Notizia

Stress quotidiano della posta elettronica: pressione psicologica e calo della produttività


La comunicazione via e-mail è un fattore di stress per molti dipendenti
La comunicazione via e-mail è ora una parte essenziale della vita quotidiana di molte persone. Ma la comunicazione più semplice ha anche il suo lato oscuro. Il costante controllo delle e-mail è un potenziale fattore di stress e, in alcune persone, provoca frustrazione, paura e perdita di produttività, secondo i ricercatori britannici nel rapporto del Future Work Center. In uno studio completo, gli scienziati hanno intervistato quasi 2.000 professionisti di vari settori sulla comunicazione e-mail e sullo stress psicologico.

Nel loro studio attuale, i ricercatori del "Future Work Center" hanno esaminato gli effetti della comunicazione e-mail professionale sulla psiche e sulla produttività degli intervistati. Volevano sapere se fattori come tecnologia, comportamento, età, lavoro, vita privata e personalità influenzano lo stress percepito nella comunicazione via e-mail. Gli scienziati hanno scoperto che la pressione psicologica percepita aumenta significativamente se le e-mail vengono continuamente recuperate automaticamente, ad esempio tramite smartphone. I ricercatori britannici riferiscono che coloro che lasciano il programma di posta elettronica aperto tutto il giorno sono particolarmente stressati e mostrano anche una perdita di produttività. Tuttavia, ci sono chiare differenze individuali nella suscettibilità allo stress della posta elettronica.

Sopraffatto da troppe e-mail
Da quando la comunicazione via e-mail è stata inventata negli anni '70, la forma moderna di comunicazione ha registrato una crescita senza precedenti. La posta elettronica consente alle persone di tutto il mondo di comunicare rapidamente e facilmente, oltre confine e fuso orario. Secondo i ricercatori britannici, nel 2014 sono stati inviati quasi 200 miliardi di e-mail, di cui oltre la metà per motivi professionali. Il volume continuerà ad aumentare nei prossimi anni. Ancora oggi, tuttavia, molti lavoratori hanno difficoltà a elaborare la posta in arrivo ogni giorno. Si sentono sopraffatti dal flusso costante di messaggi e sono interrotti da e-mail nei loro processi di lavoro, che porta a ridurre la produttività e lo stress, riferisce il "Future Work Center".

Il recupero automatico della posta elettronica provoca un aumento dello stress
Nella loro indagine, i ricercatori britannici hanno scoperto che il controllo automatico della posta elettronica è più stressante che indirizzarlo attivamente. Gli intervistati che hanno anche aperto il programma di posta elettronica per tutto il giorno avrebbero affermato molto più frequentemente che le e-mail causano loro stress. Lo stress è stato anche evidente tra i dipendenti che hanno controllato le loro e-mail la mattina presto e la sera tardi. Secondo i ricercatori britannici, i manager sono particolarmente gravati dalla costante comunicazione via e-mail tra i gruppi professionali. Tuttavia, la personalità gioca un ruolo importante nello stress percepito e nella misura in cui le e-mail disturbano l'equilibrio tra lavoro e vita privata.

Gli utenti Apple sono sempre più stressati dalle e-mail
Gli scienziati hanno anche scoperto che lo stress e-mail apparentemente era correlato alla tecnologia utilizzata. Lo stress percepito per gli utenti di dispositivi con il sistema operativo Mac OS (Apple) è significativamente maggiore rispetto agli utenti di computer Windows. Per iPhone (sistema operativo iOS) questo valore era superiore a quello degli smartphone con sistema operativo Android, Windows o Blackberry. Perché questo è così rimane poco chiaro a questo punto. “Non diciamo che Mac OS provochi stress. È solo un dettaglio interessante e potrebbe avere molte ragioni come usabilità, familiarità, design del posto di lavoro, tipo di persone, ecc. ”, Scrivono i ricercatori britannici. Sono ora necessarie ulteriori indagini per comprendere le relazioni e elaborare una strategia per evitare lo stress nella comunicazione via e-mail. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: La cefalea da ipertensione intracranica idiopatica (Agosto 2020).