Notizia

Le pappe idrolizzate non proteggono dalle malattie autoimmuni


Il latte idrolizzato speciale non è più efficace del normale latte vaccino
Quando i genitori temono che il loro bambino possa sviluppare asma, allergie o diabete di tipo 1, cercano modi per prevenire queste malattie. Alcuni genitori poi danno al loro neonato uno speciale latte di mucca, che si dice per ridurre il rischio di malattie. Tuttavia, gli scienziati dell'Imperial College di Londra hanno ora scoperto che questo alimento idrolizzato per bambini non ha effettivamente un effetto protettivo contro le malattie autoimmuni.

I genitori sono sempre particolarmente preoccupati per i loro bambini. Ecco perché spesso acquistano prodotti speciali per promuovere la salute dei bambini. La conoscenza dei produttori di tali prodotti. Ma non è raro che l'efficacia dei prodotti non sia realmente dimostrata. Questo vale anche per il latte speciale, che si dice riduca il rischio di malattie autoimmuni nei neonati. Gli scienziati dell'Imperial College di Londra hanno ora scoperto in uno studio che i cosiddetti alimenti per bambini idrolizzati non hanno un effetto protettivo contro l'asma, le allergie o il diabete di tipo 1. I medici hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista "European Journal of Allergy to Clinical Immunology".

La formula idrolizzata non offre ai bambini alcuna protezione speciale contro le allergie
I genitori danno sempre più ai loro bambini una formula idrolizzata per evitare malattie autoimmuni. Ma una nuova revisione dei dati ha dimostrato che questa speciale pappa non fornisce una protezione speciale contro le malattie autoimmuni. Non abbiamo trovato prove coerenti che una formula idrolizzata offra una protezione speciale, spiega il Dr. Robert Boyle dell'Imperial College di Londra. Finora, il medico afferma che gli alimenti idrolizzati per i bambini piccoli con una storia familiare di malattie allergiche sono stati raccomandati nelle attuali linee guida internazionali. Anche gli esperti degli Stati Uniti dubitano dell'utilità di questi prodotti speciali.

I ricercatori non hanno riscontrato effetti protettivi sugli alimenti idrolizzati
Secondo i ricercatori britannici, molte linee guida sulla nutrizione infantile in tutto il mondo, tra cui Nord America, Australia ed Europa, consigliano di utilizzare il latte di vacca idrolizzato al posto dei normali alimenti per bambini per prevenire le malattie autoimmuni. Tuttavia, la maggior parte degli esperti ritiene che non vi siano alternative più salutari del latte materno per le pappe. Tuttavia, le attuali linee guida per le pappe raccomandano ai genitori di alimentare alimenti idrolizzati se almeno un parente stretto ha un'allergia alimentare, spiegano i ricercatori. Studi precedenti affermavano che ciò avrebbe creato un qualche tipo di effetto protettivo. Tuttavia, gli scienziati britannici non hanno trovato prove chiare a sostegno delle dichiarazioni più vecchie.

Le attuali linee guida dovrebbero essere riviste
Il nuovo studio ha esaminato i dati di oltre 19.000 partecipanti. Questi dati sono stati raccolti tra il 1946 e il 2015 e i ricercatori non sono stati in grado di trovare effetti protettivi. Se ai bambini veniva somministrato latte vaccino idratato, il rischio di asma, allergie (come neurodermite, febbre da fieno, allergie alimentari) o diabete di tipo 1 non diminuiva, spiegano gli esperti. Inoltre, i medici non hanno trovato prove del fatto che il cibo idrolizzato riduca il rischio di malattie della pelle, riduca l'eczema o prevenga le allergie al latte vaccino, hanno continuato i medici. Era quindi giunto il momento di rivedere le linee guida che raccomandano alimenti idrolizzati. La maggior parte dei bambini avrà le migliori possibilità di una vita sana se viene nutrita con latte materno normale, stimano gli esperti. Le raccomandazioni dovrebbero essere riviste in questa direzione. Il cibo idrolizzato non provoca alcun danno, ma è spesso costoso ed è tutt'altro che presente in tutti i negozi di alimentari. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Glutine e patologie autoimmuni (Agosto 2020).