Notizia

Studi: il cibo fatto in casa ha il sapore migliore


Il cibo fatto in casa ha un sapore migliore, soprattutto se si tratta di un alimento "sano". Questo è il risultato di uno studio congiunto dell'Università di Colonia e dell'Istituto Federale Svizzero di Tecnologia ETH di Zurigo, a cui hanno preso parte 120 donne. Avevano in media 26 anni e soprattutto studenti.

Per l'esperimento, sono stati serviti un frullato di lamponi magro o un frullato di cioccolato ad alto contenuto calorico. Alcune donne avevano precedentemente preparato loro stessi la bevanda. Agli altri è stato dato solo l'elenco degli ingredienti con le istruzioni, il frullato era già stato fatto. Le donne dovrebbero valutare il gusto e valutare quanto sia sano e ricco di calorie.

Coloro che avevano preparato il frullato avevano un sapore migliore. Questo era principalmente vero per il frullato di lamponi con ingredienti sani. Come previsto, l'effetto è stato più forte nelle donne che prestano molta attenzione alla loro dieta e contano le calorie. Presumibilmente, anche il gusto viene valutato meglio perché le persone inconsciamente hanno la necessità di giustificare il tempo e lo sforzo necessari per prepararlo. Inoltre, la consapevolezza degli ingredienti aumenta quando si fa da soli la bevanda.

Gli scienziati sospettano che i prodotti finiti abbiano un sapore meno buono semplicemente perché causano poco sforzo. L'argomento sarà esaminato in modo più differenziato in ulteriori studi. Non è stato ancora chiarito alla fine se i risultati possano essere trasferiti anche a uomini, bambini e altri gruppi alimentari e quale influenza abbiano le capacità di cottura e le conoscenze nutrizionali.

I risultati rafforzano le raccomandazioni generali per cucinare a casa e mangiare meno fast food e pasti precotti. L'istruzione e l'istruzione nelle scuole potrebbero incoraggiare la partecipazione alla preparazione del cibo in una fase precoce e quindi contrastare l'obesità. (Heike Kreutz, aiuto)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: In cucina con Sonia Peronaci (Agosto 2020).