Notizia

Eutanasia: le strutture di supporto attivo rimangono vietate


In singoli casi, l'assistenza suicida rimane impunita
Dopo che il Bundestag ha deciso ieri di migliorare le strutture ospedaliere e le cure palliative, oggi la questione molto più controversa dell'eutanasia era all'ordine del giorno. L'aiuto al suicidio è stato per anni un argomento estremamente controverso. Mentre alcuni stati, come i Paesi Bassi, consentono l'eutanasia attiva in alcune istituzioni, l'assistenza suicida è proibita in questo paese. In caso di suicidio assistito, in singoli casi possono essere previste sanzioni penali. Questo rimarrà il caso in futuro.

La maggior parte del Bundestag tedesco ha votato oggi a favore della fazione "Progetto di legge sulla responsabilità penale della promozione del suicidio legata alle imprese", ha annunciato il Ministero federale della sanità. Ciò significa che le istituzioni e le associazioni a sostegno dei suicidi sono ancora vietate. In singoli casi, l'eutanasia può rimanere impunita, ma anche qui non è garantita l'impunità di base.

Dal divieto completo all'autorizzazione di base
La gamma di domande presentate in merito al futuro utilizzo dell'assistenza suicida riflette anche il controverso dibattito in corso sull'eutanasia da anni. Le proposte andavano da un permesso per l'eutanasia medica (domanda del vicepresidente del Bundestag Peter Hintze e del vice leader del gruppo parlamentare SPD Carola Reimann) a una punizione penale generale per l'eutanasia (domanda di Patrick Sensburg; CDU). La maggioranza ha ricevuto il disegno di legge interparlamentare dei parlamentari Michael Brand (CDU), Kerstin Griese (SPD), Kathrin Vogler (Die Linke) e Dr. Harald Terpe (Alliance 90 / The Greens), secondo il Ministero federale della sanità. Il progetto prevede il divieto di assistenza commerciale al suicidio, ma in singoli casi l'indennità di suicidio rimarrà impunita.

L'aiuto al suicidio come servizio è un tabù
Il ministro federale della sanità, Hermann Gröhe, ha sottolineato che "era corretto che il nostro sistema legale tacesse sul dramma del suicidio." Il principio di base dovrebbe quindi "essere (sempre) per mantenere l'impunità dell'indennità di suicidio individuale - senza alcuna legge penale speciale per nessun gruppo professionale". Tuttavia, era una legge completa situazione diversa, indipendentemente dal fatto che una persona determinata a commettere suicidio parli con un'altra persona di possibili atti di sostegno o se i club lo offrano a un numero illimitato di destinatari come servizio, il Ministro federale della sanità ha giustificato la decisione di vietare il suicidio commerciale.

L'eutanasia non è un compito medico
Va anche apprezzato il fatto che la professione medica lo abbia chiarito: il suicidio non è un compito medico, spiega Gröhe. L'etica professionale medica e il diritto alla posizione professionale non dovrebbero essere compromessi da un esplicito permesso di suicidio medico di diritto civile. Se i medici "superano questo requisito di legge professionale nei singoli casi con il più alto livello di coscienza, allora è responsabilità dell'associazione medica responsabile apprezzare adeguatamente il caso specifico", afferma Gröhe Weiuter. Ha "grande fiducia nella professione medica che tale esame, come in passato, viene effettuato con ragione e giudizio", sottolinea il Ministro federale della sanità. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Eutanasia - La dolce morte intervista al prof. Carmelo Micale (Agosto 2020).