Nascondi AdSense

Operazioni di imene nei paesi islamici


La parola "vergine" apparve in inglese nel 13. La verginità in tedesco indica ogni donna e uomo che sono "intatti".

Tuttavia, la verginità si riferisce principalmente alle ragazze per due motivi: in primo luogo, la verginità è tradizionalmente vista da una prospettiva dominata dagli uomini ed eterosessuale, quindi una ragazza perde la sua verginità quando un pene maschile l'ha penetrata. In secondo luogo, il piercing alla fanciulla è spesso associato a sanguinamento, che è stato a lungo considerato prova di deflorazione.

La verginità, definita come un imene intatto, è considerata un simbolo di purezza sessuale nelle società islamiche e rappresenta l'onore di una donna e della sua famiglia. Anche la perdita della verginità prima del matrimonio è considerata un peccato in molte altre culture, ad esempio in Cina e nel Mediterraneo. In molti paesi islamici, un imene intatto ha un valore sociale così significativo che sorgono gravi problemi, vale a dire crimini o persino faide quando una ragazza appena sposata non è più vergine.

La verginità come concetto è considerata accettata nella maggior parte dei paesi dell'Europa occidentale e degli Stati Uniti, tranne nelle regioni molto conservatrici o tra i cristiani, ma in alcuni paesi in Africa, Asia, Sud America e Sud-Est Europa, il sesso prima del matrimonio è ancora un tabù e non è intatto L'imene porta vari problemi per le donne non sposate.

Il mito dell'imene

Imene deriva dalla parola greca hyalos e significa membrana. I Greci usavano il termine per ogni tipo di membrana anatomica, ma allo stesso tempo Hymen era il dio greco del matrimonio.

Questi due fatti riassumono le conoscenze convenzionali su questo argomento comunemente frainteso secondo cui questa favolosa membrana chiude l'apertura della vagina e viene "trafitta", "rotta" o "lacerata" quando le donne sono bagnate e fanno sesso, specialmente la prima volta.

Migliaia di anni fa, molte culture credevano che "rompere" l'inno causasse dolore, inclusa l'idea che le donne dovessero provare dolore la prima volta che facevano sesso.

Alcune culture credevano che un'indagine potesse dimostrare se una donna fosse vergine o no. Un imene intatto ha dimostrato la sua dignità mentre altrimenti aveva perso il suo "fiore".

Poiché molte culture credevano che "spingere" l'inno causasse sanguinamento, i mariti freschi appendevano fogli sanguinanti fuori dalla finestra per mostrare che le loro mogli erano vergini.

Storicamente, l'imene è stato al centro di molte tradizioni per contrassegnare la verginità delle donne. Molti misteri circondano l'imene, in molte culture è il prezioso "prezzo" che una moglie paga suo marito nella prima notte di nozze. A volte gli sposi devono avere rapporti sessuali subito dopo la cerimonia nuziale e poi comparire davanti agli ospiti con il lenzuolo macchiato di sangue per dimostrare che la sposa era vergine.

L'imene ebbe un ruolo importante nella storia: dimostrò la tutela del padre sulle figlie, espresse la santità, fu una fonte di onore familiare, un legame tra colpa e innocenza e, soprattutto, un modo per controllare il comportamento delle donne. La sua intatta spesso significava una questione di vita o di morte.

La Vergine Maria

Le prime divinità madri spesso non rappresentavano la verginità, ma al contrario la fertilità femminile e la sessualità vissuta come la germanica Freya, l'anatolica Cibele, la cipriota Afrodite, l'iside egiziana e l'Artemis a petto multiplo.

Le dee dei cacciatori e raccoglitori arcaici erano guerrieri con una sessualità aggressiva, predatori che davano e portavano via la vita misteriosa. Miti abbondano di amanti di animali selvatici come l'orso Artemide o la dea caccia "lupo" Diana. Morrigan, la regina della morte dei Celti, si trasforma in una lupa.

