Notizia

Rifiuti di plastica scoperti anche nelle acque artiche


I rifiuti di plastica stanno raggiungendo la superficie dell'acqua dell'Artico
I mari si stanno sporcando. I ricercatori dell'Istituto Alfred Wegener (AWI) sono stati ora in grado di dimostrare per la prima volta che i rifiuti di plastica galleggiano ora sulla superficie dell'acqua nelle acque artiche. Tuttavia, come riporta l'AWI, non è ancora chiaro come i rifiuti possano arrivare così a nord. Ma è probabile che la spazzatura sia problematica per le creature marine che vivono lì, perché i suoi residui sono già ad es. sono stati trovati nello stomaco di uccelli marini.

I ricercatori usano la spedizione di studio per contare i rifiuti
La spazzatura di plastica apparentemente raggiunge le regioni più remote del mare e sta diventando un problema crescente anche nell'Artico. Ciò ha comportato uno dei primi conteggi dell'immondizia a nord del circolo polare artico, che è stato effettuato da un gruppo di ricerca dell'AWI e del Belgian Laboratory for Polar Ecology. Come scienziati in un articolo nel portale online della rivista "Polar Biology" http://link.springer.com/article/10.1007/s00300-015-1795-8
secondo quanto riferito, il team aveva utilizzato una spedizione nell'area marina tra la Groenlandia e Spitsbergen (Framstrasse) per cercare pezzi di immondizia sulla superficie dell'acqua.

Con ogni probabilità, il numero è un eufemismo
"In totale, abbiamo scoperto 31 pezzi di rifiuti", ha detto il biologo AWI Dr. Melanie Bergmann secondo l'annuncio dell'istituto. All'inizio questo numero può sembrare piccolo, ma mostra che ci sono rifiuti sulla superficie dell'acqua nel lontano Artico. Inoltre, i conteggi sono stati fatti da un'altezza relativamente grande, quindi è stato registrato principalmente un grosso galleggiante. "I nostri numeri sono quindi con ogni probabilità un eufemismo della quantità effettiva di rifiuti", aggiunge Bergmann.

I rifiuti di plastica nell'Artico sono particolarmente problematici per gli uccelli marini come il fulmar che becca la sua preda dalla superficie dell'acqua. Secondo gli ultimi studi dell'Isfjord su Spitsbergen, l'88% degli animali esaminati aveva ingerito parti in plastica. Inoltre, secondo l'AWI, sono stati trovati anche rifiuti di plastica nello stomaco fino all'8% degli squali della Groenlandia catturati. (No)

Informazioni sull'autore e sulla fonte

Video: Il discorso di Greta Thunberg per il clima @ COP24 di Katowice, Polonia (Agosto 2020).