Notizia

I medici coltivano cornee da cellule staminali pluripotenti indotte


Speranza per le persone con cataratta, un nuovo metodo riduce il rischio di rigetto
I ricercatori sono ora riusciti a produrre artificialmente una cornea umana (cornea negli occhi). Gli scienziati hanno coltivato la cornea da cellule staminali pluripotenti indotte. Questo nuovo metodo potrebbe forse sostituire le lenti oculari danneggiate dei pazienti con cataratta.

Quando le persone ottengono la cataratta, soffrono di una perdita lenta e indolore dell'acuità visiva. Nella maggior parte dei casi, una lente così danneggiata può essere sostituita chirurgicamente con un impianto artificiale. Gli scienziati hanno ora sviluppato un metodo per coltivare nuove cornee umane dalle cellule staminali. Gli scienziati hanno pubblicato i risultati del loro lavoro sulla rivista "Nature"

Un nuovo metodo potrebbe rendere superflui gli impianti artificiali
I medici sono ora riusciti a far crescere una cornea umana da cellule staminali pluripotenti indotte. Quindi, in futuro, i pazienti con cataratta potrebbero forse ottenere una nuova cornea coltivata artificialmente per poter vedere di nuovo correttamente, dicono i ricercatori. La cornea e le lenti perfettamente funzionanti devono essere assolutamente trasparenti. Tuttavia, a volte diventano opachi (non trasparenti) a causa di malattia o età. Tali parti del corpo devono quindi essere sostituite da impianti artificiali, spiegano i medici. Tuttavia, i processi utilizzati per questo comportano i loro rischi. In alcuni casi, gli impianti vengono rifiutati dal corpo del destinatario. In tali casi, le cellule staminali potrebbero offrire una nuova speranza alle persone colpite. Questi sono presi dal proprio corpo del paziente, il che limita il rischio di rigetto, aggiungono i medici.

Gli scienziati hanno sviluppato un nuovo metodo per rimuovere le lenti oculari danneggiate
Le cellule staminali sono cellule primitive che diventano diverse cellule specializzate. Questi formano quindi i nostri vari organi. Fino a pochi anni fa, c'era solo un modo per ottenere cellule staminali, che dovevano essere prelevate da embrioni umani, spiegano i medici. Una pratica molto controversa, perché richiedeva la distruzione dell'embrione. Ma ora gli scienziati hanno sviluppato cellule staminali pluripotenti indotte, che sono costituite da vecchie cellule che ritornano a uno stato precedente e più versatile, spiegano gli esperti. Gli scienziati degli Stati Uniti e della Cina hanno sviluppato un nuovo modo per rimuovere una lente oculare danneggiata. Ciò potrebbe sostituire le lenti appannate nelle persone con cataratta. L'attuale metodo chirurgico lascia una grande incisione che può facilmente prendere fuoco, dicono i professionisti medici. Nel nuovo processo, una squadra estrae l'obiettivo danneggiato attraverso un foro molto più piccolo. Quindi le cellule staminali naturali vengono stimolate per costruire un nuovo obiettivo. Il metodo ha già avuto successo nei conigli e nei macachi e in seguito è stato utilizzato in dodici bambini umani, aggiungono gli scienziati.

La cataratta è la causa più comune di cecità nel mondo
La cataratta è la principale causa di cecità nel mondo. Ogni anno, oltre 20 milioni di pazienti con cataratta vengono curati in tutto il mondo. Tuttavia, l'attuale processo distrugge accidentalmente l'integrità della capsula dell'obiettivo e dei cosiddetti LEC, che contengono la chiave rigenerativa per ripristinare l'obiettivo, affermano gli esperti. Abbiamo sviluppato una nuova procedura chirurgica minimamente invasiva che consente la rigenerazione di una lente funzionale, aggiungono gli esperti. In un altro studio, ricercatori in Giappone e Cardiff hanno tentato di creare cellule oculari indotte da cellule staminali pluripotenti indotte, che sono cresciute in una cornea sana in un laboratorio e quindi impiantate nei conigli. Tuttavia, finora i medici affermano se una delle due terapie garantirà che la trasparenza della cornea o della lente venga mantenuta a lungo termine.

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: LA CELLULA (Agosto 2020).