Notizia

Il padre legale deve in realtà essere il padre del bambino


OLG Hamm: richiesta relazione sociale-familiare
Hamm (jur). Se un uomo riconosce la paternità legale per un bambino non nato da lui, deve anche costruire un rapporto sociale e familiare. Altrimenti, il padre biologico del bambino può sfidare con successo la paternità legale dell'uomo, il Tribunale regionale superiore (OLG) Hamm ha deciso in una decisione annunciata venerdì 8 aprile 2016 (numero di fascicolo: 12 UF 244/14). Di norma, si può presumere una relazione sociale-familiare se il padre legale è sposato con la madre o vive a lungo con il bambino in una comunità domestica e quindi si assume la responsabilità.

La decisa causa di paternità ha riguardato un bambino nato nel 2011. La madre di 24 anni dalla Guinea è arrivata in Germania nel 2010 come richiedente asilo. Il bambino è emerso da un rapporto illegittimo con il richiedente, anch'esso proveniente dalla Guinea.

La paternità legale per il bambino è stata rilevata da un tedesco di 50 anni che, tuttavia, non vive con la madre ma con un'altra donna. La madre e lui vivono a Münster e hanno dato al ragazzo una dichiarazione di affidamento congiunta. Anche il padre legale paga la manutenzione e ha contatti regolari con il bambino.

Il padre biologico che vive a Dortmund ha contestato la paternità legale dell'altro uomo. L'obiezione che la paternità è stata riconosciuta solo per motivi di diritto di residenza.

La madre e il padre legale non consideravano giustificata la sfida della paternità. Vivrebbero un "rapporto sociale-familiare" con il bambino. Il padre legale è quindi anche un padre "reale".

Tuttavia, nella sua decisione dell'11 febbraio 2016, l'OLG ha confermato il richiedente. Il padre biologico dovrebbe essere visto come il padre del bambino. Un rapporto sociale-famiglia protetto dalla legge esiste solo se il padre legale ha effettivamente la responsabilità del bambino, secondo Hammer Richter. Questo di solito è il caso se è sposato con la madre o vive con il bambino in casa da molto tempo. Né è il caso qui.

Una sfida alla paternità può anche essere esclusa al di fuori di queste presunzioni se il padre legale mantiene una "relazione che vale la pena proteggere ed è socialmente significativa" per il bambino. Tuttavia, ciò deriva solo dalla percezione dei "diritti e doveri parentali tipici del padre legale".

Anche questo non era verificabile con il padre legale. La dichiarazione di affidamento congiunta e i pagamenti di mantenimento non erano sufficienti. La madre ora vive con un altro uomo e anche il padre legale non è stato in grado di nominare alcun servizio di assistenza all'infanzia attualmente fornito. Non è sufficiente che il ragazzo gli dica "Papà", poiché è quello che chiama il nuovo partner della madre. (Fle)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Autismi. Tutto quello che vorresti sapere: a tu per tu con gli esperti (Agosto 2020).