Notizia

Paraplegic può camminare di nuovo grazie allo scheletro del robot


"Exoskeleton": Paraplegic può camminare di nuovo
Un uomo degli Stati Uniti che era paraplegico dopo un incidente può camminare di nuovo. Ciò è stato reso possibile con l'aiuto di una specie di scheletro robotico. Questa tecnologia potrebbe eventualmente migliorare la qualità della vita e della salute di molte persone paralizzate in futuro.

L'uomo è rimasto paralizzato per anni
Mark Pollock ha dovuto affrontare molte cose della sua vita. Ma ora sembra letteralmente andare avanti. Come riporta il "Berliner Kurier" sul suo portale Internet, l'uomo nato nell'Irlanda del Nord ha perso la vista a 22 anni. Tuttavia, a quanto pare, l'atleta e l'avventuriero non si sono impediti di farlo e, in compagnia di due amici, è arrivato al Polo Sud nel 2008 dopo settimane di escursioni come primo cieco. Nel 2010, tuttavia, si è precipitato accidentalmente fuori dalla finestra del secondo piano, si è rotto la schiena ed è stato paralizzato dalla vita in giù.

Muoviti in modo indipendente grazie allo scheletro del robot
Ma ora una piccola sensazione è riuscita. L'ormai trentanovenne può stare di nuovo in piedi su entrambi i piedi e fare alcuni passi in modo indipendente. Sebbene debba indossare le stampelle e schiacciare il suo corpo in uno scheletro di robot, non deve più sedersi su una sedia a rotelle. Pollock aiuta gli elettrodi che vengono posizionati sulla sua pelle posteriore anziché impiantati nel midollo spinale. Secondo le informazioni, questi innescano impulsi che stimolano i nervi delle gambe intorpiditi tagliati dal cervello per muoversi.

Primi passi dopo poche settimane
Pollock è stato aiutato da un team di medici dell'Università della California (UCLA) guidato dal professor Reginald Edgerton. Gli scienziati hanno sviluppato un cosiddetto "esoscheletro robotico" che è specificamente adattato al suo fisico e dà al paziente la stabilità necessaria e lo mantiene in posizione verticale. Dopo poche settimane, il paziente è stato in grado di piegare in modo indipendente la sua sinistra e successivamente anche il ginocchio destro, sollevare le gambe e infine fare i primi passi. "Vedere come funzionano gli elettrodi, come sono andato avanti senza perdere la stabilità è stato emozionante ed estremamente emotivo", ha affermato Pollock in una recente conferenza stampa. “Improvvisamente la mia circolazione è ricominciata. Quando mi sono trasferito, ho avuto un impulso di 138. Non ho nemmeno iniziato a farlo nel mio tempo sulla sedia a rotelle. ”

Il metodo potrebbe migliorare la qualità della vita delle persone paralizzate in futuro
Il professor Edgerton ha dichiarato: "I problemi circolatori e del sistema nervoso sono comuni nei pazienti su sedia a rotelle". In futuro, la combinazione di movimento muscolare stimolato ed "esoscheletro" potrebbe migliorare la qualità della vita e della salute di molte persone paralizzate. Il professor Edgerton ritiene che Pollock possa dare coraggio a chiunque "sia gravemente ferito ma non completamente paralizzato". L'energia e la forza di volontà del paziente sono diventate note, tra le altre cose, attraverso il suo viaggio al Polo Sud. "Con fondi sufficienti, potremmo fare molto per far progredire la ricerca e la tecnologia", ha affermato Edgerton.

Trattamento efficace con terapia cellulare
Tuttavia, questo metodo non è l'unico che può aiutare alcune persone paralizzate a camminare di nuovo. È stato riferito l'anno scorso che un paziente che era stato paralizzato dal petto in giù a causa di un attacco di coltello per quattro anni è stato trattato con cellule nervose dal naso alla spina dorsale ferita durante il trattamento in Polonia con il supporto di ricercatori britannici. Dopo questa terapia cellulare, il paziente è stato presto in grado di muoversi di nuovo senza ausilio per la deambulazione. Tuttavia, i critici hanno sottolineato che non c'erano prove scientifiche che le cellule trapiantate fossero responsabili dei progressi del paziente. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Exoskeleton robot allows paraplegics to walk (Agosto 2020).