Notizia

Studio: i cani riducono il rischio di asma


Il contatto precoce con i cani riduce il rischio di asma in seguito
Se i bambini hanno contatti con i cani in tenera età, ciò riduce il rischio di sviluppare l'asma in seguito. Ricercatori svedesi lo hanno confermato in un nuovo studio. È noto da tempo che i bambini che crescono in un allevamento hanno meno probabilità di sviluppare l'asma.

I bambini in città hanno maggiori probabilità di sviluppare allergie
Precedenti studi hanno dimostrato che la polvere del fienile può proteggerci dalle allergie e dall'asma. I bambini delle città si ammalano molto più spesso di quelli che crescono in un allevamento. Anche gli animali domestici sembrano svolgere un ruolo importante in questo. In passato, alcuni studi hanno dimostrato che i cani proteggono i bambini dall'asma.

Gli scienziati svedesi lo hanno ora confermato. Nel più ampio studio su questo argomento fino ad oggi, i ricercatori hanno scoperto che uno stretto contatto con i cani nel primo anno di vita riduceva la probabilità di sviluppare l'asma all'età di sei anni del 13%. Come riportato dagli autori dello studio nella rivista specializzata "JAMA Pediatrics", questo risultato era indipendente dal fatto che i genitori soffrissero o meno di asma.

Rapporto tra asma e contatto precoce con i cani
"Il nostro studio ha prodotto risultati validi per l'intera popolazione della Svezia e che possono essere trasferiti ad altri paesi europei", ha spiegato Catarina Almqvist Malmros del Karolinska Institute di Stoccolma. Utilizzando i registri di registrazione nazionali, l'esperto, insieme a Tove Fall dell'Università di Uppsala e altri colleghi, ha valutato i dati su tutti i bambini nati tra il 2001 e il 2010 in Svezia - circa un milione. Tra l'altro, il team ha esaminato la relazione tra asma all'età di sei anni e il contatto con cani o animali da fattoria nel primo anno dopo la nascita.

Rischio ridotto da amici a quattro zampe
L'asma è stata diagnosticata nel 4,2% dei bambini di sei anni. Gli scienziati hanno scoperto che il rischio di asma per coloro che hanno avuto contatti con i cani è diminuito del 13% rispetto a quelli cresciuti in case senza cani. A contatto con animali da allevamento, la differenza era ancora maggiore al 52 percento e corrispondeva ai valori ottenuti in studi precedenti. Secondo le informazioni, le relazioni si sono dimostrate indipendenti dal fatto che i genitori fossero affetti da asma e che il bambino avesse o meno fratelli maggiori. Come scrivono gli autori, questa conoscenza potrebbe essere utile per i genitori che stanno valutando se e quando acquistare un cane.

Influenza sul sistema immunitario
Lo studio - come tutti questi studi epidemiologici - mostra solo relazioni statisticamente rilevanti ma nessuna relazione causale. Tuttavia, ha senso spiegare i risultati basati sull'ipotesi igienica ampiamente accettata secondo cui il contatto con i germi ambientali influenza la maturazione del sistema immunitario nella prima infanzia. Se i piccoli sono esposti a un numero particolarmente elevato di diversi tipi di germi, le reazioni immunitarie allergiche a corpi estranei innocui si verificano meno frequentemente in seguito. Vivere insieme a un cane espande la gamma di microbi che possono essere rilevati nella polvere domestica. Ciò potrebbe ridurre il rischio di allergia e asma.

I bambini con allergie ai peli di animali dovrebbero evitare i cani
La situazione è diversa con un'allergia ai peli di animali conosciuta. "Sappiamo che i bambini con allergie note a cani o gatti dovrebbero evitarli, ma i nostri risultati mostrano anche che i bambini che crescono con i cani hanno un rischio più basso di asma più avanti nella vita", ha detto Catarina Almqvist Malmros. Alcuni anni fa, tuttavia, i ricercatori statunitensi dell'ospedale Henry Ford di Detroit hanno scoperto che le allergie dei peli di animali possono anche essere prevenute dal contatto precoce con gli animali domestici. Al momento, hanno riferito che cani e gatti possono ridurre il rischio di allergie. I loro risultati contraddicevano ipotesi comuni. (Annuncio)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Webinar SIMRI: Procedure generanti aerosol in epoca COVID-19. (Agosto 2020).