Notizia

I movimenti lenti possono essere segni del Parkinson


Possibili segni: movimenti lenti possono indicare il Parkinson
Molte persone associano il morbo di Parkinson al tremore tipico. Tuttavia, vari altri segni possono anche indicare la malattia neurodegnerativa. Ad esempio, quando le persone anziane fanno solo brevi passi o parlano molto più silenziosamente di prima.

Muscoli rigidi e tesi
Più di quattro milioni di persone in tutto il mondo soffrono del morbo di Parkinson, una malattia neurodegenerativa. Secondo le stime, saranno interessate fino a 400.000 persone in Germania e la tendenza è in aumento. Nonostante tutti i progressi della medicina, la malattia non è ancora curabile, ma i sintomi possono ora essere alleviati. Una diagnosi precoce è importante. Oltre al tremore tipico, i segni di una malattia possono includere muscoli molto rigidi e tesi. In particolare, le braccia, le gambe e il collo possono quindi essere spostati solo con l'aiuto o per niente. La pagina di informazioni per i pazienti dell'Istituto per la qualità e l'efficienza nella sanità (IQWiG) lo ha sottolineato.

Parlare diventa più tranquillo e montone
Di conseguenza, il morbo di Parkinson (noto anche come morbo di Parkinson o paralisi del tremore) può anche essere evidente attraverso uno stile di vita sedentario. In tali casi, le persone colpite possono muoversi solo lentamente, ad esempio camminando con passi brevi. Inoltre, l'oscillazione delle braccia scompare quando si cammina. Parlare diventa più silenzioso e monotono. Sfortunatamente, tali segni spesso non vengono notati o notati in ritardo o visti come normali segni dell'invecchiamento.

Numerosi primi sintomi del Parkinson
Secondo gli esperti medici, i segni di questo possono essere visti da dieci a 20 anni prima dell'inizio del Parkinson. Oltre ai suddetti movimenti più lenti e cambiamenti nel linguaggio, peggioramento dell'olfatto, costipazione persistente, problemi di minzione e disfunzione erettile, vertigini, umore depresso, affaticamento generale, scarsa memoria, sudorazione, disturbi del sonno e irrequietezza interna sono i primi segni di una malattia. Inoltre, i sogni aggressivi e le grida durante il sonno possono essere i primi sintomi del Parkinson.

La malattia non può essere fermata
Una diagnosi affidabile è spesso difficile all'inizio, poiché molti dei primi sintomi compaiono in numerose malattie. Come con quasi tutte le malattie, prima è, meglio è. All'inizio della malattia, i sintomi possono essere migliorati con l'aiuto di droghe. Tuttavia, l'effetto si attenua nel tempo. Anche l'ergoterapia e la fisioterapia con esercizi di movimento e logopedia con formazione linguistica possono aiutare. La terapia comprende spesso attività fisiche e una dieta equilibrata e ricca di vitamine. Tuttavia, la morte delle cellule cerebrali non può essere fermata e quindi i pazienti con Parkinson di solito diventano cure infermieristiche nel corso successivo della malattia. La malattia del sistema nervoso colpisce soprattutto le persone di età superiore ai 50 anni. (anno Domini)
W2DC AID = ’016351a2cc0b08c03 ′]

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Giornata Nazionale Parkinson 2016 (Agosto 2020).