Notizia

Trattamento della dipendenza: la ricaduta non è una ragione per interrompere la terapia


Terapie di dipendenza: le ricadute sono normali
Le dipendenze sono comuni nella nostra società. Circa 1,3 milioni di tedeschi, ad esempio, sono considerati alcol-dipendenti. Molti possono essere aiutati con la terapia. Molto è cambiato nel trattamento. Quindi le ricadute non sono più un motivo per interrompere la terapia in questi giorni.

Molto può renderti dipendente
Non solo le droghe illegali come l'eroina o la cocaina possono creare dipendenza, ma anche sostanze legali come il tabacco o l'alcool. Secondo le stime del Federal Center for Health Education, circa 1,3 milioni di tedeschi sono considerati alcol-dipendenti. Gli esperti sanitari affermano che la forza di volontà della maggior parte delle persone non è sufficiente per combattere la dipendenza. Tuttavia, ci sono molte strutture in cui le persone possono essere aiutate. Molto è cambiato nei metodi di trattamento negli ultimi decenni.

La ricaduta fa parte della dipendenza
Ad esempio, le persone con trattamento di dipendenza dopo una ricaduta non devono più essere espulse dalla terapia. "Oggi una ricaduta è un motivo per occuparsi più intensamente del cliente", ha spiegato Raphael Gassmann dell'Ufficio centrale tedesco per le domande sulla dipendenza (DHS) in un messaggio dell'agenzia di stampa dpa. Secondo l'esperto, la ricaduta fa parte di una dipendenza e si verifica il più delle volte più volte. Le persone colpite non dovrebbero temere che tutto andrebbe perso. "Devi dire: sto per ricominciare", ha detto Gassmann. Al giorno d'oggi, i clienti e i pazienti sono informati del comportamento corretto durante la prima consultazione o terapia.

Nessun motivo per interrompere la terapia
"Il panorama terapeutico ha capito che i pazienti non dovevano essere respinti in caso di recidiva", ha affermato Gassmann. "Una ricaduta 20 anni fa era un motivo per interrompere la consulenza o la terapia." Nel frattempo, questo non era più un problema: "Se chiedi ai fumatori:" L'hai fatto la prima volta ", la risposta è di solito:" A seconda o terza volta. "Abbiamo lo stesso con l'alcol", ha spiegato Gassmann. Tuttavia, in caso di ricaduta, molti hanno affermato che possono continuare dopo aver bevuto qualcosa. Ma ciò non dovrebbe accadere. Era molto meglio chiamare il consulente dopo la prima bottiglia.

Le persone colpite ricadono come fallimento personale
“Da un punto di vista medico, non sarebbe affatto un problema se qualcuno fumasse la prima sigaretta o bevesse la prima bottiglia di grappa dopo cinque anni e la lasciasse. Ma pochi riescono. ”Di solito le persone continuano a fumare o bere. "Un sorso è un fattore che continua - psicologicamente per una serie di motivi. La sostanza che crea dipendenza fa appello alla cosiddetta memoria che crea dipendenza dal punto di vista biochimico. ”Le persone colpite hanno sperimentato la ricaduta come un fallimento personale. Si dicono, quindi posso solo andare avanti. "Molti finiscono in modo tale che il precedente comportamento avvincente venga ripreso". Questo accade spesso quando si va in pensione. "Ma una ricaduta non è un motivo per disperare", ha detto Gassmann. "È meglio riferire il giorno in cui accade." (Annuncio)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Live #38 - Legalize.. what? Con Ferdinando Nicoletti (Agosto 2020).