Studi: il rischio di asma nei bambini è aumentato a causa dell'inquinamento atmosferico durante la gravidanza

Studi: il rischio di asma nei bambini è aumentato a causa dell'inquinamento atmosferico durante la gravidanza

Gli inquinanti presenti nell'aria possono avere un impatto negativo sui bambini non ancora nati
Ogni futura mamma cerca di evitare tutti i rischi che potrebbero influire sulla salute del bambino. Tuttavia, alcune malattie si sviluppano già nell'utero perché, ad esempio, le madri vivono in modo malsano o hanno commesso altri errori. Ad esempio, il rischio di asma nei bambini potrebbe essere correlato all'inquinamento atmosferico a cui è stata esposta la madre durante la gravidanza.

Le donne incinte che sono permanentemente esposte a influenze ambientali negative possono influenzare i loro bambini non ancora nati. Ad esempio, i bambini piccoli hanno maggiori probabilità di sviluppare l'asma se la madre viveva vicino a un'autostrada durante la gravidanza, i ricercatori canadesi dell'Università della British Columbia riportano i loro recenti risultati dello studio. Gli scienziati li hanno pubblicati sull'European Respiratory Journal.

Il rischio di asma infantile aumenta del 25 percento se la madre vive vicino a un'autostrada senza pedaggio
Ricercatori canadesi hanno studiato gli effetti delle influenze ambientali sulle gestanti nel loro studio. In uno dei più grandi studi di coorte alla nascita, i medici hanno scoperto che i bambini avevano il 25% in più di probabilità di sviluppare l'asma se le loro madri vivevano vicino a un'autostrada durante la gravidanza. Le emissioni dei veicoli contengono molti inquinanti, come il biossido di azoto e il monossido di carbonio, spiegano i ricercatori. Questi aumentano il rischio di asma a causa del loro stress. I bambini con un basso peso alla nascita generalmente hanno un aumentato rischio di asma rispetto ai bambini con un normale peso alla nascita, spiega Hind Sbihi della "University of British Columbia".

Uno studio canadese esamina 65.000 bambini per la loro probabilità di asma
Lo studio ha incluso oltre 65.000 bambini nati a Vancouver tra il 1999 e il 2002. I medici hanno osservato questi bambini dalla nascita all'età di 10 anni. I soggetti sono stati divisi casualmente in cinque diversi gruppi di test. I ricercatori hanno voluto determinare una connessione tra gli effetti delle influenze ambientali nell'utero e le successive malattie dell'asma, affermano gli esperti. La valutazione dell'inquinamento materno causato dall'inquinamento atmosferico durante la gravidanza è stata effettuata con l'aiuto dei modelli di uso del suolo e di regressione. I ricercatori spiegano che questo inquinamento atmosferico legato al traffico era collegato all'indirizzo di casa della madre. Nell'analisi sono state incluse anche le misurazioni di inquinanti atmosferici provenienti da stazioni di misurazione vicino al luogo di residenza della madre. È stato anche notato se le madri vivevano vicino a una strada principale o autostrade, aggiungono i medici.

Il basso peso alla nascita favorisce lo sviluppo dell'asma
I bambini che hanno sviluppato l'asma precoce sono nati principalmente da madri più giovani, hanno avuto tempi di gestazione più brevi e un basso peso alla nascita. Molti bambini vivono anche in condizioni di povertà e sono probabilmente meno allattati al seno, affermano i ricercatori. Era chiaro vedere che le tossine ambientali come il monossido di azoto, il biossido di azoto e il monossido di carbonio aumentano il rischio per i bambini di sviluppare l'asma nei loro primi anni di vita. Gli esperti spiegano anche che l'anidride solforosa e il particolato sembrano favorire l'asma. Se i bambini pesavano meno di 2.500 grammi quando sono nati, avevano un rischio maggiore di sviluppare l'asma dall'inquinamento atmosferico, gli scienziati hanno continuato.

Ricercatori canadesi riportano che diversi altri studi di coorte alla nascita che hanno esaminato il ruolo dell'inquinamento atmosferico nell'incidenza dell'asma nella prima infanzia mostrano risultati contrastanti. Ad esempio, uno studio dal Regno Unito non ha trovato alcun legame tra biossido di azoto e asma nei bambini fino a 11 anni. Tuttavia, uno studio di coorte di nascita svedese ha riscontrato chiari effetti dell'inquinamento atmosferico che favoriscono l'asma. Gli scienziati svedesi sono stati in grado di osservare questi risultati solo nei bambini più grandi. Tuttavia, uno studio olandese pubblicato nel 2010 ha dimostrato che esiste una connessione tra biossido di azoto e asma tra i due e i quattro anni, spiegano i ricercatori. Una limitazione nel presente studio è la mancanza di dati sulle influenze ambientali che non avevano nulla a che fare con il luogo di residenza, spiegano i medici. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Gravidanze a Rischio - Fattori di rischio prima del Concepimento - Patologie nei nove mesi