Notizia

Il contesto tra la flora intestinale e il diabete mostra gli ultimi approcci alla terapia


Il rischio di diabete è significativamente influenzato dalla flora intestinale
Secondo le stime attuali, circa 400 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di diabete, rendendo il diabete una delle malattie metaboliche più comuni in tutto il mondo, secondo l'Università di Medicina di Graz. Negli ultimi anni, è stato dimostrato che la flora intestinale svolge un ruolo importante nello sviluppo del diabete in sovrappeso e di tipo 2. Un attuale progetto di ricerca presso il Med Uni Graz riguarda quindi il cambiamento del microbioma intestinale al fine di essere in grado di influenzare attivamente l'obesità o il diabete.

All'università medica di Graz, numerosi progetti di ricerca innovativi si occupano di nuovi approcci terapeutici per la cura del diabete. Nell'attuale ricerca sul microbioma intestinale, gli scienziati stanno esaminando "se la somministrazione di un probiotico per un periodo di tempo più lungo può controllare attivamente l'eccesso di peso, l'adeguamento della glicemia e la risposta all'insulina o la produzione di insulina nel pancreas", secondo il Med Uni Graz.

L'obesità al centro della ricerca sulla salute
Secondo il gruppo di ricerca guidato dal professor Dr. Secondo Harald Sourij dell'Università di Medicina di Graz, l'obesità e il diabete mellito saranno probabilmente la più grande sfida per il nostro sistema sanitario nei prossimi decenni. "La Task Force sull'obesità stima che un miliardo di persone sia in sovrappeso in tutto il mondo e quasi un altro mezzo miliardo soffre di obesità", sottolinea il professor Sourij. Poiché l'aumento del peso corporeo aumenta anche il rischio di sviluppare diabete di tipo 2, malattia coronarica, ictus o cancro, oggi l'obesità è diventata al centro della ricerca sulla salute

Flora intestinale alterata in caso di sovrappeso
Secondo i ricercatori, recenti ricerche hanno dimostrato che la flora intestinale svolge un ruolo importante nello sviluppo dell'obesità e del diabete mellito di tipo 2. La composizione batterica nell'intestino nelle persone in sovrappeso differisce significativamente dal peso normale. Solo quando le persone in sovrappeso perdono nuovamente peso, si raggiunge nuovamente l'equilibrio del microbioma intestinale. "La composizione del microbioma influenza i processi infiammatori cronici e la risposta del corpo all'insulina, che è direttamente collegata al diabete", continua Harald Sourij.

Ricerca su nuovi approcci terapeutici
Un altro progetto di ricerca presso il Med Uni Graz sta attualmente testando nuovi tubi di plastica lunghi 70 cm (EndoBarrierTM), che sono collegati all'uscita gastrica mediante gastroscopia e impediscono al porridge alimentare di entrare in contatto con la parete intestinale su questi 70 cm. Questo intervento ha dimostrato di ridurre significativamente il peso, riferisce il Med Uni Graz. Nel presente progetto, i ricercatori di Graz ora vogliono scoprire "come l'intervento influisce sul sistema ormonale del corpo e quindi esaminare i cambiamenti nel microbioma intestinale al fine di ottenere ulteriori informazioni importanti nella lotta contro il diabete", secondo il rapporto medico Università. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Glicemia e microbiota BUONO (Agosto 2020).