Notizia

OLG: il padre senza diritti di accesso può richiedere informazioni sui minori


OLG Hamm vede il legittimo interesse per le informazioni sulla figlia
Hamm (jur). Anche se a un padre separato non sono stati concessi i diritti di accesso a sua figlia a causa del suo comportamento, può regolarmente chiedere informazioni alla madre sullo sviluppo del bambino. Tali informazioni non contraddicono l'interesse superiore del minore e non devono essere fornite dalla madre attraverso un contatto personale, il Tribunale regionale superiore (OLG) Hamm ha deciso in una decisione annunciata giovedì 25 febbraio 2016 (numero di fascicolo: 2 WF 191/15 ).

In questo caso specifico, i genitori di una figlia di cinque anni si sono separati dopo che il padre è diventato violento. La cura dei genitori è rimasta solo con la madre. Il padre, che era stato detenuto nel frattempo, non aveva diritto di accesso. Tuttavia, ha regolarmente chiesto informazioni sullo sviluppo di sua figlia.

Il tribunale della famiglia Bottrop ha stabilito che la madre dovrebbe inviare una relazione scritta e due foto del bambino ogni sei mesi. Al padre non è stato permesso di rendere le foto accessibili a terzi, né di pubblicarle sui social network.

La madre non voleva fornire informazioni sul bambino e preferiva interrompere del tutto il contatto. Il padre aveva parlato con suo fratello in una chiacchierata con slogan odiosi e aveva minacciato di rapire i bambini. Il suo ex compagno non era solo violento nei suoi confronti, ma anche nei confronti della figlia.

Tuttavia, nella sua decisione del 24 novembre 2015, l'OLG ha deciso che il padre aveva un interesse legittimo a fornire informazioni sullo sviluppo di sua figlia. Solo perché gli è stato negato l'accesso non significa che non può richiedere informazioni su suo figlio. Secondo Hammer Richter, non c'erano rischi per il benessere del bambino quando le informazioni venivano fornite.

Inoltre, non è evidente che il padre sia offensivo nel richiedere informazioni. Nella chat con il fratello della madre, non ha minacciato il rapimento di bambini. Piuttosto, questo è stato affrontato solo dal fratello. Inoltre, non si vedeva che il padre voleva ostentare sua figlia o vendicarsi della madre.

Per quanto riguarda le minacce contro il fratello e la madre, si trattava di "comportamenti da show per adulti" scatenati dalle provocazioni del fratello. Da parte della madre è comprensibile che non voglia avere un contatto personale con il suo ex partner. Tuttavia, l'OLG ha sottolineato che aveva l'obbligo di fornire informazioni, poiché le informazioni sul minore non dovevano essere fornite attraverso il contatto personale. (Fle)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Relazioni Tossiche: come uscirne narcisismo, psicopatia, manipolazione (Agosto 2020).