Notizia

Le donne in gravidanza dovrebbero mangiare pesce grasso per proteggere i propri figli dall'asma


Se le future mamme mangiano due porzioni di salmone a settimana, il rischio di asma nel bambino diminuisce
Le donne incinte generalmente prestano molta attenzione alla loro salute e nutrizione, perché la nostra dieta può avere un impatto enorme sul nascituro. Gli scienziati hanno ora scoperto che le madri che mangiano molti pesci grassi (salmone) proteggono indirettamente il loro bambino dalle successive malattie dell'asma.

Se le future mamme mangiano molti pesci grassi, come il salmone, il rischio successivo del bambino di sviluppare l'asma è ridotto. Gli scienziati dell'Università di Southampton hanno dichiarato in un comunicato stampa sulla loro indagine che mangiare salmone due volte a settimana è sufficiente per ridurre una successiva probabilità di sviluppare l'asma. I medici hanno presentato i risultati del loro studio al Congresso di biologia sperimentale di San Diego.

Lo studio ha condotto test allergologici all'età di 6 mesi e due anni
Un'indagine condotta dal professor Philip Calder dell'Università di Southampton ha scoperto che le donne dovrebbero mangiare il salmone più spesso durante la gravidanza. Nello studio randomizzato e controllato, un gruppo di donne in gravidanza è stato servito pesce due volte alla settimana. Le madri hanno iniziato questa dieta nella 19a settimana di gravidanza e hanno continuato fino alla nascita del bambino. I test allergologici sono stati successivamente eseguiti sui bambini all'età di sei mesi. Questi sono stati poi ripetuti tra i due ei tre anni, spiegano i ricercatori. I risultati sono stati quindi confrontati con un gruppo di controllo le cui madri non avevano mangiato salmone durante la gravidanza. I primi risultati all'età di sei mesi non hanno mostrato differenze nella frequenza delle allergie. La situazione è cambiata all'età di due anni e mezzo. I figli di madri che avevano mangiato salmone erano meno a rischio di sviluppare l'asma, spiega il prof. Calder.

La mancanza di acidi grassi può causare gravi malattie
Questi ultimi risultati sono un buon esempio della ricerca pionieristica del professor Calder sulle relazioni specifiche tra dieta e condizioni immunitarie che possono verificarsi nel corso della vita umana, spiegano i medici. Alcuni acidi grassi o la loro carenza sono responsabili di una vasta gamma di malattie comuni. Dalle allergie e l'aterosclerosi alle malattie infiammatorie come la malattia di Crohn, spiega il prof. Calder. Sebbene la ricerca del professor Calder si concentri principalmente sugli acidi grassi, copre anche aree vicine come pre e probiotici, carenza di ferro e aminoacidi. L'obiettivo del lavoro era migliorare la salute pubblica attraverso nuove scoperte nella scienza nutrizionale, spiegano gli scienziati.

Le donne in gravidanza dovrebbero mangiare un massimo di due porzioni di pesce grasso a settimana
I nostri nuovi risultati dello studio mostrano che un'alimentazione sana precoce può anche avere un impatto a lungo termine sulla salute durante la gravidanza, spiega il Prof. The National Heatlth Service (NHS) consiglia di mangiare pesce due volte a settimana. Una parte può essere costituita da pesci grassi. Uomini e ragazzi possono consumare salmone e altri pesci grassi fino a quattro volte a settimana, dicono gli esperti del SSN. La preoccupazione per l'accumulo di sostanze chimiche tossiche nei pesci grassi non deve essere sottovalutata. È consigliabile che le donne in gravidanza e le donne e le ragazze in età fertile mangino un massimo di due porzioni a settimana, i ricercatori raccomandano. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Grasso addominale in menopausa come eliminarlo (Settembre 2020).