Notizia

Indagine scientifica: le linee elettriche ad alta tensione hanno un impatto sui livelli ormonali


Studio: le linee elettriche ad alta tensione hanno un impatto sulla salute
Le linee ad alta tensione hanno un impatto sui livelli ormonali, tuttavia fluttuano stagionalmente. I ricercatori hanno ora scoperto che i vitelli che sono stati esposti a campi elettromagnetici alternati producono meno dell'ormone del sonno melatonina in inverno che in estate. Ricerche precedenti hanno indicato un legame tra la soppressione della produzione di melatonina e l'insorgenza della leucemia infantile in prossimità di linee elettriche ad alta tensione.

Riduzione della produzione di ormoni del sonno in inverno
Le linee ad alta tensione hanno un impatto sui livelli ormonali, tuttavia fluttuano stagionalmente. L'Università di Duisburg-Essen (UDE) riferisce in un comunicato stampa che un team internazionale guidato dal Prof. Dr. Hynek Burda di UDE ha scoperto che i vitelli esposti a campi elettromagnetici alternati producono meno dell'ormone del sonno melatonina in inverno che in estate. Gli scienziati hanno ora pubblicato i loro risultati nel "Scientific Reports", una rivista specializzata del rinomato gruppo Nature.

Leucemia infantile vicino a linee elettriche ad alta tensione
La melatonina viene prodotta di notte nella ghiandola pineale del cervello e raggiunge quasi tutte le cellule del corpo attraverso il flusso sanguigno, dove svolge una varietà di funzioni. Controlla il ritmo quotidiano e notturno e aiuta a rafforzare il sistema immunitario. Si dice anche che protegga da malattie come il cancro o il morbo di Alzheimer. Precedenti studi hanno suggerito un legame tra la soppressione della produzione di melatonina e l'insorgenza della leucemia infantile in prossimità di linee elettriche ad alta tensione. Tuttavia, questo non è stato finora dimostrato chiaramente. In alcuni casi, le concentrazioni di melatonina negli animali mantenuti vicino alle linee ad alta tensione sono state aumentate, in altri casi sono state ridotte e talvolta non sono state colpite.

Le linee ad alta tensione influenzano la resa del latte dalle mucche
Un team internazionale di scienziati cechi, tedeschi e belgi ha ora studiato questo in modo più dettagliato. I ricercatori hanno esaminato un requisito centrale dell '"ipotesi della melatonina" utilizzando la saliva dei giovani vitelli da bestiame. Il capo dello studio, il prof. Hynek Burda, ha dichiarato: "Abbiamo scelto i vitelli perché gli agricoltori discutono da molto tempo se le linee elettriche ad alta tensione influenzano la salute e il rendimento dei loro bovini da latte. Inoltre, il nostro gruppo di lavoro è stato in grado di dimostrare in precedenza che i bovini percepiscono i campi magnetici ".

I campi magnetici elettromagnetici influenzano la produzione di melatonina
Il team è stato ora in grado di dimostrare che i vitelli producono effettivamente meno melatonina quando esposti a campi magnetici elettromagnetici. È interessante notare, tuttavia, solo in inverno, in estate l'effetto è anche leggermente invertito. “Questo effetto stagionale dell'influenza del campo magnetico è una nuova scoperta che dà nuova luce agli studi precedenti. Potrebbe anche spiegare perché finora ci sono stati risultati così incoerenti negli esperimenti ripetuti ", ha detto Burda.

Impatto sulla salute
Da ciò si può concludere che i campi magnetici alternati hanno ovviamente un impatto sulla salute. Tuttavia, questo è molto più complesso di quanto si pensasse in precedenza. Concludendo il comunicato stampa, l'impatto stagionale ora mostrato potrebbe essere fondamentale per comprendere i meccanismi alla base dell'interazione tra campi magnetici, fisiologia vegetativa e salute. Sebbene sia stato controverso tra gli scienziati per anni se e quanto siano pericolosi gli effetti delle linee elettriche e dei campi magnetici, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha messo in guardia in passato contro le radiazioni elettromagnetiche ad alta frequenza utilizzate nelle comunicazioni mobili. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Relazione del prof. Antonio FEDERICO (Agosto 2020).