Studi: le pillole di ferro possono danneggiare il DNA

Studi: le pillole di ferro possono danneggiare il DNA

Quanto ferro è veramente necessario?
Quando le persone manifestano determinati sintomi di carenza, spesso assumono compresse o altri integratori per compensarli. Tuttavia, tali prodotti non devono sempre essere utili, perché alcuni sembrano anche avere effetti collaterali negativi. Gli scienziati dell'Imperial College di Londra hanno ora messo in guardia dal prendere pillole di ferro. Questi sono sospettati di danneggiare il nostro DNA.

Gli integratori alimentari dovrebbero aiutare il nostro corpo a compensare i sintomi da carenza. Molte persone soffrono di carenza di ferro e quindi assumono compresse. Ma queste compresse sembrano avere effetti negativi sulla nostra salute. I ricercatori dell'Imperial College di Londra hanno ora scoperto in uno studio che le compresse di ferro danneggiano il nostro DNA. Gli scienziati hanno pubblicato i risultati delle loro indagini sull'attuale rivista "Plos one".

Le compresse di ferro possono causare danni al DNA in dieci minuti
In caso di carenza di ferro (sideropenia), molte persone colpite usano compresse per compensare i sintomi della carenza. La carenza di ferro è spesso asintomatica e quindi non facile da notare. La carenza di ferro può causare molte complicazioni, come perdita di capelli diffusa, unghie fragili, mal di testa, vertigini, difficoltà di concentrazione e stanchezza. Per evitare questi effetti negativi, le persone spesso assumono compresse di ferro. Nella sola Inghilterra e Galles, ogni anno vengono emesse circa sei milioni di prescrizioni per compresse di ferro, spiegano gli esperti. Tuttavia, questi potrebbero essere dannosi per il nostro corpo, avvertono i medici. Le prove più recenti suggeriscono che gli sviluppatori di tali tablet dovrebbero pensare alla quantità di ferro che contengono. Gli effetti sul nostro corpo devono essere considerati. Nel loro studio, gli scienziati hanno avvertito che le concentrazioni di ferro nei trattamenti standard con compresse potrebbero causare danni al DNA in noi entro dieci minuti.

Quali persone hanno davvero bisogno di più ferro?
Il ferro è parte integrante della vita. Senza ferro, ad esempio, il nostro sistema immunitario non funzionerebbe correttamente, tuttavia, normalmente non dobbiamo assumere integratori di ferro aggiuntivi, affermano i medici. Ma ci sono anche persone che hanno davvero bisogno di più ferro. Le donne incinte in particolare hanno bisogno di molto ferro. La dose giornaliera raccomandata per le donne in gravidanza è di 27 milligrammi di ferro al giorno, rispetto ai 15-18 milligrammi al giorno per le donne che non sono in gravidanza o in allattamento. Le mestruazioni privano anche il corpo delle sue scorte di ferro. Se hai sanguinamenti mestruali particolarmente pesanti, il medico può eseguire un esame del sangue per determinare se c'è carenza di ferro, spiegano i ricercatori. Se fai regolarmente esercizi sportivi intensi, dovresti anche aumentare l'assunzione di ferro fino al 30 percento, gli esperti consigliano.

Ridotto rischio di malattie cardiache grazie alla perdita di ferro attraverso le mestruazioni
Gli uomini di solito non hanno bisogno di prendere più ferro se non soffrono di malattie che causano la perdita di sangue cronica. Tuttavia, i ricercatori avvertono che alcuni di essi hanno un aumentato rischio di accumulo di ferro in eccesso a causa di condizioni ereditarie. Secondo i ricercatori, le donne mostrano un basso rischio di malattie cardiache prima della menopausa, che può essere attribuita alle mestruazioni. I dati del "Framingham Heart Study" indicherebbero che la perdita mensile di ferro attraverso le mestruazioni può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache, spiegano gli esperti. Quando la menopausa inizia nelle donne, aumenta anche il rischio di malattie cardiache. La conservazione del ferro nelle donne in postmenopausa comporta un aumento del rischio di malattie corrispondenti. Le donne colpite dovrebbero quindi evitare un'ulteriore fornitura di ferro, avvertono gli scienziati.

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: ISFO1004 07nov18