Barbara Ehrenreich spiega l'importanza delle donne come carnivori dalla connessione concettuale tra la vagina durante le mestruazioni e la bocca macchiata di sangue del predatore. L'utero di Madre Terra, da cui proviene la vita, e la fauci di Satana, che la divora, appartenevano insieme.

La Freya germanica era la dea dell'amore, in un senso esplicitamente fisico. Due gatti selvatici tirarono il carrello, il simbolo della sessualità. Perché i gatti, le cui grida di piacere i teutoni hanno sentito nei boschi, hanno sempre rappresentato la lussuria delle donne.

Nel cristianesimo, la dea Freya divenne una strega in alleanza con il diavolo e il gatto santo un animale di Satana.

La dea più assetata di sangue del nostro tempo è Kali. Nasce dalla fronte della dea della guerra Durga perché è arrabbiata. Annichilisce i demoni, ma non riesce a placare la sua rabbia di sangue. Ha una sciabola in mano e una catena di teste scheggiate attorno al collo. Allo stesso tempo, promette protezione e unisce gli opposti. Ancora oggi, gli indù di Calcutta - la città di Kalis - sacrificano il sangue delle capre e anche prima degli umani. La lingua triangolare rosso sangue di questa dea assassina simboleggia una vagina tanto potente quanto mortale. Più tardi rosso sangue, eros e potere si uniscono in rossetto rosso.

I seguaci dell'antico dio greco dell'estasi, Dioniso, non solo erano considerati lussuriosi, ma presumibilmente strappavano gli animali e i loro oggetti sessuali maschili. La donna con il suo sanguinamento era collegata al segreto della vita e della morte.

Dalle indomite dee dell'antichità alla vergine madre del Messia cristiano, una lunga strada ha portato al simbolico disimpegno delle donne: figure di pietra egiziane mostrano, ad esempio, una madre con un bambino (circa 2118-1976 a.C.) e un'Iside con un bambino Horus (circa 9. Secolo a.C.), una successiva scultura di una donna dalla Grecia, rappresenta Artemide di Efeso, le cui parti non vestite sono realizzate in marmo nero, mentre gli "abiti" sono realizzati in marmo bianco ed è coperto da vari seni come carcasse, tra cui capre, bovini, gatti e Cervo. La tarda antichità, tuttavia, formava già un ideale femminile, che si incarnava nella fedeltà sessuale e nella maternità.

Test di verginità

Nel Medioevo cristiano e islamico, la verginità giocava un ruolo importante, e c'erano prove per riconoscere una vergine - tanto varia quanto oscura: quindi dovresti scoprire una vergine dal colore delle sue urine, che in una vergine angelica era chiara e gorgogliante, o nella direzione in cui puntava il seno, poiché il seno di una pura vergine si rivolse a Dio in cielo.

In alcune culture, la famiglia della ragazza o la famiglia dello sposo manda la giovane donna a un “professionista” per dimostrare la sua verginità. A medici e infermieri viene chiesto di eseguire la cosiddetta verginità, cioè di esaminare i genitali femminili per scoprire se si è verificata un'attività sessuale sull'addome della donna.

In tali culture, la verginità e il matrimonio non hanno nulla a che fare con l'intimità privata di due persone, ma sono una regola sociale in cui le donne sono generalmente sfiduciate. Quindi la parola della donna che dice di essere vergine non è abbastanza.

Nella tradizione islamica, la verginità di una donna è la base della sua famiglia, del suo futuro sposo e della sua famiglia. I musulmani quindi organizzano spesso matrimoni precoci per le loro figlie per garantire che queste ragazze vivano la pubertà come spose vergini. Anche l'abuso sessuale dei bambini da parte di mariti adulti fa parte dei matrimoni di questi bambini.

Bahram, uno studente di dottorato di 28 anni della Sharif Industrial University di Teheran, ha spiegato questo doppio standard tra uomini:

"Conosco molti uomini istruiti che affermano che la verginità non è importante per loro, ma allo stesso tempo non vogliono sposare i loro amici e preferirli esclusivamente come partner", dice. Bahram continua: "Alcuni che hanno sposato non vergini vedono questa come una carta vincente che possono in seguito giocare contro le loro mogli".

