Notizia

Sane tendenze statunitensi dal fuco all'igname


La dieta sta cambiando negli Stati Uniti. Sempre più americani si stanno rivolgendo a cibi raffinati di altri paesi che offrono sapori completamente nuovi invece di fast food monotoni. Qualche anno fa, il cavolo tedesco si è trasformato in un suggerimento per esperti nel mercato ortofrutticolo. La tendenza è iniziata a New York. Gli abitanti della città mangiavano il loro "cavolo" come insalata, come accompagnamento al pane o in un frullato verde.

Ora si dice che l'alga sia il nuovo clamore. I cibi a base di alghe includono snack bar, pasta e strisce aromatizzate al prosciutto per colazione. Il fuco è apprezzato per i suoi ingredienti positivi come proteine ​​preziose, iodio, acido folico e acidi grassi omega-3.

La nuova tendenza si adatta al crescente interesse per gli alimenti vegani e vegetariani. Ci sono anche varie alternative vegetali per il latte di mucca come il latte di mandorle e avena, ma anche varianti ad alto contenuto di zucchero a base di anacardi, macadamia e noci.

Nell'ultimo anno, la domanda di curcuma, zenzero giallo e semi di chia è cresciuta notevolmente negli Stati Uniti. I semi della pianta di chia della famiglia labiata servivano da antichi punti di riferimento per gli antichi Maya. "Chia" si traduce in amido perché i semi ad alto contenuto proteico forniscono molta energia. Gli americani hanno recentemente scoperto l'igname viola (Ube) dalle Filippine, che dà un tocco di colore a dolci e gelati.

Gli alimenti fermentati come sottaceti misti sott'aceto e kimchi coreano sono popolari anche negli Stati Uniti. Esistono molti tipi di kimchi. La base, tuttavia, è per lo più cavolo cinese, che viene imbevuto di sale, lavato e mescolato con una pasta di aglio, cipolle, spezie e peperoncino e conservato al buio. Durante la conservazione, il kimchi inizia a fermentare e a mantenere il suo sapore tipico.

Alcune di queste tendenze sono già arrivate con noi e puoi essere curioso di vedere quali gusti si avventurano ancora attraverso lo stagno. (Heike Kreutz, aiuto)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Hiking to Plane Crash Site: Vincent Gulch (Agosto 2020).