Notizia

Studio sul fumo: i fumatori alleviano la società tedesca dalla morte prematura


Prima morte: i fumatori alleviano l'onere finanziario per la società
Gli scienziati hanno calcolato che i fumatori forniscono un aiuto finanziario alla società tedesca. Ciò è dovuto principalmente al fatto che in media muoiono diversi anni prima, eliminando così le pensioni di vecchiaia. Inoltre, i fumatori pagano centinaia di miliardi di tasse sul tabacco.

Alto rischio per la salute derivante dal consumo di tabacco
Il fumo nuoce alla salute. I fumatori si ammalano e muoiono non solo di cancro ai polmoni ("https://www.heilpraxisnet.de/naturheilpraxis/raucher-erkranken-und-sterben-nicht-nur-an-lungenkrebs-2015042232678") ma anche di numerose altre malattie come il cuore -Malattie circolatorie, arteriosclerosi (indurimento delle arterie) o broncopneumopatia cronica ostruttiva BPCO (polmone fumante). Il consumo di tabacco non è solo un onere per la salute, ma anche un onere finanziario per la società.

In uno studio precedente condotto da scienziati dell'Helmholtz Zentrum München, è emerso che i costi medici del fumo erano più elevati del previsto ("https://www.heilpraxisnet.de/naturheilpraxis/krankheitkosten-beim-rauchen-hoeher-als-angenommen-9017733.php ") erano. Sono stati inclusi non solo i costi delle cure mediche, ma anche, tra le altre cose, i costi della perdita del lavoro. Tuttavia, un nuovo studio ora conclude che i fumatori forniscono un aiuto finanziario alla società.

I fumatori muoiono cinque anni prima
Lo studio del professor Berthold Wigger e del suo collega Florian Steidl dell'Istituto di tecnologia di Karlsruhe (KIT) è giunto alla conclusione che i fumatori in Germania alleggeriscono i fondi di previdenza sociale e i contribuenti in Germania entro la fine dei miliardi di dollari. Come riportato dall'agenzia di stampa dpa, gli autori dello studio forniscono la ragione principale del fatto che i fumatori muoiono circa cinque anni prima dei non fumatori e di conseguenza non ricevono più pensioni e pensioni di vecchiaia. Secondo loro, questo effetto è finanziariamente molto maggiore dei costi aggiuntivi di cure mediche aggiuntive o del ritiro anticipato dei fumatori dalla vita lavorativa.

Centinaia di miliardi di entrate fiscali per il tabacco
"Abbiamo esaminato per la prima volta il costo netto del fumo in Germania", ha dichiarato Wigger all'agenzia di stampa tedesca. Era solo una questione di costi a carico del grande pubblico. I ricercatori hanno scelto un nuovo approccio per le loro indagini. Come riportato, nel 2011 hanno modellato una società teorica, non fumatori e reale l'una contro l'altra per un ciclo di vita di 89 anni e hanno calcolato quali costi e risparmi aggiuntivi ciò comporterebbe per la società. Da ciò hanno concluso che la società reale costa 36,4 miliardi di euro in meno per tutti. Secondo le informazioni, il 30 percento degli uomini e il 21 percento delle donne fumano all'interno.

Inoltre, tutti i fumatori pagherebbero insieme 376 miliardi di euro di tasse sul tabacco durante la loro vita, che non verrebbero riscossi senza prodotti del tabacco. "Le tasse sul tabacco sono difficili da giustificare se si considerano i costi netti esterni", ha affermato Wigger. Tuttavia, ciò non ridurrà l'alta popolarità delle imposte sul tabacco presso le autorità fiscali.

I ricercatori giungono a conclusioni diverse
In altri studi, i ricercatori hanno ottenuto risultati completamente diversi. I costi annuali del fumo in Germania sono talvolta stimati tra 30 e 35 miliardi di euro e talvolta addirittura fino a 90 miliardi di euro. Ciò sarebbe compensato solo da un reddito di 14 miliardi di euro dall'imposta sul tabacco. "Questi sono calcoli lordi, abbiamo determinato effetti netti", ha detto Wigger. Ad esempio, se un fumatore ha ceduto al cancro del polmone a 70 anni, non poteva più morire di cancro al colon a 80 anni. Alla fine, il tasso di mortalità è del 100 percento e muoiono anche i non fumatori. Pertanto, i costi netti sono stati mantenuti nei limiti. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte


Video: Danni del fumoFondazione Umberto (Agosto 2020).