In Iran, un paese con rigidi vincoli di verginità, molte donne moderne oggi affrontano i loro partner per sapere se sono davvero serie e dicono: "Se vuoi sposare una vergine, trova un'altra relazione" e aspettarti un partner affidabile che condivide con loro il segreto della non verginità.

I test di verginità sono generalmente utilizzati per controllare la sessualità delle ragazze. È un tentativo da parte di uomini, donne e anziani di controllare i giovani. Il test di verginità è considerato un passaggio di confine sessuale nella maggior parte dei paesi occidentali, ma la pratica persiste in molti paesi per motivi culturali, economici e religiosi.

I test di verginità sono disponibili in molte forme, alcune delle quali sono prive di supporto scientifico. Sebbene i medici abbiano dimostrato che il test è inutilizzabile, il test più utilizzato è ancora l'imene intatto.

Da un punto di vista medico, questa è una sciocchezza: un imene intatto non mostra necessariamente che una donna non ha avuto rapporti sessuali, né un imene astuto mostra l'atto compiuto: l'imene può lacerare varie forme di attività, sia nello sport che nel lavoro fisico. Può anche rimanere intatto, specialmente durante i rapporti delicati e un pene piccolo.

Tuttavia, vi è una diffusa convinzione che l'imene strappa e provoca sanguinamento la prima volta che viene utilizzato. Alle Sinhalas nello Sri Lanka, ad esempio, è parte del matrimonio che la suocera fornisca un lenzuolo bianco su cui la coppia deve trascorrere la prima notte di nozze e questo foglio deve essere presentato ai suoceri come prova.

In alcune parti del Sudafrica, i test di verginità sono in aumento in risposta all'epidemia di AIDS. Le donne sono al di sopra della media colpite dall'AIDS e i test di verginità su ragazze e giovani donne dovrebbero dimostrare se è sicuro fare sesso con loro.

Tuttavia, non solo l'esame viene esaminato in Sudafrica; I "tester" pensano anche di poter dire la verginità di una ragazza attraverso l '"innocenza" nei suoi occhi o la forza dei suoi muscoli dietro il ginocchio. I comuni hanno anche iniziato a testare i ragazzi perché l'attenzione sulle ragazze era considerata discriminatoria: tra le altre cose, i ragazzi devono fare pipì su un muro alto un metro senza usare le mani, o si suppone che la loro "verginità" sia dimostrata dallo spessore della fronte.

Un'usanza pericolosa dilaga nell'Uganda meridionale: la gente del posto crede che un malato di AIDS possa guarire se stesso penetrando una vergine. Le vittime non sono solo stuprate, ma spesso anche infettate dall'HIV.

Le donne non sposate che si sottopongono ai test di verginità di solito raccontano incidenti. Ad esempio, dicono che sono caduti da alberi o biciclette o che un bastone li ha speronati tra le gambe.

L'analisi di queste storie mostra chiaramente che queste donne sono in una posizione in cui non sono responsabili della perdita della loro verginità. Nelle culture in cui le donne sono considerate malvagie responsabili con una sessualità onnipotente e sono controllate e punite per questo, non sorprende che le donne svolgano il ruolo di irresponsabile.

Un ginecologo che fa un intervento chirurgico all'imene afferma che la maggior parte delle ragazze che vengono da lui non sono accompagnate e si vergognano di fare sesso:

"Molti di loro scappano dalle bugie, come quelli che sono saltati a terra da alte altezze o sono stati picchiati dai loro padri", dice.

Interventi di verginità

"Imenotoplastica" è una procedura chirurgica per ricostruire un imene strappato, che aiuta a ripristinare la "verginità" riparando l'imene per garantire il matrimonio in un contesto culturale, in cui è richiesta la sensibilità femminile. In questa operazione, i resti dell'imene vengono cuciti insieme, una capsula con liquido viene inserita con una conseguenza simile al sangue per simulare il sanguinamento durante il successivo rapporto sessuale.

