Notizia

Suggerimenti importanti per evitare intossicazioni alimentari


Evita questi alimenti per la tua salute!
Per molte persone non c'è quasi nulla di più bello di un pasto opulento decente con amici o familiari, in cui tutti i tipi di piatti e dessert rovinano il palato. Tuttavia, il cibo a volte può causare problemi spiacevoli, ad esempio quando le persone soffrono di intossicazione alimentare.

Le conseguenze di cibi deliziosi e abbondanti sono per lo più innocui. La maggior parte delle persone può far fronte a un po 'di pressione allo stomaco e sonnolenza. Il problema peggiora se si verifica un'intossicazione alimentare. Bill Marler, un avvocato specializzato in sicurezza alimentare, ha ora pubblicato alcuni suggerimenti sul portale di notizie Tech Times su come evitare la maggior parte dei casi di intossicazione alimentare.

Ogni anno 351.000 persone muoiono per intossicazione alimentare in tutto il mondo
Se hai mai avuto avvelenamento da cibo, conosci le spiacevoli conseguenze di tale avvelenamento. Nella maggior parte dei casi, l'inconveniente dura solo pochi giorni e un miglioramento si verifica spesso senza trattamento, ma non è sempre così, l'esperto sottolinea il "Tech Times". I ceppi di virus diventerebbero più forti non appena gli esperti medici troveranno un modo per trattarli. Non tutte le persone hanno la fortuna di avere un sistema immunitario così forte da poter combattere con successo gli attacchi di virus e batteri. Secondo un rapporto dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), circa 351.000 persone muoiono ogni anno per intossicazione alimentare. Questo è davvero scioccante, ma ci sono modi per non far parte di questa statistica, spiega Bill Marler. Ecco i suoi consigli su quali alimenti dovresti evitare.

Ostriche crude e crostacei crudi
Non dovrebbe sorprendere che le ostriche e i molluschi assorbano sostanze pericolose presenti sul fondo del mare. Quando tale cibo viene consumato crudo, le persone colpite consumano tutte queste tossine e batteri pericolosi. Le ostriche possono essere afrodisiache, ma nessuno lo troverà stimolante se vomitano più volte, ha detto Marler.

Carne cruda
L'esperto generalmente sconsiglia di mangiare carne cruda. La carne deve essere accuratamente riscaldata a 160 gradi Fahrenheit (70 gradi Celsius) per evitare avvelenamenti da E. coli, salmonella e altre malattie batteriche, avverte Marler. Tuttavia, nei buoni ristoranti avrebbe anche scelto una bistecca che era solo "media" fritta, ha aggiunto l'avvocato.

Latte e succhi non pastorizzati
Evita tali bevande. Per pastorizzazione, Louis Pasteur voleva uccidere i batteri nel latte. Il processo viene utilizzato da molte aziende in tutto il mondo per rendere i loro prodotti più sicuri. Latte e succhi non pastorizzati, ad esempio, aumentano il rischio di avvelenamento da E. coli, spiega Bill Marler.

Frutta e verdura pretagliate
Naturalmente è più conveniente acquistare frutta pretagliata. Tuttavia, non si è certi delle impurità a cui il prodotto è stato precedentemente esposto. Più un prodotto alimentare viene trasformato, più batteri vi aderiscono, riferisce l'esperto. Questo rischio non vale un po 'più di convenienza.

Germogli crudi
Di recente ci sono stati troppi focolai di germogli crudi, sottolinea Marler. Al fine di non essere esposto al rischio di contaminazione da germogli crudi, ritiene che le persone dovrebbero evitare immediatamente questo alimento. Se i germogli non fossero cotti o fritti, generalmente sconsiglioi tali piatti, afferma Marler.

Uova crude e crude
Le epidemie di Salmonella negli anni '80 e '90 hanno dimostrato che le uova possono anche essere fortemente contaminate da germi. Anche se al giorno d'oggi il rischio di avvelenamento da salmonella è significativamente più basso, Maler sconsiglia ancora di consumare uova crude.

Evitare alcuni degli alimenti sopra elencati può essere un po 'un'esagerazione, ma la cautela è ancora meglio della tolleranza, ha detto l'esperto di sicurezza alimentare a Tech Times.

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Intossicazioni Accidentali: Quali le Fonti di Rischio, Cosa fare e non fare (Agosto 2020).