Notizia

TBC: il richiedente asilo si è ammalato di tubercolosi in alloggi condivisi


I contatti stretti dovrebbero essere esaminati come precauzione
La lungentubercolosi (TBC) è stata diagnosticata in un richiedente asilo che viveva nella sistemazione condivisa a Gransee (Oberhavel). Questo è attualmente segnalato dal distretto di Oberhavel. Di conseguenza, erano già state avviate tutte le misure necessarie per impedire la ritrasmissione. Tra le altre cose, ora è importante trovare tutti i contatti stretti del paziente negli ultimi mesi in modo che possano essere esaminati come precauzione.

Il paziente viene curato in ospedale
Nella città di Gransee, nel Brandeburgo, un uomo ha contratto la tubercolosi polmonare (TBC). Come riporta il distretto di Oberhavel, la diagnosi del richiedente asilo che viveva in un alloggio condiviso era già stata fatta la scorsa settimana. Questo è il primo caso di malattia in una sistemazione comunitaria nel distretto, in totale ci sono stati tra uno e sei casi di tubercolosi ogni anno a Oberhavel negli ultimi cinque anni.

La trasmissione della tubercolosi può avvenire solo direttamente dal paziente
Il paziente è stato trattato come un ricoverato e "stava bene in base alle circostanze", ha detto il messaggio. Al fine di prevenire un'ulteriore diffusione, tutte le misure di monitoraggio necessarie nel dipartimento sanitario erano state avviate immediatamente. Ciò includeva anche la ricerca di tutte le persone con cui l'uomo aveva avuto stretti contatti negli ultimi 2-6 mesi. Per esempio, altri residenti in alloggi comunitari, assistenti sociali, addetti alle pulizie o agenti di polizia. Se queste persone di contatto fossero in stretto contatto con altre persone, non dovrebbero essere incluse negli esami ambientali preventivi, "poiché la tubercolosi può essere trasmessa solo dai malati", continua il distretto di Oberhavel.

L'infezione si verifica principalmente attraverso l'infezione da goccioline
La tubercolosi (TBC) è una malattia infettiva cronica infettiva precedentemente nota come "consumo". I trigger sono i cosiddetti "micobatteri", che colpiscono principalmente i polmoni e sono trasmessi principalmente dall'infezione di goccioline quando si tossisce, starnutisce e parla. In genere, all'inizio compaiono sintomi non specifici come tosse, sudorazione notturna e una temperatura leggermente elevata. I reclami aumentano in seguito e ad es. febbre alta, tosse persistente con espettorazione e difficoltà respiratorie. Ora la malattia può essere curata con antibiotici. Tuttavia, poiché i farmaci necessari non sono disponibili in molti paesi per motivi di costo, la TBC rimane la malattia infettiva fatale più comune in tutto il mondo.

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: TG BASSANO 13092018 - MIGRANTE CON LA TBC: BASSANESI PREOCCUPATI (Agosto 2020).