Una donna che si sottopone a tale operazione è a rischio. Tali operazioni sono, ovviamente, illegali nei paesi in cui la verginità è una necessità e si svolgono in cliniche sporche nel cortile che presentano molti rischi. Se l'operazione fallisce o si rivela inefficace, la donna non può intraprendere azioni legali per ritenere responsabile il medico.

La riservatezza è una delle ragioni dell'elevato costo di tali operazioni, rendendole un affare redditizio per i ginecologi. L'altra ragione degli alti costi è il valore economico di un inno intimo. Un imene restaurato ripristina anche il valore materiale della verginità, assicura che le donne possano sposarsi. Riparare un imene è un investimento prezioso per garantire un marito e iniziare una "carriera" come moglie.

Ciò è particolarmente importante perché i vincoli di verginità si applicano generalmente nelle società in cui le donne non sposate hanno non solo uno status sociale basso, ma anche poche prospettive di entrare in una professione qualificata e in cui la famiglia, e non lo stato sociale, è la base del rappresenta la sicurezza economica.

Negli ultimi decenni, la necessità di riparazioni di imene chirurgiche in Medio Oriente e nelle comunità islamiche nei paesi occidentali è fortemente aumentata ed è stata accompagnata dall'aumento del fondamentalismo islamico e del conservatorismo sociale sociale in queste regioni. Ad esempio, i rapporti mostrano un tasso allarmante di chirurgia dell'imene riparativa in Tunisia, specialmente nei mesi estivi, la stagione del matrimonio.

La chirurgia ricostruttiva dell'imene appartiene a un contesto culturale che discrimina le donne. Solo le donne sono punite per il sesso prematrimoniale, dovendo preoccuparsi della loro verginità e dover pagare costose operazioni per ripristinare l'imene per mantenerle "pure".

L'imenurgia plastica mostra quindi la debolezza e il basso status sociale delle donne nella loro società e la loro necessità di ricorrere a tali operazioni - la ragione di ciò sono valori culturali estremamente difficili e discriminatori.

Imene artificiale

L'imene artificiale è una piccola parte in plastica che simula il sanguinamento durante la penetrazione. È anche noto come "imene cinese" o "imene falso". Rilascia un fluido che assomiglia al sangue quando un pene lo trafigge.

Il culto della verginità produce necessariamente una cultura della frode. La finta verginità è il prodotto del degrado sociale delle donne a una questione di vita e morte, onore e vergogna, matrimonio o isolamento sociale, rispetto o omicidio. L'imene artificiale esprime un istinto di sopravvivenza. A questo proposito è un piccolo prezzo da pagare per il restauro dell'imene rispetto a una vita in fuorilegge sociale o addirittura alla morte.

Una persona colpita dice: “Non mi sento bene a mentirgli. Non mi piace iniziare la nostra vita insieme a una bugia. Ma penso di dover mentire per proteggere la relazione. Non riesco a parlare con i miei genitori dell'operazione. Non voglio questo intervento chirurgico, ma non ho scelta. "

Una cultura della menzogna è il risultato inevitabile del culto della verginità femminile. In queste società alle donne è vietato godersi il sesso da soli, è vietato e punito brutalmente. Anche una certa sessualità delle donne in questa convinzione inquina l'onore della famiglia e mette direttamente in pericolo il controllo maschile in senso patriarcale.

La verginità nell'Islam

In una società islamica, la verginità di una ragazza vale più della sua vita. Deve mantenere la sua verginità e perdere la sua "innocenza" è considerata colpa sua, anche dopo essere stata violentata.

La partecipazione delle ragazze a sport e giochi è limitata per mantenere intatto l'imene. Molti genitori puniscono le loro figlie per aver toccato i genitali per paura di danneggiare l'imene attraverso la masturbazione.

Le leggi islamiche che regolano la sessualità sono rigide e non cambiano se i valori della società cambiano nella cultura di tutti i giorni. La verginità al momento del matrimonio è un elemento centrale della moralità islamica.

