Notizia

Prevenzione dell'ictus: ogni secondo ictus avrebbe potuto essere prevenuto


Professionista della salute: prevenire ogni secondo colpo
Ogni anno, oltre un quarto di milione di persone in Germania soffre di un ictus. Questa è una delle cause di morte più comuni in Germania: i sopravvissuti di solito devono affrontare le conseguenze per la vita. Una migliore prevenzione impedirebbe ogni secondo colpo.

Spesso associato a conseguenze per tutta la vita
L'improvviso colpo del cantante jazz Roger Cicero qualche giorno fa ha suscitato grande entusiasmo. La malattia è generalmente associata a un aumento dell'età, ma i giovani sono sempre più colpiti dall'ictus, come hanno dimostrato gli studi degli ultimi anni. Nella sola Germania, circa 270.000 persone soffrono di un ictus ogni anno. Secondo la German Stroke Society (DSG), l'ictus è la terza causa di morte in Germania e la ragione più comune di disabilità tra gli adulti, con un numero elevato anche nella vicina Austria. Secondo un esperto, all'incirca ogni secondo colpo potrebbe essere prevenuta una prevenzione globale della salute.

Ogni secondo colpo potrebbe essere prevenuto
I tipici fattori di rischio per un ictus includono ipertensione, diabete di tipo 2, fibrillazione atriale e disturbi del metabolismo dei grassi. Se la prevenzione dovesse prevenire questi fattori, si potrebbe prevenire ogni secondo ictus. Il vicepresidente della Società austriaca per la medicina generale, Reinhold Glehr, ha dichiarato in un messaggio dell'agenzia di stampa APA. In base a ciò, nella Repubblica alpina si verificano ogni anno 25.000 colpi. Ogni sesta vittima ne muore, circa la metà dei sopravvissuti può ricominciare una vita normale dopo un'adeguata terapia e dopo lunghe riabilitazioni.

Molti pazienti diventano cure infermieristiche
Secondo il neurologo di Innsbruck Stefan Kiechl, presidente della Austrian Stroke Society secondo l'APA, circa il 15 percento dei pazienti rimane più o meno gravemente compromesso e altrettanti diventano casi infermieristici. "La consapevolezza della salute è aumentata, ma lo spostamento rimane lo stesso", afferma Glehr. "Finché non succede nulla, non ti senti influenzato." Nelle conversazioni tra il medico di famiglia e il paziente, Glehr vede l'opportunità di motivare le persone ad abbandonare le abitudini a cui sono diventate affezionate, come sigarette, alcol, dieta malsana e mancanza di esercizio fisico. "Parlare di medicina dovrebbe essere riconosciuto e premiato", ha detto l'esperto.

Grandi progressi nella terapia
Negli ultimi anni ci sono stati grandi progressi nel trattamento dei pazienti. Sono state presentate varie nuove terapie per i pazienti con ictus, che possono migliorare la parola dopo un ictus, tra le altre cose. E solo recentemente gli scienziati hanno riferito sulla rivista specializzata "Lancet Neurol" di una terapia che aiuta i pazienti con ictus a mangiare di nuovo con un coltello e una forchetta.

Un aiuto rapido è importante in caso di ictus
La velocità è estremamente importante in un colpo. "È fondamentale che il paziente arrivi immediatamente", ha sottolineato Kiechl. In strutture specializzate, le cosiddette unità di ictus, un ictus ischemico viene trattato dissolvendo il coagulo di sangue con un farmaco iniettato. Poiché questo metodo da solo non è sufficiente se un grosso vaso sanguigno viene bloccato, è attualmente in fase di definizione una terapia di combinazione. Come ha spiegato la neurologa Elisabeth Fertl della Fondazione Rudolf a Vienna, dopo la trombolisi, il coagulo viene rimosso meccanicamente usando un microcatetere. Secondo le informazioni attuali, questa nuova terapia per i pazienti con ictus, che è stata presentata ad un congresso in Scozia lo scorso anno, deve essere eseguita entro sei ore dall'ictus. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Ictus: sintomi, cause e fattori di rischio (Ottobre 2020).