Notizia

È stato assunto un presunto dottore onorario


LSG Celle: l'integrazione porta alla sicurezza sociale obbligatoria
(Jur). Non appena integrati nella pratica clinica quotidiana, sono considerati dipendenti soggetti a contributi previdenziali, ha sottolineato il Tribunale sociale dello Stato (LSG) Bassa Sassonia-Brema in una sentenza annunciata giovedì 17 marzo 2016 (numero di fascicolo: L 2 R 516/14).

Nel caso deciso, un ospedale della Bassa Sassonia aveva concluso un "contratto medico a pagamento" con un ginecologo per un mese. È stato concordato un salario orario di 60 euro. Come "lavoratore autonomo", il medico dovrebbe prendersi cura della propria sicurezza sociale.

I pazienti sono stati assegnati al ginecologo. Quando fu curata, era in gran parte libera secondo la sua formazione; in dubbio, tuttavia, il suo capo medico ebbe l'ultima parola.

L'ospedale ha fatto domanda alla compagnia di assicurazione pensionistica per verificare se il medico era impiegato nell'ambito dell'assicurazione sociale. Contrariamente alle aspettative, la risposta è stata un clamoroso sì. L'ospedale si è lamentato di questo: era un contratto di freelance.

L'LSG Celle, tuttavia, ora ha confermato l'opinione dell'assicurazione pensionistica. L'integrazione nell'azienda è decisiva per un libero professionista o dipendente e soggetta all'assicurazione sociale. Qui, il medico ha lavorato in team con gli altri dipendenti dell'ospedale ed è stato integrato nel flusso di lavoro della clinica. Dato che era un medico in ospedale, era consuetudine che fosse in grado di determinare da sola il tipo e la sequenza dei trattamenti.

Il fatto che il medico non abbia dovuto sostenere alcun rischio imprenditoriale parla anche di un'occupazione soggetta a contributi previdenziali. Piuttosto, fu concordato un salario orario fisso, come nel caso dei dipendenti. Fatta eccezione per i suoi abiti da lavoro, non ha usato nessuna delle sue risorse. Altrimenti, dipendeva completamente dalle strutture e dalle risorse dell'ospedale, sosteneva l'LSG nella sentenza precedentemente pubblicata il 16 dicembre 2015. mwo / fle

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: DOTTOR FAUCI 2 Siete svegli e volete conoscere la verità (Agosto 2020).