Notizia

Rivelate ulteriori manipolazioni nell'allocazione di organi


Dopo che diversi scandali di donazione di organi sono stati conosciuti, una commissione ha effettuato un controllo su larga scala di tutti i 46 centri di trapianto in Germania. Gli esperti hanno nuovamente riscontrato una serie di anomalie, violazioni delle politiche e manipolazioni, tra cui l'ospedale universitario Jena e l'Università Ludwig Maximilians di Monaco.

Lo scandalo delle donazioni di organi di Göttingen sarà scoperto nel 2012
È stato il più grande scandalo di donazione di organi nella storia della Repubblica Federale: nel 2012 è stato annunciato che un medico dell'ospedale universitario di Gottinga aveva falsificato le cartelle cliniche per consentire a pazienti selezionati di ottenere organi di donatori più rapidamente. Sempre più scandali furono scoperti, tra l'altro a Monaco, Ratisbona e Lipsia.

Seguirono una serie di misure da parte di politici e amministratori autonomi per garantire maggiore controllo e trasparenza nella medicina dei trapianti. Questi includono ad es. esami più rigorosi in loco di tutti i programmi di trapianto di cuore, polmone, fegato, rene e pancreas, un principio multi-occhio quando si registrano pazienti in lista di attesa e l'istituzione di conferenze sul trapianto. Inoltre, dalla fine del 2012, i cittadini e i dipendenti del settore sanitario sono stati in grado di contattare un trust indipendente e fornire informazioni su eventuali anomalie.

La Commissione controlla tutti i 46 centri di trapianto Ora, nell'ambito dell'indagine sugli scandali, il comitato di monitoraggio ed esame dell'Associazione medica tedesca ha sottoposto tutti i 46 centri di trapianto o 126 programmi di trapianto a un'indagine su vasta scala. La commissione, sponsorizzata congiuntamente dalla German Medical Association (BÄK), dalla German Hospital Society e dall'organizzazione ombrello GKV, ha "preso un bilancio positivo del suo lavoro" dopo aver rivisto gli anni dal 2010 al 2012, secondo un comunicato stampa corrente del BÄK.

Tuttavia, gli esperti hanno continuato a scoprire irregolarità in varie cliniche. Secondo questo, "manipolazioni sistematiche e anomalie" sono state trovate nelle cliniche di Berlino, Monaco, Heidelberg, Jena e Colonia nell'area dei trapianti di cuore. In tutti i casi, i pazienti sono stati mostrati "più malati" di quanto non fossero realmente per aumentare le possibilità di un organo donatore.

Nessuna violazione delle linee guida per i trapianti renali Gli esaminatori hanno anche riscontrato "una moltitudine di anomalie" nel caso dei trapianti polmonari, che, tuttavia, secondo il rapporto, "nella maggior parte dei casi potrebbero essere attribuiti alla supervisione, all'ignoranza o alla mancanza di cure". Nell'area dei trapianti renali, d'altra parte, non c'erano prove di violazioni o manipolazioni sistematiche della politica. Allo stesso modo, non sono state rilevate anomalie nel pancreas e nei trapianti di rene-pancreas combinati, il messaggio continua.

I politici chiedono un maggiore controllo
Nonostante le anomalie in alcune aree, la maggior parte dei centri aveva funzionato "correttamente e correttamente". “Il cambiamento strutturale e culturale è evidente in molti centri di trapianto. Oggi possiamo affermare che queste misure stanno funzionando ", ha dichiarato Anne-Gret Rinder, presidente del comitato di esame, alla presentazione della relazione annuale a Berlino.

"Gli esami aiutano a ripristinare la fiducia perduta delle persone nella medicina dei trapianti. Questo ci incoraggia a continuare il nostro lavoro nel prossimo periodo di revisione in modo meticoloso ed efficiente come prima ”, ha sottolineato il Presidente della Commissione di monitoraggio, Prof. Dr. Hans Lippert.

Il compito dovrebbe essere delegato al Robert Koch Institute. Tuttavia, alla luce della situazione attuale, i critici chiedono un controllo ancora maggiore sulla medicina dei trapianti: "Finora il governo federale ha fatto ben poco per stabilire il controllo dello stato di diritto dei centri di trapianto", ha affermato il politico della Green Health Harald Terpe ed Elisabeth Scharfenberg di fronte al "dpa".

La Fondazione tedesca per la protezione dei pazienti continua a sostenere un maggiore controllo della medicina dei trapianti in Germania. "L'esame del sistema di trapianto è un compito sovrano e deve essere svolto continuamente", ha dichiarato il membro del consiglio di amministrazione Eugen Brysch. In base a ciò, era necessario un trasferimento di questo compito dal ministro federale della sanità Hermann Gröhe (CDU) allo stato Robert Koch Institute (RKI), e l'attuale ciclo di ispezione di tre anni doveva essere abbreviato.

Non è sufficiente rivedere gli ultimi 2-5 anni, ha continuato Brysch, "piuttosto gli ultimi 15 anni devono essere messi sul tavolo." Tuttavia, l'esame non dovrebbe essere lasciato a organizzazioni private come l'Associazione medica tedesca, la società ospedaliera o l'associazione ombrello GKV Brysch ha detto in un'intervista con il "dpa". (No)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Manipolazione spalla: ecco come si fa (Agosto 2020).