto del produttore.

Con la sua decisione del 24 marzo 2016, che è stata ora pubblicata per iscritto, la Corte costituzionale federale non ha nemmeno accettato l'appello per una decisione. DocMorris ha concordato con le compagnie di assicurazione sanitaria di detrarre lo sconto del produttore nei singoli contratti. La società non può derivare alcun diritto contro i produttori da questo. Il diritto dell'UE non è stato violato. Ciò era così "ovvio" che non era necessaria una presentazione alla CGE. (mwo / fle)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: BOUND (Ottobre 2020).