Notizia

Grande studio: la carenza di vitamina D provoca un cancro alla prostata aggressivo


I tumori della prostata crescono più velocemente con carenza di vitamina D.
Il cancro alla prostata è una forma molto comune di cancro tra gli uomini. Se la malattia viene riconosciuta troppo tardi, può essere pericolosa per la vita o addirittura mortale. Gli scienziati americani hanno ora scoperto che il cancro alla prostata è più aggressivo negli uomini quando soffrono di carenza di vitamina D.

Il cancro alla prostata uccide molti uomini in tutto il mondo ogni anno. La malattia è responsabile di circa il dieci percento dei decessi per cancro, rendendola il terzo tumore mortale più comune negli uomini e da molto tempo i professionisti medici sono alla ricerca di trattamenti migliori o misure preventive. Un ampio studio ha ora rivelato che la carenza di vitamina D rende il cancro alla prostata più aggressivo e i tumori crescono più velocemente. Gli esperti della Northwestern University di Chicago hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista "Journal of Clinical Oncology".

Gli uomini con carcinoma prostatico dovrebbero assumere integratori di vitamina D.
Uno studio su quasi 200 uomini a cui è stata rimossa la prostata aveva scoperto che le persone con bassi livelli di vitamina D avevano maggiori probabilità di sviluppare tumori in rapida crescita. Se gli uomini hanno carenza di vitamina D nel carcinoma avanzato al momento dell'intervento alla prostata, allora forse dovrebbero essere prescritti integratori di vitamina D, afferma il ricercatore Dr. Adam Murphy della Northwestern University. Da qualche tempo, i medici hanno cercato un legame tra il cancro alla prostata e la vitamina D.

Le persone dalla pelle scura sono particolarmente a rischio
Lo studio ha anche scoperto che gli uomini neri avevano tumori aggressivi più spesso e avevano livelli di vitamina D più bassi rispetto agli uomini bianchi, riferisce il dott. Murphy. Questi risultati suggeriscono che gli uomini dalla pelle scura hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro alla prostata e morire per la malattia. Secondo i ricercatori, ciò potrebbe essere dovuto a vari fattori. Tali persone, ad esempio, sarebbero spesso più inclini alla carenza di vitamina D. Ciò deriva dall'effetto bloccante della melanina sulla luce solare. Potrebbero esserci anche differenze nell'assunzione di cibo, spiega il Dr. Tuttavia, non ci sono ancora prove per queste teorie. Il corpo umano riceve vitamina D dal cibo in misura limitata. Tuttavia, i medici spiegano che il corpo può anche accumulare la vitamina quando la nostra pelle è esposta alla luce solare. Le persone dalla pelle scura portano più melanina, che si dice per prevenire scottature.

Il 46 percento degli uomini con cancro aggressivo ha livelli di vitamina D più bassi
Gli uomini con pelle scura che assumono poca vitamina D o sono raramente esposti al sole dovrebbero essere testati per carenza di vitamina D se viene diagnosticato un cancro alla prostata o un antigene prostatico specifico (PSA), dicono gli esperti. Per queste persone, è giustificato un supplemento per aumentare i livelli di vitamina D, spiega il dott. Lo studio ha incluso 190 uomini. I ricercatori hanno scoperto che quasi il 46 percento degli uomini con cancro aggressivo aveva un livello di vitamina D inferiore del 16 percento. Se il livello di vitamina D è inferiore a 30 nanogrammi per millilitro (ng / ml) di sangue, questo può essere collegato a un tasso più elevato di cancro alla prostata aggressivo, spiegano gli scienziati. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Vitamina D e malattie dermatologiche, esiste una correlazione? (Agosto 2020).