Notizia

Lo studio conferma che la cannabis aiuta contro l'emicrania


La marijuana riduce il numero di attacchi di emicrania
L'emicrania è una lamentela relativamente diffusa, che spesso comporta notevoli restrizioni nella vita quotidiana delle persone colpite. Si ritiene da tempo che la cannabis abbia un effetto positivo sull'emicrania, ma finora non ci sono prove scientifiche chiare. Gli scienziati del Anschutz Medical Campus dell'Università del Colorado ad Aurora, in Colorado, hanno ora dimostrato che la marijuana medica preventiva aiuta a ridurre gli attacchi di emicrania. Gli attacchi possono anche essere interrotti, se necessario, consumando cannabis.

Gli studi clinici per valutare gli effetti della cannabis sull'emicrania sono stati finora carenti, ma dati gli effetti dei cannabinoidi sulla serotonina nel sistema nervoso centrale, è stato sospettato che la marijuana potesse offrire un'alternativa terapeutica, secondo gli scienziati statunitensi. Lo scopo del suo studio era quindi "analizzare gli effetti della marijuana sulla frequenza mensile del mal di testa", scrivono Laura M. Borgelt e colleghi nella rivista specializzata "Farmacoterapia".

La frequenza degli attacchi di emicrania è diminuita in modo significativo
Utilizzando 121 adulti con una diagnosi primaria di "emicrania", a cui è stata prescritta la marijuana medica per il trattamento e / o la profilassi tra gennaio 2010 e settembre 2014 da un medico, gli scienziati statunitensi hanno analizzato l'effetto della cosiddetta cannabis medicinale contro questa speciale forma di mal di testa . La misura si basava principalmente sul numero di attacchi di emicrania al mese, ma sono stati registrati anche gli effetti della cannabis sulla fine degli attacchi. La frequenza degli attacchi mensili di emicrania è stata ridotta dall'uso di cannabis medicinale da una media di 10,4 attacchi al mese a 4,6 attacchi al mese, secondo i ricercatori. La maggior parte dei pazienti avrebbe consumato più di una forma di marijuana e la avrebbe usata quotidianamente per prevenire l'emicrania.

La cannabis a volte può interrompere gli attacchi di emicrania
Tuttavia, non solo gli scienziati hanno trovato una frequenza ridotta di emicrania, ma secondo le loro informazioni, le forme inalate di marijuana nell'11,6 per cento dei pazienti hanno anche permesso un trattamento efficace degli attacchi acuti. Gli effetti avversi sono stati osservati in circa un decimo dei pazienti, che era principalmente un aumento della sonnolenza (sonnolenza) e difficoltà nel controllare gli effetti del tempo e dell'intensità della marijuana, gli scienziati riportano. Le difficoltà sono sorte soprattutto con l'assunzione orale di marijuana. Ulteriori studi prospettici sono ora necessari per comprendere la relazione causa-effetto ed esplorare l'uso di diversi tipi e dosaggi di marijuana per il trattamento dell'emicrania e la profilassi, secondo Laura M. Borgelt e colleghi. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: La Fibromialgia - Cosè, Sintomi, Cause e Trattamenti Efficaci (Agosto 2020).