Notizia

Ricerca: le sigarette elettroniche a volte sono più problematiche del normale fumo


Ansia: secondo lo studio, le sigarette elettroniche sono peggiori del consumo di tabacco in alcune aree
Una disputa sulle sigarette elettroniche malsane infuria da anni. Alcune persone lo vedono come una migliore alternativa al tabacco, ma i vaporizzatori elettronici non sono affatto salutari. Un nuovo studio ha dimostrato che le sigarette elettroniche hanno effetti ancora più problematici rispetto al normale fumo in alcune aree.

Sostanze chimiche pericolose nelle sigarette elettroniche
Alcuni esperti sottolineano che le sigarette elettroniche possono rendere più facile smettere di fumare, ma sempre più risultati di studi dimostrano che le sigarette elettroniche non sono innocue. Solo poche settimane fa, gli scienziati statunitensi hanno riportato sulla rivista "Environmental Health Perspectives" che le sigarette elettriche sono apparentemente ancora più pericolose di quanto si pensasse. Alcuni contengono sostanze chimiche pericolose per la salute e che possono causare un polmone ai popcorn. È il diacetile, una sostanza che viene anche utilizzata nella produzione di popcorn a microonde.

Se inalato, la sostanza chimica può portare a gravi malattie polmonari croniche bronchiolite obliterante. Poiché il problema riguarda principalmente i lavoratori delle fabbriche di popcorn, il quadro clinico viene anche definito "polmone di popcorn".

A volte effetti peggiori del consumo di tabacco
I ricercatori italiani hanno ora riferito di altri pericoli posti dalle sigarette elettroniche. Di conseguenza, possono avere effetti anche peggiori sulla salute umana rispetto alla combustione del tabacco convenzionale. È quanto hanno scoperto gli scienziati dell'Istituto di Neuroscienze, parte del Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR, in un nuovo studio in collaborazione con l'Università degli Studi di Milano. Hanno presentato i loro risultati sulla rivista "European Neuropsychopharmacology".

Aumento della presenza di ansia
"Www.news.at" riporta che i test sono stati effettuati su due gruppi di topi di laboratorio a cui è stata somministrata la stessa quantità di nicotina dalle sigarette elettroniche e normali per due mesi. "È stato dimostrato che l'inalazione del fumo di sigaretta elettronica crea meno dipendenza e un deficit cognitivo", ha spiegato la responsabile del progetto Cecilia Gotti. In cambio, è stata rilevata una maggiore insorgenza di ansia e comportamenti compulsivi. Questo fenomeno si è verificato anche molto tempo dopo l'interruzione della nicotina. "A ciò si aggiunge il fatto che numerosi additivi non registrati e i cui effetti sono sconosciuti sono incorporati nel substrato delle sigarette elettroniche", afferma il ricercatore italiano.

Uno dei suoi colleghi, Francesco Clementi, ha affermato che oltre agli effetti sul cervello indagati dagli scienziati italiani, bisogna soprattutto essere avvisati degli effetti dannosi sul sistema nervoso. La nicotina prodotta nella sigaretta elettronica - che era stata a lungo considerata innocua - ha anche conseguenze negative per lo sviluppo di embrioni. Anche il Centro tedesco per la ricerca sul cancro (DKFZ) di Heidelberg ha recentemente avvertito che la nicotina potrebbe anche essere dannosa per la salute delle sigarette elettroniche. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: svapate divertenti (Agosto 2020).