Notizia

Uomini: invecchiamento cerebrale più veloce misurato in uno studio


Il cervello degli uomini si guasta di più con l'età
Le prestazioni del cervello diminuiscono con l'età. Negli uomini, tuttavia, questo processo sembra progredire molto più velocemente rispetto alle donne. In un recente studio, alcuni scienziati dell'Università di Szegedn in Ungheria hanno scoperto che il volume della cosiddetta materia grigia è diminuito in modo significativo nel corso dell'invecchiamento negli uomini in numerose regioni del cervello, mentre le donne hanno mostrato solo una riduzione significativa della materia grigia nell'area del talamo.

In studi precedenti, "Gli effetti del sesso sulla massa della materia grigia in varie strutture subcorticali del cervello umano sono stati riportati in diverse occasioni", gli scienziati ungheresi scrivono sulla rivista "Brain Imaging and Behaviour". Nel loro studio attuale, Nikoletta Szabó e colleghi dell'Università di Szegedn hanno quindi studiato possibili connessioni tra "dimensioni del cervello, genere, età e massa della materia grigia subcorticale nel cervello umano". I ricercatori hanno scoperto che gli uomini erano molto più pronunciati La ripartizione del cervello nel corso dell'invecchiamento mostra come donne.

Gli uomini mostrano una marcata riduzione della materia grigia
Utilizzando 53 uomini sani e 50 donne sane della stessa età, gli scienziati hanno utilizzato tecniche di imaging (MRI) per studiare la massa della materia grigia nelle singole regioni del cervello e il suo cambiamento con l'aumentare dell'età. "Abbiamo utilizzato l'analisi della segmentazione subcorticale basata su modello per misurare il volume dei nuclei subcorticali", scrivono Szabó e colleghi. In primo luogo, i ricercatori hanno scoperto che c'erano chiare differenze specifiche di genere nelle singole regioni cerebrali. Ad esempio, le donne avrebbero in media un volume ippocampale maggiore. Inoltre, i cambiamenti nella materia grigia nell'area del nucleo caudato, del putame e del talamo hanno mostrato un significativo declino correlato all'età negli uomini rispetto alle donne, secondo gli scienziati. Solo nell'area del talamo anche le donne avrebbero mostrato una significativa perdita di volume con l'aumentare dell'età.

Diminuzione del volume del cervello come causa di malattie?
I risultati attuali sono importanti per l'interpretazione delle immagini MRI del cervello, poiché fattori immutabili come il genere e l'età hanno ovviamente un'influenza significativa sul volume della materia grigia. I ricercatori spiegano anche che i cambiamenti legati all'età nel cervello degli uomini sono correlati all'aumentata incidenza di malattie neurodegenerative come il Parkinson. Lo studio condotto da scienziati ungheresi mostra che l'orologio biologico delle donne non segna più rapidamente in termini di cervello e che gli uomini si aspettano un declino significativamente maggiore delle capacità cognitive in età avanzata. Perché questo è il caso ora dovrebbe essere chiarito da ulteriori studi. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Proteomica: un nuovo modo per studiare le proteine e le loro trasformazioni - Angela Bachi, IFOM (Agosto 2020).