Notizia

Norovirus: oltre 110 persone contraggono infezioni gastrointestinali


Le autorità di Birkenfeld prevedono ulteriori casi
A Birkenfeld, Renania-Palatinato, oltre 100 persone hanno contratto un'infezione gastrointestinale. Come riferito dall'amministrazione distrettuale, i partecipanti a un corso di formazione della Croce Rossa tedesca (DRK), nonché i dipendenti e i pazienti della Fondazione Elisabeth DRK di Birkenfeld sono particolarmente colpiti. Le autorità attualmente ritengono che i norovirus siano la causa delle numerose infezioni.

Sintomi tipici dopo aver mangiato nella mensa DRK
Nella cittadina di Birkenfeld (Renania-Palatinato) dozzine di persone hanno un'infezione gastrointestinale. Secondo l'amministrazione distrettuale, ciò riguarda principalmente le persone che hanno frequentato un corso di formazione presso la Fondazione Elisabeth della Croce Rossa tedesca (DRK), ma anche numerosi pazienti e dipendenti dell'ospedale associato.

I sintomi tipici, come nausea, vomito e diarrea, sono quindi comparsi mercoledì sera, in particolare tra quelli che avevano mangiato nella mensa della struttura DRK. Giovedì pomeriggio sono stati segnalati ancora 80 casi, ma il numero di persone colpite è salito a 110.

33 dei malati sono ancora in terapia ospedaliera, ma secondo la direzione della clinica sono tutti in via di guarigione. "Nessuno è in condizioni critiche", secondo l'amministrazione del distretto di Birkenfeld.

Norovirus rilevato in due su sei campioni
Dopo la prima analisi dei campioni di feci, si presumeva che i norovirus fossero la causa. Questi potrebbero essere stati rilevati dal Landesuntersuchungsamt (LUA) in due campioni su sei. "Insieme ai sintomi descritti e alle dinamiche dell'evento, questa scoperta parla dei norovirus come la probabile causa della malattia", cita la LUA nel messaggio. Ulteriori esami seguiranno venerdì, ma a causa dei progressi finora compiuti, ci si possono aspettare ancora più malattie.

La protezione civile rimuove nuovamente la barriera
Giovedì sera, il dipartimento della protezione civile ha nuovamente chiuso il sito dopo che l'amministrazione ha innescato un allarme di catastrofe e sigillato l'intera area. Tuttavia, la Fondazione Elisabeth aveva "isolato spazialmente i pazienti interessati e adottato ampie misure di disinfezione" e il corso sarebbe stato sospeso oggi, secondo il rapporto. Al fine di prevenire un'ulteriore diffusione, i malati a casa devono osservare rigorosamente alcune misure igieniche, come ad esempio igiene accurata e igiene delle mani, nonché lavaggio del corpo e della biancheria da letto almeno a 60 ° C. (No)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Tumori gastrointestinali: i pazienti reclamano il diritto a unassistenza equa (Agosto 2020).