Notizia

Studio: come le persone possono imparare molto di più mentre dormono


Apprendimento durante il sonno - I ricercatori confermano la capacità di apprendimento durante il sonno
Imparare il vocabolario durante il sonno sembra allettante ed è effettivamente possibile, secondo uno studio condotto da scienziati delle università di Friburgo e Zurigo. Tuttavia, il cervello deve essere in grado di lavorare in pace e non deve essere confuso da un input eccessivo, riportano i ricercatori sulla rivista "Nature Communication".

Circa un anno fa, i ricercatori delle Università di Friburgo e Zurigo sono stati in grado di dimostrare che quando si suonano parole straniere precedentemente apprese durante il sonno, si ha un maggiore effetto di apprendimento. Nell'attuale studio finanziato dalla Swiss National Science Foundation (SNSF), il team di ricerca guidato dal biopsicologo Björn Rasch dell'Università di Friburgo ora ha verificato l'effetto in un laboratorio del sonno ed ha esaminato se potesse essere ampliato giocando ulteriori informazioni.

Memoria migliorata delle parole apprese
Mentre non si possono apprendere nuove cose mentre si dorme, "è molto efficace rivedere le parole straniere precedentemente apprese mentre si dorme", riferisce SNSF. L'audizione silenziosa del vocabolario olandese precedentemente appreso ha migliorato significativamente la memoria delle parole. I ricercatori delle università di Zurigo e Friburgo hanno potuto dimostrarlo un anno fa. Il nuovo studio ha ora chiarito che il cervello deve essere in grado di lavorare in pace per ottenere l'effetto di apprendimento, secondo SNSF.

Prova nel laboratorio del sonno
Gli scienziati hanno avuto 27 soggetti di lingua tedesca che imparano le parole olandesi e poi dormono in laboratorio per tre ore. Non solo hanno giocato il vocabolario che hanno appreso nella parte anteriore, ma hanno anche cercato di trasmettere ulteriori informazioni ai soggetti del test. Ad esempio, i ricercatori hanno cercato di rafforzare l'effetto "fornendo le traduzioni tedesche oltre alle parole olandesi", riferisce SNSF: hanno anche verificato se l'oblio può essere promosso con una traduzione errata.

Informazioni aggiuntive interrompono i processi di memoria
Sorprendentemente, gli esperimenti non hanno mostrato né un miglioramento del ricordo né un aumento dell'oblio, spiega Björn Rasch nel comunicato stampa SNSF. L'effetto originale di circa il dieci percento in più di parole ricordate quando si suonavano solo parole olandesi durante il sonno è stato confermato. Ma "suonare una seconda parola subito dopo la prima sembra interferire con i relativi processi di memoria precedentemente attivati", riferisce Rasch. Apparentemente, non tutte le informazioni che il cervello riceve sono importanti per l'effetto di apprendimento, "solo una spinta per rafforzare la memoria", ha annunciato SNSF.

Modelli di attivazione cambiati delle onde cerebrali
Nel laboratorio del sonno, gli scienziati sono stati anche in grado di misurare le onde cerebrali dei soggetti durante gli esperimenti. È stato dimostrato che i vari effetti di apprendimento hanno portato a diversi modelli di attivazione nel cervello. Le caratteristiche ondate di sonno e memoria (fusi e gamma di frequenza theta) sono state migliorate durante la riproduzione di singole parole olandesi. Tuttavia, questi modelli di attività sono scomparsi completamente non appena è seguita un'altra parola, riporta SNSF. Nelle successive indagini, i ricercatori sono stati anche in grado di dimostrare che il periodo tra le coppie di parole ha un'influenza significativa sull'effetto. Se la traduzione tedesca è seguita dopo due secondi anziché 0,2 secondi, l'effetto dirompente è scomparso e il rafforzamento è continuato, secondo Rasch e colleghi.

Imparare le lingue straniere più facilmente in futuro?
Questi risultati sono ulteriori prove del fatto che "il sonno promuove lo sviluppo della memoria", ha detto Rasch. Il cervello attiva spontaneamente i contenuti precedentemente appresi. "Giocando, possiamo migliorare questo effetto", sottolinea il capo dello studio. Ora è indispensabile che gli esperimenti vengano trasferiti dal laboratorio del sonno controllato alla vita di tutti i giorni per vedere "se l'effetto può essere ottenuto anche in condizioni realistiche". Per confermare gli effetti finora riscontrati, questo potrebbe essere utilizzato, ad esempio, per sviluppare un'app che semplifichi l'apprendimento delle lingue straniere e il miglioramento dei voti nei test di vocabolario. (Fp)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Impara il russo dormendo! Per principianti! Assimila parole e frasi in russo! (Ottobre 2020).