Notizia

Come nutriamo la città? Esempi dal Brasile e dalla Cina


Come nutriamo la città?
Il Forum globale per l'alimentazione e l'agricoltura (GFFA) nell'ambito della Settimana verde internazionale di Berlino ha trattato l'argomento "Come nutriamo la città?". Esempi di approcci che possono essere utilizzati per raggiungere questo obiettivo sono stati presentati nei forum specializzati.

Nella città brasiliana di Belo Horizonte, circa il 2,5% della popolazione dello stato di Minas Gerais vive con 2,5 milioni di persone. 20 anni fa, l'amministrazione comunale ha iniziato a prendersi cura del cibo in città. Tutto è iniziato con gli orti scolastici nel 1991. Quattro anni dopo, con l'aiuto delle Nazioni Unite, è diventato un programma completo, ha riferito il sindaco Marcio Lacerda. Oggi ci sono 144 giardini cittadini di dimensioni comprese tra 200 e 3.000 metri quadrati. La maggior parte dei giardini urbani è gestita da piccole comunità, cinque più grandi coltivano prodotti per il commercio. I primi contratti per le consegne dirette di alimenti sono stati conclusi con gli agricoltori di Minas Gerais, che consegnano circa 740 tonnellate di cibo all'anno a punti vendita speciali.

I progetti si basano sulla formazione dei dipendenti nei settori pubblico e privato. I contenuti sono calendari di impianto, nonché lavorazione del terreno e rotazione delle colture. Infine, esiste anche un controllo di qualità.

La partecipazione delle persone è stata importante sin dall'inizio. La città ha ampliato il suo aiuto alimentare, facendo di Belo Horizonte una "città senza fame" oggi. La città spende fino a 11.000 pasti al giorno per i senzatetto registrati. 350.000 pasti sono distribuiti nelle scuole ogni giorno.

Non è solo il mosaico del "giardinaggio urbano" su piccola scala e fornisce relazioni tra città e campagna che migliora la situazione delle persone. I residenti di Belo Horizonte possono coltivare le proprie varietà. Questo è anche legalmente garantito a loro con una legge cittadina. Nel contesto delle comunità, vengono assegnate le responsabilità individuali per le funzioni quotidiane.

C'è un movimento simile in Cina. La perdita di fiducia nei prodotti domestici dopo lo scandalo della melamina nel 2008 ha portato a una nuova forma di relazione consumatore-agricoltore. Pechino impiega fino a due ore in autobus per la campagna e coltiva circa 30 metri quadrati di spazio affittato con "il loro contadino". Individualmente, in comunità o con l'aiuto dell'agricoltore. Community Supported Agriculture (CSA) è la tendenza segnalata da Shi Yan, direttore dei servizi agricoli ecologici raccolti condivisi. I prodotti direttamente dall'agricoltore sono due volte più costosi degli alimenti convenzionali. Tuttavia, solo poche centinaia di persone hanno praticato CSA finora.

Secondo il professor Dr. Sir Gordon Conway del British Imperial College continuerà a non essere in grado di alimentare la maggior parte degli abitanti della città attraverso il "giardinaggio urbano". Le principali colture alimentari come cereali e legumi continueranno a essere coltivate a terra. Ulteriori informazioni: help infodienst fornisce informazioni sul giardinaggio urbano su www.aid.de, sezione Cibo, consumo sostenibile (Roland Krieg, aiuti)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Hyperloop, il treno del futuro - Petrolio 14102017 (Agosto 2020).