Notizia

L'infiammazione intestinale cronica viene spesso scoperta in ritardo


Le malattie intestinali sono spesso diagnosticate come sindrome dell'intestino irritabile - a volte c'è molto altro dietro
Tutti conoscono diarrea, crampi e lamentele simili. La maggior parte delle persone sottovaluta tali sintomi. Si spera spesso che queste malattie scompaiano da sole. Molti vogliono evitare l'imbarazzante visita dal medico e pensano che il problema possa essere risolto con il tè e il riposo a letto. Tuttavia, queste difficoltà non dovrebbero essere sottovalutate. Può anche essere causato da malattie croniche come la malattia infiammatoria intestinale sotto forma di morbo di Crohn o colite ulcerosa.

320.000 persone in Germania soffrono di malattie croniche intestinali
Malattie e disturbi legati a problemi intestinali sono generalmente scomodi. A molti malati non piace parlare del loro problema. Spesso i malati sperano che il problema si risolva da solo in pochi giorni. Tuttavia, se si hanno crampi addominali gravi e costanti o si continua a lamentarsi dei sintomi persistenti, si potrebbe avere una malattia infiammatoria cronica intestinale: coloro che vanno dal medico con tali problemi spesso ottengono la diagnosi di sindrome dell'intestino irritabile. Secondo la German Crohn's Disease / Ulcerative Colitis Association (DCCV), questo termine è diventato una parola d'ordine in medicina. Il disagio può anche essere un segno di una malattia grave, grave. Secondo l'agenzia di stampa dpa, citando il DCCV, oltre 320.000 persone in Germania ne sono colpite. Le forme più comuni della malattia sono la malattia di Crohn e la colite ulcerosa.

Malattie difficili da riconoscere
La colite ulcerosa è cronicamente infiammata. Nella malattia di Crohn, tuttavia, ogni sezione del tratto digestivo può essere interessata. Secondo la prof.ssa Britta Siegmund, direttrice della clinica medica con specializzazione in gastroenterologia, infectiologia e reumatologia presso lo Charité di Berlino, l'attenzione non è sempre rivolta alla diarrea. "A volte i sintomi sono più di una sensazione generale di malattia, febbre o dolore", ha affermato l'esperto. La colite microscopica meno nota è, secondo il DCCV, molto simile nei sintomi al sintomo dell'intestino irritabile. Il prof. Ahmed Madisch (Hannover), che lavora con il DCCV, ha spiegato: “A prima vista, un intestino irritabile e una colite microscopica non possono essere distinti l'uno dall'altro. Questo è un grosso problema. ”In questi casi, solo una colonscopia seguita da campioni di tessuto porta davvero chiarezza. In molti pazienti, questo viene altrimenti erroneamente diagnosticato come intestino irritabile e viene quindi trattato in modo errato.

Terapie adeguate possono aiutare rapidamente
Esistono buone opzioni terapeutiche per la colite microscopica. Le medicine aiutano la maggior parte dei malati in modo rapido e affidabile. Il DCCV fornisce l'esempio del pensionato 61enne Edda Günther. Da un giorno all'altro, la donna anziana fu improvvisamente afflitta da una grave diarrea. Non importa cosa mangiasse il pensionato, fu espulso dal suo corpo dopo mezz'ora. Ciò ha portato a gravi disabilità nella loro routine quotidiana. Edda Günther evitava i luoghi in cui non c'erano servizi igienici. Il suo gastroenterologo ha riscontrato una colonscopia con campionamento dei tessuti secondo cui la colite microscopica era la causa della sua diarrea lancinante. La terapia farmacologica ha avuto effetto dopo solo due settimane e ha terminato le lamentele della donna. Da allora Edda Günther non ha avuto sintomi e anche la sua qualità di vita è tornata.

Secondo DCCV, il 75-80 percento della colite microscopica si verifica nelle donne di età superiore ai 50 anni. I ricercatori ipotizzano che in questa fascia di popolazione, la colite microscopica sia la causa della diarrea nel dieci percento dei casi.

Malattie croniche intestinali non curabili
Il prof. Siegmund ha dichiarato a Dpa che le malattie infiammatorie croniche intestinali non erano curabili. Ma è possibile impostare la maggior parte dei pazienti con farmaci in modo che possano condurre una vita normale e priva di sintomi. Naturalmente ci sarebbero anche casi in cui si verificano problemi e la terapia non funziona. La maggior parte del problema qui è che la malattia è riconosciuta troppo tardi e quindi non viene trattata in modo ottimale. Non tutti i reclami relativi ai farmaci possono essere sempre trattati in modo ottimale. Se si sono formate cicatrici, fistole o costrizioni, la chirurgia è indispensabile.

La corretta gestione della malattia migliora la qualità della vita
Che cosa esattamente causa malattie infiammatorie intestinali non è ancora noto. Le persone colpite dovrebbero condurre una vita sana in tempi senza sintomi. L'esercizio fisico e una buona alimentazione potrebbero aiutare a migliorare la qualità della vita. È anche importante che la cerchia di amici e conoscenti sia informata e abbia quindi l'opportunità di affrontare adeguatamente la malattia. Dovrebbe essere chiaro che, ad esempio, per tali pazienti sono impossibili attività più lunghe senza servizi igienici nelle vicinanze, ha affermato Wolfgang Kruis, capo medico della Clinica di Gastroenterologia, Pulmologia e Medicina Interna Generale dell'Ospedale Evangelico Kalk di Colonia dpa. (come)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali Morbo di Crohn e Rettocolite Ulcerosa Nuovi Approcci (Agosto 2020).