Notizia

Corte: assetato bambino di due anni da non incolpare per l'ufficio di welfare della gioventù


OLG Dresden assolve ex funzionari per la protezione della gioventù
Dresda (Jur). Un ex dipendente dell'Ufficio di previdenza per i giovani di Lipsia non è responsabile della morte di un bambino di due anni a causa della sete. Ciò è stato deciso dal Tribunale regionale superiore di Dresda (OLG) in una sentenza annunciata venerdì 1 aprile 2016, assolvendo in tal modo un ex funzionario del welfare giovanile dall'accusa di omicidio negligente (numero di fascicolo: 2 OLG 21 Ss 835/15). Successivamente, la tossicodipendenza di una madre non giustifica automaticamente la presa in carico del bambino.

In particolare, si trattava della dolorosa morte di un bambino di due anni nel giugno 2012. Sua madre tossicodipendente era morta per overdose. Il ragazzo ancora nel suo lettino non uscì e aveva sete.

Il pubblico ministero ha accusato un ex dipendente del Servizio sociale generale presso l'ufficio di welfare della città di Lipsia di non aver prestato assistenza in tempo. Aveva violato i suoi doveri ufficiali perché non aveva portato il bambino in custodia statale. Avrebbe dovuto riconoscere il benessere del bambino. Era colpevole di omicidio colposo.

Il tribunale distrettuale di Lipsia aveva condannato l'uomo a una multa di 90 tariffe giornaliere, ma il tribunale distrettuale lo ha assolto.

L'OLG ha ora confermato questo giudizio. Il fatto che la madre affidata alle droghe non metta automaticamente in pericolo il benessere dei bambini, il che obbliga l'ufficio di assistenza ai giovani a intervenire. Il "cane da guardia statale" si limita a prevenire le minacce al benessere dei bambini; il diritto dei genitori di allevare figli non dovrebbe essere ignorato.

In linea di principio, si deve verificare se una persona a carico non può più prendersi cura adeguatamente di un bambino. Tuttavia, questo rischio astratto da solo non è sufficiente per l'ipotesi del benessere di un bambino che giustifichi l'allontanamento del bambino dalla madre, secondo l'OLG.

La madre ha salutato l'ufficiale di welfare per i giovani nell'aprile 2012 e ha annunciato che avrebbe lasciato Lipsia. Non c'era una situazione di rischio specifico per il bambino o una negligenza attesa. L'imputato non ha quindi dovuto intervenire. (fle / mwo)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Ingerisce cocaina, bimbo di un anno in gravissime condizioni. I genitori: Lha trovata al parco (Ottobre 2020).