Il Corano dice nell'Appendice 34: "Ai figli e alle figlie dei veri credenti deve essere insegnato che la loro felicità per tutta la vita dipende dal seguire la legge di Dio e dal preservare la loro castità. Ciò significa che devono tenersi solo per i loro sposi e non permettere a nessun altro di toccarli in modo sessuale ”, (Corano, Testamento finale, di Rashad Khalifa, PhD).

Secondo gli insegnanti islamici, Allah ha creato l'imene per dimostrare il valore del rapporto sessuale post-matrimonio. L'imene rende quindi chiaro alle donne che le relazioni sessuali al di fuori del matrimonio sono perversioni contro un atto sacro e sono quindi impure.

D'altra parte, le donne dovrebbero generalmente entrare nei matrimoni come vergini. Il "culto della verginità", che colpisce molto in tutti i paesi islamici, è anche sostenuto dai teologi: sostengono che è una tendenza generalmente umana desiderare qualcosa di piacevole allo stesso modo ancora e ancora. Ne consegue che una donna che in precedenza aveva un altro partner non poteva essere soddisfatta con quella successiva. Autrici femministe, come la marocchina Fatima Mernissi, la vedono semplicemente come "la paura del macho contro il confronto".

Verginità e violenza sessuale

Nei tempi antichi, la verginità appariva come un'esclusiva virtù femminile. Il cristianesimo spiegava teologicamente la virtù: di conseguenza, le vergini potevano aspettarsi una maggiore stima in cielo delle donne sposate. Gli schiavi, la cui verginità era documentata, ottennero prezzi più alti; La pubertà e l'iniziazione sessuale erano riservate ai ragazzi.

In Arabia, le ragazze non circoncise sono considerate impure. Alle ragazze viene insegnato che la loro missione più importante nella vita è rimanere vergini fino al matrimonio. In caso contrario, i padri a volte li uccidono o li mandano a casa.

Le donne che hanno perso la verginità quando non erano sposate hanno perso il diritto di proprietà. Ciò ha reso la sua vita estremamente difficile e ha costretto molte di queste donne a prostituirsi.

In alcune parti del mondo ci sono "delitti d'onore": le donne che perdono la verginità prima del matrimonio possono essere picchiate o uccise dalla loro famiglia. L'unica giustificazione per questo è che il padre, il fratello o l'altro parente maschio pensano di aver fatto qualcosa di "sbagliato".

Rimanere incinta nelle società islamiche è la cosa peggiore che può accadere a una ragazza non sposata, perché la gravidanza al di fuori del matrimonio provoca grande vergogna per i suoi genitori, fratelli, zii e tutti gli uomini della famiglia allargata. Questa ragazza di solito viene assassinata. Se esiste una possibilità, la ragazza abortisce per nascondere la gravidanza e per proteggere l'onore della famiglia.

Se una non vergine si sposa, non le piacerà mai il matrimonio perché ogni volta che sorgono problemi, le viene sempre ricordato che si è sposata dopo aver perso la verginità, causando dolore e sofferenza.

Mehri, che vive a Teheran e ha onestamente ammesso a suo marito di aver perso la verginità prima del matrimonio, dice: “Ho sposato un uomo di un partito di sinistra che afferma di non essere religioso. Quando ho detto che non sono più vergine, lui l'ha accettato ed ero molto felice di essere stato sposato con un uomo così aperto. La vita dopo il matrimonio ha avuto un volto diverso per me, perché ogni volta che ho avuto una discussione con lui e la sua famiglia, mi ha ricordato che non ero vergine prima del matrimonio. Questa storia continua fino a quando non avremo un figlio di 12 anni. "

I musulmani vedono il sesso come un dono benedetto di Allah. Credono che i forti istinti sessuali delle persone debbano essere controllati e goduti solo nel matrimonio. I musulmani dovrebbero vestirsi "castamente" e non indossare abiti che potrebbero eccitare le altre persone. È vietato fare sesso prima del matrimonio.

Questo divieto viene eluso nella maggior parte dei paesi islamici, ad esempio facendo in modo che le ragazze facciano sesso anale per proteggere la loro verginità santificata.

