Notizia

Alta sensibilità: l'ipersensibilità è diventata un fenomeno di massa


Sempre più persone trovano gli stimoli ambientali stressanti
Rumori forti, colori brillanti, tocchi o voci confuse: ogni giorno siamo letteralmente "inondati" di innumerevoli stimoli. Mentre alcuni vanno d'accordo con esso, altri reagiscono in modo estremo all'eccessivo input sensoriale e lo trovano molto stressante. In questo caso, gli esperti parlano di alta sensibilità, ma questa non è una malattia, ma piuttosto una disposizione del sistema nervoso, spiega la consulente psicologica Brigitte Küster sulla piattaforma di notizie "20minuten".

Rispondi più fortemente agli stimoli
"La sveglia ti brucia improvvisamente dal sonno, il suono squilla come un coltello che ti annoia in testa. Apri gli occhi, il sole brucia intensamente sulla tua retina […]. ”Ecco come Brigitte Küster, lei stessa colpita, descrive la sua normale vita quotidiana con alta sensibilità. Le persone che soffrono di questo fenomeno reagiscono molto più fortemente e intensamente agli stimoli rispetto alla media. Finora non esiste una definizione scientifica chiara e riconosciuta di "ipersensibilità", ma molti malati riportano gli effetti - come la bassa resilienza - che l'alta sensibilità ha su di loro. Michael Jack di Dortmund descrive anche le sue esperienze e problemi e come affrontare il fenomeno in un messaggio dell'agenzia di stampa della Dpa.

Circa il 20 percento delle persone sono colpite
Lo trovava sempre estremamente faticoso quando andava in discoteca con i suoi compagni di scuola. "Ho avuto cinque minuti senza tappi per le orecchie e non più di 30 minuti con tappi per le orecchie", ha detto Jack. La musica ad alto volume, il borbottio delle voci e le luci intense erano semplicemente troppo per lui. "Ho sempre avuto la sensazione che qualcosa non andasse in me". Questa sensazione prende il nome solo anni dopo. A quel tempo era uno studente di legge. A quel tempo cercò di scoprire su Internet perché gli eventi con molte persone o le conversazioni con musica di sottofondo, per esempio, fossero così estenuanti per lui, ma a quanto pare i suoi compagni non lo fecero.

Nella sua ricerca, ha trovato il termine "alta sensibilità". Fu modellato dalla psicologa americana Elaine Aron, che pubblicò il suo primo studio su questo argomento nel 1997. Secondo la loro teoria, fino al 20 percento delle persone percepisce le impressioni sensoriali in modo più forte e più intenso della media.

"Ottima sensibilità per le tensioni interpersonali"
Come ha affermato lo psicologo Hedi Friedrich di Francoforte, questo può essere espresso in modi molto diversi. L'esperto si occupa dell'argomento da molti anni e offre anche gruppi di discussione per i più sensibili. Quindi diventa rapidamente troppo rumoroso per alcuni, mentre altri trovano difficile bloccare i rumori nella zona, ad esempio dai colleghi al telefono.
Altri hanno un naso particolarmente sensibile, non possono sopportare indumenti graffianti sulla pelle o sono più sensibili al dolore. In molti casi, i sensi sono anche acuiti per segnali che non sono visibili a prima vista: "Molte persone altamente sensibili hanno un ottimo feeling per le tensioni interpersonali, analizzano se stesse e gli altri molto attentamente e sono apprezzate per la loro empatia e compassione".

Talento percettivo - non una malattia
Secondo Friedrich, tuttavia, l'alta sensibilità non è una malattia, ma un dono per la percezione. Tuttavia, le conseguenze dei sensi acuti hanno colpito molte persone colpite. Perché senza interruzioni, l'input costante stanca il corpo e l'anima. Inoltre, evitando costantemente folle di persone, le persone colpite diventano facilmente estranee. “Ti metti costantemente sotto pressione e cerchi di adattarti. Questo ti mette in situazioni che non vanno bene per te ", ha spiegato Michael Jack.

Anche Peter Falkai della Clinica psichiatrica dell'Università di Monaco considera l'alta sensibilità come un tratto di personalità. A suo avviso, le "peculiarità neurologiche" sono responsabili di garantire che nel cervello non vengano filtrate più informazioni del solito. Di conseguenza, il negozio si riempirà più velocemente, il medico ha detto al "Ärzte-Zeitung".

"Proprio come alcune persone sono molto alte, molto intelligenti o molto timide, queste persone percepiscono semplicemente molto del loro ambiente", spiega lo psicologo per la psicoterapia, Esther Huser, sulla piattaforma di notizie "20minuten". Le persone interessate dovrebbero pertanto assumersi la responsabilità e imparare a utilizzare questa caratteristica, ad es. garantendo periodi di riposo regolari per elaborare gli stimoli. È stato anche "liberalmente esistenziale" per Michael Jack apprendere che c'era una ragione per la sensazione di disagio "e che sono stato in grado di sviluppare strategie contro di essa".

I critici parlano di una diagnosi di tendenza
L'ormai laureato avvocato Jack ha avviato la rete di informazione e ricerca High Sensitivity ed è anche il suo presidente. Oltre al lavoro di pubbliche relazioni, si tratta di avviare ricerche su scienziati ad alta sensibilità e networking. Nel frattempo, c'è un'intera serie di libri sul fenomeno dell'alta sensibilità e alcuni punti di contatto per tutti coloro che cercano consigli, ma ci sono anche molte voci che parlano di una diagnosi di tendenza senza una base scientifica. La sua tesi era che è una verità che le persone elaborano gli stimoli sensoriali in modo diverso e che un eccesso di impressioni si stanca. Friedrich ha spiegato che non è stato facile far capire agli altri cosa significa alta sensibilità: "Significa che sono insensibile?" Può essere spesso sentito come una reazione. Le persone molto sensibili verrebbero rapidamente etichettate con la pelle sottile e sensibili. I suoi particolari punti di forza e abilità, d'altra parte, sono facilmente trascurati, poiché molte persone altamente sensibili sono piuttosto riservate.

I questionari si basano sull'autovalutazione
"Finora mancavano strumenti diagnostici scientificamente provati", ha spiegato Sandra Konrad, psicologa presso l'Università della Bundeswehr di Amburgo. Come parte della sua tesi di laurea, sta attualmente preparando numerosi studi sul tema dell'alta sensibilità. Le versioni tedesche dei questionari attualmente utilizzati per questo si basano esclusivamente sull'autovalutazione delle persone interessate e non sono state testate scientificamente. "Qui sto cercando di porre rimedio alla situazione." Secondo lei, c'è molto bisogno di ricerca, dal momento che si sa poco sulle cause e sui meccanismi dell'alta sensibilità: "Studi gemelli indicano che questa è una peculiarità geneticamente determinata dei sistemi di elaborazione dello stimolo "Ha detto Konrad.

Nel caso di soggetti altamente sensibili, alcune aree del cervello potrebbero essere più eccitate e gli stimoli sensoriali più spesso classificati come "significativi". Michael Jack vede pragmaticamente l'intera discussione: "Non puoi" comprare nulla "per un'alta sensibilità, quindi una diagnosi affidabile non avrebbe conseguenze immediate", ha detto il nativo di Dortmund. "Il termine può aiutare, tuttavia, che le persone colpite modellano la propria vita in base alla loro disposizione - e beneficiano anche degli aspetti positivi dell'alta sensibilità." (Annuncio)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Quale il partner ideale per le persone altamente sensibili? (Agosto 2020).