Notizia

La mucca morì di antrace in Gran Bretagna


Primo focolaio della malattia mortale in Inghilterra dal 2006
Una mucca morì nella contea inglese del Wiltshire a causa della mortale malattia infettiva dell'antrace. Questo scoppio di antrace è il primo del suo genere in Inghilterra dal 2006. L'autorità sanitaria responsabile ha affermato che il rischio per la popolazione può essere classificato come basso.

La mucca in questione è morta in una fattoria del Wiltshire alla fine della scorsa settimana. La carcassa dell'animale infetto è stata bruciata immediatamente dopo il completamento dell'indagine. Questo è il primo caso di malattia batterica in Inghilterra dal 2006. Tuttavia, un secondo caso è stato registrato nel Regno Unito in una fattoria del Galles il mese scorso. Al momento non è chiaro se esiste una connessione tra i due casi.

Il rischio di infezione per la popolazione è estremamente basso
Il portavoce del governo ha dichiarato in una dichiarazione che le possibilità di trasmissione di animali infetti a persone che hanno molti contatti con gli animali sono estremamente basse. Le persone colpite sarebbero ben informate e sotto osservazione medica. Il portavoce ha aggiunto che non c'è pericolo per il grande pubblico. Inoltre, non sono noti casi in cui altri animali si ammalano. È anche importante che nessuna mucca infetta sia stata ulteriormente trasformata e quindi nessuna carne contaminata sia entrata nella catena alimentare umana.

Animali zoccoli zoccoli più a rischio
All'azienda interessata è stato imposto un periodo di incubazione di 72 ore. Questo è ormai scaduto e si presume che nessuna mucca abbia lasciato la fattoria nel periodo precedente alla comparsa della malattia infettiva batterica. L'antrace è anche noto come antrace. La malattia mortale colpisce spesso le popolazioni animali in Europa, Africa e Asia. Il rischio più elevato di contrarre questa infezione colpisce generalmente quello degli ungulati come pecore o bovini. Le trasmissioni umane sono molto rare nei paesi sviluppati. L'ultimo caso noto di antrace in Germania si è verificato nel 2014 nei bovini della Sassonia-Anhalt. Ora test approfonditi sono per scoprire quale fonte di infezione ha sede in Gran Bretagna.

Sintomi facilmente riconoscibili per gli allevatori
Gli agricoltori dovrebbero prestare attenzione agli evidenti segni di antrace prima che gli animali vengano macellati, ha detto un portavoce del Dipartimento per l'ambiente, gli alimenti e le attività rurali (Derfra). Di solito, i sintomi sono facili da individuare per gli allevatori, quindi c'è una buona possibilità di prevenire un'ulteriore diffusione. Gli animali colpiti di solito mostrano evidenti segni di antrace prima che sia programmata la lavorazione o la macellazione. Per questo motivo, è improbabile che carne proveniente da animali infetti entri nella catena alimentare umana, ha detto il portavoce Defra. Tuttavia, ci sono anche casi in cui l'animale malato muore rapidamente dopo la comparsa dei primi sintomi. Ad esempio, pecore e bovini muoiono molto rapidamente per "antrace". Per questo motivo, è possibile che un animale morto non avesse in precedenza segni evidenti della malattia. La lunghezza della malattia varia, motivo per cui può accadere che gli animali manifestino i sintomi pochi giorni prima della morte. I sintomi tipici includono una diminuzione della produzione di latte, perdita di appetito, dolore e gonfiore.

Le indagini continuano
Nigel Gibbens di Defra ha dichiarato in una dichiarazione che questo caso era stato riconosciuto in anticipo e che era possibile reagire rapidamente. La mucca deceduta fu immediatamente bruciata nella fattoria e quindi fu imposto il coprifuoco. Pertanto, un pericolo per la popolazione può essere escluso. Maggie Rae, direttore dell'autorità sanitaria pubblica e vicedirettore del Wiltshire Council, ha aggiunto che il rischio è molto basso, ma ovviamente la situazione non deve essere sottovalutata. Il problema doveva essere preso sul serio e ogni sforzo doveva essere fatto per supportare nel miglior modo possibile gli esperti nazionali e locali nelle loro indagini.

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Tutto quello che non puoi non sapere su terapie cellulari, staminali, diabete, autoimmunità e Covid (Agosto 2020).