Iran

Come le metropoli in molti paesi, Teheran, la capitale dell'Iran, è molto più rilassata in materia sessuale prima del matrimonio rispetto alle piccole città e villaggi dell'Iran, dove il sesso al di fuori del matrimonio non è né discusso né un'opzione all'orizzonte.

A Teheran gli aborti sono illegali e i contraccettivi sono difficili da trovare, le ragazze non parlano nemmeno con i loro migliori amici quando fanno sesso e l'educazione sessuale a scuola è pura biologia.

Quando una coppia di adulti decide di sposarsi, deve frequentare corsi in cui il sesso viene educato, ma il sesso non è un problema a scuola a meno che un insegnante non lo veda come un dovere educare.

I giovani, in particolare le ragazze, di solito vivono con i genitori fino a quando non si sposano, il che limita fortemente le loro libertà. È anche illegale affittare una camera d'albergo senza un certificato di matrimonio: tutto ciò che resta del sesso sono i luoghi pubblici, che sono estremamente rischiosi, o una casa vuota se i genitori viaggiano.

Ad esempio, come la maggior parte delle ragazze del suo quartiere, Tahmineh è vergine, la verginità è richiesta nel suo mondo. Per gli uomini che la circondano, la verginità femminile è un prerequisito non negoziabile per il matrimonio. Anche con le classi più ricche che vivono più "occidentali" e celebrano feste con alcol e musica, solo gli uomini dormono in attesa di un "puro" per il matrimonio.

Arabia Saudita

In Arabia Saudita, è considerata una tragedia quando una giovane donna perde la sua verginità. Le tue possibilità di trovare uno sposo accettabile diminuiscono a zero, anche se sospetti solo di non essere più vergine. Quando si nota una perdita di verginità, non solo la giovane donna viene ostracizzata, ma anche la sua famiglia. La famiglia è accusata di non avere il controllo sulla figlia o di non aver spiegato la differenza tra giusto e sbagliato.

Non importa come una donna perda la sua verginità prima del matrimonio, è sempre un disastro. Se un uomo non sposa un divorzio o una vedova, è previsto sangue sulle lenzuola il giorno dopo la prima notte di nozze. In alcune famiglie tradizionali, i fogli sono raccolti e mostrati come parte della celebrazione e come prova che il matrimonio è stato realizzato, che unisce le famiglie e illustra la purezza della donna.

La perdita della verginità prima del matrimonio ha creato un mercato nero dentro e fuori l'Arabia Saudita. Poiché è illegale, spetta a medici e infermieri stranieri ripristinare l'imene in modo che il loro sangue scorra nella prima notte di nozze.

I restauratori di Imene sono consapevoli dei rischi che corrono da tali servizi: possono essere gettati in prigione e banditi dal regno. Il suo merito e, per alcuni, la sua compassione per le donne la porta a correre questo rischio.

Questi medici lavorano su accordi verbali e sono molto sospettosi nei confronti di chiunque chieda loro aiuto sui loro telefoni cellulari. Usano telefoni prepagati e non lasciano tracce che indicano la loro vera identità. La maggior parte non ha un ufficio e non vi è alcuna garanzia che funzionerà in un ambiente sterile.

Ahmad, un giovane sposo saudita, racconta del suo sentimento nella prima notte di nozze:

“Sono rimasto scioccato nel vedere che non c'era sangue dopo aver dormito con lei. L'ho portata in ospedale per vedere se era vergine o no. Ero così arrabbiato che sono corso fuori dalla camera da letto e la famiglia della sposa è maturata per spiegare la causa. La famiglia ha promesso di aiutarmi a scoprire cosa stava succedendo. L'ho portata a un esame. Il medico dell'ospedale ha detto che la mia sposa ha avuto un problema genitale, ma che non ha messo in pericolo la nostra vita sessuale. Ho portato la sposa a casa. Solo poche parole dal dottore hanno salvato il nostro matrimonio. "

Tacchino

La verginità è una grande risorsa in Turchia, sia a causa della posizione della verginità nell'Islam che nella tradizione turca. I giovani turchi vedono quindi la verginità come un valore importante, soprattutto per le donne; tuttavia, le idee e le prospettive dei giovani turchi sono cambiate negli ultimi decenni.

