Notizia

Quando si perde l'udito


I nuovi dispositivi sono appena percettibili oggi
Chiedo scusa? Coloro che hanno difficoltà a sentire devono chiedere più spesso. Questo è il caso di più di un tedesco su tre all'età di 60 anni. Dall'età di 70 anni, il numero di persone con perdita dell'udito legata all'età raddoppia. Secondo HNOnet-NRW, un'associazione di medici ORL residenti, le persone colpite dovrebbero sottoporsi regolarmente a un test dell'udito dall'età di 50 anni. È ancora più importante, tuttavia, che anche le persone con problemi di udito indossino gli apparecchi acustici, altrimenti l'udito si deteriorerà irrevocabilmente.

"Il cattivo udito porta a una perdita delle capacità uditive nel lungo periodo", spiega il dott. Uso Walter, medico ORL di Duisburg e presidente della HNOnet NRW, sullo sfondo. "Simile a come un neonato impara ad ascoltare e comprendere attraverso gli stimoli acustici all'inizio della vita, lo impari anche quando mancano gli stimoli acustici." Indossare un apparecchio acustico interrompe questo processo perché consente nuovamente gli stimoli acustici.

Coloro che non indossano gli apparecchi acustici per vanità rischiano di ridurre permanentemente l'udito. Perché con l'età avanzata, le persone colpite possono imparare a risentire solo in misura limitata. I medici dell'orecchio, dell'orecchio, del naso e della gola generalmente raccomandano oggi l'udito precoce. Insieme al paziente, lo specialista ENT decide quando è il momento giusto per l'assistenza e quindi emette una prescrizione corrispondente. Gli assicuratori sanitari obbligatori pagano un importo fisso per questo, per il quale esistono apparecchi acustici che possono tecnicamente compensare la maggior parte delle perdite uditive senza pagamento aggiuntivo. I nuovi apparecchi acustici non sono più nemmeno esteticamente evidenti.

"La perdita dell'udito di solito è un processo che progredisce lentamente", spiega il dott. Walter. "Le persone colpite sentono quindi la perdita delle capacità uditive solo quando è quasi troppo tardi." Il cervello umano è in grado di compensare la perdita dell'udito incipiente per un lungo periodo di tempo. Pertanto, controlli regolari dall'età di 50 anni sono molto importanti. Le persone che sono spesso esposte al rumore nella loro vita quotidiana, che purtroppo già soffrono di disturbi alle orecchie o che hanno mucchi familiari, dovrebbero sottoporsi a un controllo medico preventivo prima dei 50 anni. (Pm)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: La sordità e le sue tipologie parte 1 (Settembre 2020).