Notizia

Conta fluttuante del polline: inizio turbolento per chi soffre di allergie


Il cambiamento del tempo causa livelli di polline fluttuanti
Le mutevoli condizioni meteorologiche delle ultime settimane hanno portato tempi turbolenti per chi soffre di allergie. "La situazione di carico per chi soffre di allergie è improvvisa, perché il conteggio dei pollini fluttua a causa delle temperature incoerenti", ha dichiarato il MedUni Vienna. Inoltre, il polline è prima del solito quest'anno in vista del mite inverno.

Anche la betulla, il cui polline è particolarmente allergico a molte persone, rilascerà più polline nell'aria dalla fine di marzo rispetto all'anno precedente, riferisce MedUni Vienna. Le persone con allergia ai pollini dovrebbero essere preparate per questo. Dovrebbe anche essere considerato nel caso di presunti sintomi del raffreddore come naso che cola e starnuti che al posto del raffreddore potrebbe anche essere presente un'allergia. Con quest'ultimo, la terapia dovrebbe iniziare presto "per prevenire l'asma stressante o lo sviluppo di ulteriori allergie", sottolinea la MedUni Vienna. Gli esperti di allergia hanno spiegato come identificare e curare un'allergia in una conferenza stampa del Servizio di allarme polline austriaco presso MedUni Vienna insieme alla piattaforma informativa IGAV (prevenzione di allergeni nei gruppi di interesse).

Molla estremamente poliedrica
Facendo riferimento ai dati dell'Istituto centrale di meteorologia e geodinamica, MedUni Vienna riferisce che l'inverno in corso è stato il secondo più caldo in quasi 250 anni di storia della misurazione. Più di recente, i mutevoli fronti caldi e freddi hanno avuto un impatto sulla stagione pollinica e hanno assicurato "una primavera estremamente poliedrica", spiega Katharina Bastl del Servizio di allarme polline austriaco di MedUni Vienna. In teoria, la fioritura di ontano e nocciola sarebbe stata possibile in precedenza a causa del mite inverno, ma questo è stato ripetutamente rallentato dall'insorgenza del freddo, spiega l'esperto.

La stagione pollinica si è notevolmente estesa
La stagione dei pollini si è sostanzialmente allungata a causa della diffusione dell'ontano viola. Questo fiorisce "a causa dei suoi geni siberiani fino a due mesi prima dei suoi parenti nativi e quindi causa problemi di persone allergiche da metà dicembre", secondo MedUni Vienna. In considerazione della sua parentela con nocciola e betulla, l'ontano viola non è raro che le persone con queste allergie manifestino sintomi così presto. "Ovunque Purpurerle sia molto diffuso, il tempo senza polline è ridotto a soli due mesi all'anno", sottolinea Katharina Bastl.

I fiori di frassino e betulla sono proprio dietro l'angolo
Con l'inizio del fiore di cenere, che ha già iniziato a verificarsi in posizioni favorevoli, l'esperto si aspetta la prossima ondata di stress, secondo l'esperto. Tuttavia, "non è prevedibile un inizio esplosivo della stagione, il tempo è ancora troppo instabile per questo", ha detto Bastl. Un inizio un po 'prima del volo del polline è previsto anche per la betulla. "A seconda del tempo della prossima settimana, chi soffre di allergie può aspettarsi i primi carichi da metà / fine marzo", riferisce MedUni Vienna. La quantità di polline dovrebbe essere significativamente superiore alla media normale.

Il corso della stagione pollinica non è ancora chiaro
Secondo Bastl, l'entità delle denunce di allergie nelle prossime settimane dipenderà principalmente da come inizia e procede la stagione. "Se si riscalda continuamente, la stagione inizia presto, ma è moderata", spiega l'esperto. Tuttavia, se le forti fluttuazioni di temperatura continuano, il volo del polline inizierà molto improvvisamente o la quantità di polline salterà ripetutamente durante il tempo di volo, sebbene l'inizio sarà ritardato, ma le sollecitazioni "saranno sperimentate significativamente più che con un volo del polline che sale lentamente".

La diagnosi è spesso troppo tardi
Nel comunicato stampa di MedUni Vienna, il capo del Servizio di allarme polline austriaco, Uwe E. Berger, spiega che spesso ci vuole troppo tempo prima che venga fatta una diagnosi per i pazienti affetti da raffreddore da fieno. “Per chi soffre di allergie occorrono in media da 8 a 9 anni per ottenere una diagnosi specialistica e una terapia adeguata. È decisamente troppo lungo ”, ha affermato Berger. Secondo l'esperto, è urgentemente necessario un esame più attento se sintomi come prurito agli occhi, naso che cola o intasato e attacchi di starnuti non si placano dopo una settimana e si verificano all'incirca alla stessa ora ogni anno. "Per rendere più facile per chi soffre di allergie decidere di visitare un medico, abbiamo integrato un autotest clinicamente testato nella nostra app e nel nostro sito Web", riferisce l'esperto. Lo scopo di questo servizio è abbreviare il tempo dalla comparsa dei primi sintomi a una terapia sensibile e prevenire l'insorgenza di malattie asmatiche.

Non sottovalutare le conseguenze di un'allergia ai pollini
Secondo gli esperti, le allergie sono spesso sottovalutate. Molte persone non sono consapevoli delle possibili conseguenze. Un'infiammazione allergica potrebbe diffondersi nei polmoni e causare lo sviluppo di nuove allergie. Di conseguenza, le persone colpite sono esposte ai loro sintomi stressanti non solo durante il volo del polline, ma durante tutto l'anno. "Prima viene rilevata un'allergia, prima può essere adeguatamente trattata e si può prevenire un peggioramento dei sintomi", avverte Erika Jensen-Jarolim dell'Istituto di fisiopatologia e ricerca allergologica presso la MedUni Vienna. Il microchip allergenico con oltre 100 molecole di allergeni è particolarmente preciso, non molto stressante e ideale come metodo di screening per le allergie da polline. "Tuttavia, il test non è possibile ovunque, poiché richiede conoscenze speciali per interpretare i risultati globali", afferma Jensen-Jarolim.

Tre pilastri della terapia
Se viene diagnosticata l'allergia ai pollini, il trattamento segue sulla base di tre pilastri essenziali, riferisce il MedUni Vienna. Questi sono: "Evita i fattori scatenanti dell'allergia, allevia i sintomi con i farmaci antiallergici e sconfiggi la causa della malattia con le tue stesse armi, per così dire - nel caso di un'allergia ai pollini con allergeni ai pollini" (Immunoterapia specifica; SIT). Prima si inizia il trattamento, migliore è la cura dell'allergia. Reinhart Jarisch, vicedirettore del Centro per le allergie di Floridsdorf (FAZ), spiega nel comunicato stampa di MedUni Vienna sul terzo pilastro terapeutico che l'allergene patogeno viene somministrato sotto forma di siringhe, gocce o compresse per un periodo di circa tre anni. Il lento aumento della dose crea un effetto di assuefazione e il sistema immunitario impara a "tollerare nuovamente i fattori scatenanti dell'allergia" (fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Allergia agli acari della polvere e le regole doro per difendersi (Agosto 2020).