Come in Iran e in Arabia Saudita, la verginità pre-matrimonio è considerata proprietà della famiglia per proteggere il loro onore. Una donna che ha avuto rapporti sessuali prima del matrimonio è considerata disonorevole. Allo stesso tempo, la promiscuità sessuale è uno sport per gli uomini. Ancora di più: un uomo che non si è "sfogato" prima del matrimonio non è considerato un vero uomo.

Il controllo patriarcale sui corpi delle donne viene stabilito in Turchia attraverso codici d'onore e di vergogna. L'onore si basa sulla legittimazione del paternalismo e appartiene soprattutto agli uomini. L'onore di un uomo viene definito mantenendo intatta quella che è considerata la sua proprietà - e ciò include la verginità di sua figlia o sorella.

In una cultura come la Turchia, dove le relazioni familiari sono molto forti e la famiglia è al di sopra dell'individuo, le relazioni sono patriarcali. L'intimità della donna prima del matrimonio non è una decisione individuale, ma una questione di famiglia. I corpi delle donne sono controllati dalla famiglia. Quindi la verginità delle donne non è una questione personale, ma un fenomeno sociale.

Come in Arabia Saudita e in Iran, le donne in Turchia ricorrono ad un aiuto chirurgico per "riparare" l'imene. Questa "verginità artificiale" la rende di nuovo "pura" e il suo onore familiare viene ripristinato.

Sebbene i fattori culturali, storici, economici e di altro genere abbiano superato i test di verginità in Turchia, l'Associazione medica turca condanna tali test come una forma di violenza sessuale. Nel 1999, la Turchia ha vietato i test di verginità dopo che cinque ragazze si sono suicidate prendendo veleno per topi per evitare il test. Un'altra ragazza si è annegata.

Nel 2001, tuttavia, il ministro della sanità turco ha autorizzato i test di verginità per le infermiere. Coloro che hanno fallito sono stati espulsi da scuola. Ci fu una protesta pubblica contro i test e nel 2002 il governo turco chiuse una scappatoia legale che permise ai dirigenti scolastici di indagare se le ragazze fossero vergini. In Turchia, che è laica da Atatürk, la verginità è una tradizione culturale e islamica e non una legge dello stato, in contrasto con i paesi islamisti come l'Iran e l'Arabia Saudita.

Il "colpo di stato freddo" dell'islamista Erdogan, con la Zeil per trasformare la Turchia secolare in uno stato islamico di Dio, aumenta tuttavia la pressione sulle donne che vivono loro stessi la sessualità e quando le forze progressiste del paese non si oppongono alla dittatura islamica , le donne che vivono la loro fisicità si aspettano un orrore simile a quello in Arabia Saudita. (Di Somayeh Ranjbar, tradotto dall'inglese dal Dr. Utz Anhalt)

Swell:

http://www.esextherapy.com/dissertations/Hajrullah%20Fejza%20MD%20MPH%20Virginity%20Features%20And%20Concepts%20In%20Kosovo%20Society.pdf

http://yoksis.bilkent.edu.tr/pdf/files/10.1016-S0277-5395(96)00096-9.pd

http://www.stopvaw.org/harmful_practices_virginity_tests

La trappola della verginità in Medio Oriente, David Ghanim, 2015, New York

https://lautechsolofofo.wordpress.com/2015/06/19/the-hymen-a-membrane-widely-misunderstood/

http://www.biu.ac.il/Besa/GapofValues.pdf

http://americanbedu.com/2010/12/31/saudi-arabia-a-black-market-trade-for-saudi-women/

http://yoksis.bilkent.edu.tr/pdf/files/10.1016-S0277-5395(96)00096-9.pdf

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Conoscere lIslam in 15 minuti (Agosto 2020).